Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Il rendimento è un premio al rischio assunto


Quando vi chiedete come mai guadagnate poco, ricordatevi anche quanto siete disposti a rischiare
Il rendimento è un premio al rischio assunto

 

Abbiamo più volte detto, nel corso degli ultimi mesi, che la finanza non è magia, bensì una scienza, con delle regole e delle leggi.
Una di queste “leggi”, da non dimenticare mai è: “il rendimento è un premio al rischio assunto”.

In generale gli italiani si dicono molto prudenti, non vogliono rischiare nulla, tanto che lasciano spesso i loro soldi in conto corrente. Quando, però, mi capita di entrare nel merito di qualche posizione titoli personale di chi dichiara di non voler rischiare, trovo per lo più, azioni della banca o di altre società italiane, BTP od obbligazioni bancarie.
Ma come si fa a capire che cos’è tanto e cos’è poco? Qual è il punto di riferimento da cui si parte per poter decidere che rischio assumersi?

Titoli di Stato, tristi guadagni?

Prendiamo ad esempio i BTP, titoli di Stato del nostro Paese. Come funzionano? A grandi linee cercate di ricordare questo: i titoli di Stato sono dei prestiti che il nostro Governo chiede a chi compra BTP, in cambio della restituzione del capitale più di una quota di interesse. Quanto è più solido lo Stato tanto più bassi saranno gli interessi riconosciuti.

In Europa il tasso di riferimento dei titoli di Stato è quello tedesco. Ogni Titolo di Stato, quindi, viene confrontato con il BUND per capire il grado di rischio che si assume quando se ne comprano sul mercato. La differenza tra il tasso tedesco e quello di un altro titolo di Stato si chiama Spread. Più lo Spread è alto e più grande è il rischio che viene assunto nell’acquistare un titolo, ma più alto sarà il rendimento che mi verrà riconosciuto.

Per farvi capire, oggi un BTP italiano con scadenza 5 anni riconosce un rendimento del 1,84%, un BUND tedesco da un rendimento negativo del -0,59% e un titolo della Grecia dà l’1,79%: quindi, chi non vuole rischiare dovrebbe accettare rendimenti negativi sui suoi risparmi, mentre chi è propenso al rischio porterebbe a casa un rendimento lordo attorno al 2%.

Se volete guadagnare il 14% dovete andare a cercare Titoli di Stato Nigeriani, è chiaro che la restituzione del vostro capitale non è però per niente scontata!

E le altre obbligazioni come funzionano?

Le obbligazioni delle banche o di altre società private hanno il medesimo funzionamento: se la mia banca è meno solida dello Stato in cui opera, riconoscerà ai suoi investitori un tasso di interesse più alto, rispetto a quello dei titoli di Stato.

Per capire quindi, cosa convenga comprare bisogna confrontare il tasso promesso dalla banca con quello dei BTP; se è più alto significa che guadagnerò di più, ma significa anche che sto comprando più rischio.

In questa casistica troviamo anche le obbligazioni in valuta estera. Anche in questo caso, spesso, la cedola alta è uno specchietto per le allodole per chi è in cerca di rendimenti facili. Qui il rischio non è collegato a chi emette il debito (spesso banche internazionali), ma dipende dal fatto che le valute estere scelte sono collegabili a Paesi dalla dubbia stabilità e la cui valuta sopporta fluttuazioni importanti. Dietro la promessa di un 10% di cedola si nasconde la possibilità che le valute in cui vengono denominate, possano perdere anche il 20%-30%.

Non c’è, quindi, scampo alla legge che prevede che ad alto rendimento corrisponda alto rischio.

Dunque, quando vi chiedete come mai guadagnate poco, ricordatevi anche quanto siete disposti a rischiare.

 

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Come investire oggi i propri risparmi

Cosa fare con i propri risparmi oggi che Il mondo è cambiato? Trasformiamoci da risparmiatori ad investitori con tempo, metodo e il giusto compagno di viaggio

Continua

Coppie senza figli, chi eredita?

Gli strumenti a disposizione per tutelare il patrimonio delle coppie senza figli in caso di premorienza di un coniuge

Continua

TFR, perchè averlo farà la differenza

Come poter integrare la pensione INPS per mantenere il proprio tenore di vita utilizzando il TFR

Continua

Il testamento, così importante e così poco utilizzato...

Il testamento: uno strumento che riserva importanti facoltà a chi lo redige, ma che in Italia viene utilizzato solo dal 5% delle persone

Continua

Fondo pensione, perché è così importante

Solo il 23% dei lavoratori dipendenti ha aderito a fondi pensione. I più penalizzati saranno i giovani di oggi

Continua

Investiamo più soldi per avere più soldi, ma è davvero così?

Su questa affermazione siamo sicuramente tutti d’accordo.

Continua

Come assicurarsi una vecchiaia serena

Tra i bisogni della persona, quello di assicurarsi una vecchiaia serena è il più gettonato. Ecco come fare

Continua

Conto corrente cointestato, di chi sono i soldi?

Il conto cointestato è molto diffuso, eppure le sue implicazioni sono tutt’altro che semplici

Continua

Cos'è libra, la nuova valuta di facebook?

Libra sarà utilizzabile solo dal 2020 e permetterà di scambiarsi denaro senza passare per il tramite di una banca

Continua

Come fare i conti con la longevità

E' necessario avere un progetto finanziario personalizzato per la sicurezza finanziaria nel futuro

Continua