Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Pianificare ed investire con successo


Non basta semplicemente investire, ma bisogna pianificare per raggiungere con successo i propri obiettivi di vita
Pianificare ed investire con successo
Il 30% del totale della ricchezza degli italiani giace su conti correnti e libretti di risparmio.
Si tratta di 1.500 miliardi di euro di risparmi infruttiferi, che le famiglie italiane non investono per motivi principalmente legati ad un’eccessiva avversione al rischio e ad una carente cultura finanziaria. Di questi millecinquecento miliardi di euro, la maggior parte sono di fatto fermi per paura o per incertezze legate al futuro. Li si tiene lì, per imprevisti che nella maggior parte dei casi non accadranno mai, oppure semplicemente perché non si ha idea o coscienza di cosa farne. Mantenere una parte di liquidità per soddisfare le nostre esigenze di breve termine può essere una scelta tanto naturale quanto saggia, ma mantenerne in eccesso senza motivi ben precisi è senza dubbio una "non scelta" alla quale conseguono costi ed, in alcuni casi, anche rischi.
Non investire equivale già a 'perdere' perché dobbiamo, prima di tutto, fare i conti con l’inflazione, i cui effetti, seppur in Italia abbiano raggiunto negli ultimi anni valori minimi se non negativi, nel medio-lungo erodono inesorabilmente il potere d’acquisto del nostro denaro. Infatti, lasciando i nostri risparmi parcheggiati su conti correnti e libretti di risparmio infruttiferi per lungo tempo non potremo far altro che osservarne inermi la perdita del loro valore reale.
Infatti, così facendo, negheremmo ai nostri soldi la possibilità di incrementare il loro valore grazie ai rendimenti medi annui delle attività disponibili sui mercati finanziari, allo stesso modo e con gli stessi tempi in cui non li investiremmo in un’attività economica d’impresa.
Per far ciò, ovviamente, ci vuole pianificazione, strategia, metodo e consapevolezza.
E’ in questa fase che entrano in gioco diversi fattori.

Prima di tutto è opportuno tenere ben in mente i principi fondamentali di un corretto investimento:
Investire per obiettivi personali; Diversificare gli investimenti per tipologia di strumento, mercato ed area geografica; Non perdere di vista il rapporto rischio/rendimento.
I tre punti in precedenza elencati sono in stretta connessione tra di loro ed assumono tutti la stessa importanza. In generale, più il nostro obiettivo è lontano nel tempo, più l'orizzonte temporale a disposizione è ampio, più possiamo permetterci di avere un rapporto rischio/rendimento alto.
Partendo con questi paletti ben chiari e definiti, sarà lo stesso investitore a determinare con quanta e quale parte del suo patrimonio è disposto a costruire una o più strategie, con un rapporto rendimento/rischio basso, medio o alto, allo scopo di raggiungere il suo obiettivo di spesa lontano "ics" anni.
Ad esempio, chi 20 anni fa ha deciso di iniziare ad investire una parte del proprio patrimonio nei mercati azionari mondiali, con l’obiettivo a scadenza di utilizzarlo per l’istruzione dei propri figli, ha visto il suo capitale, utilizzato per questo obiettivo, quasi quadruplicarsi. Fin qui sembra tutto fin troppo facile. Ecco che però entra in gioco il nemico numero uno degli investitori: l’emotività.
Non è l’oscillazione (volatilità) in sé dei prezzi dei beni o dei titoli in cui si è investito il vero nemico dell’investitore, ma è la sua reazione ed il suo grado di sopportazione emotiva a tale oscillazione.
Più il rapporto rischio/rendimento è alto, più queste oscillazioni sono ampie, più le nostre emozioni sono stimolate e, di conseguenza, più alta è la probabilità che possiamo commettere errori di comportamento durante il viaggio temporale che ci dovrebbe condurre all’obiettivo prefissato.
Spesso, a causa della nostra emotività ed in particolare della "paura di perdere o di non guadagnare" commettiamo il più classico tra gli errori (bias comportamentali) del piccolo investitore, quello che va contro ogni principio del commercio: vendere a prezzi bassi ed acquistare a prezzi alti.
In realtà dovrebbe essere l’esatto contrario.
In conclusione, investire con cognizione di causa dovrebbe essere un dovere di ogni buon padre di famiglia, non una forzatura.
Tutti siamo in grado di porci obiettivi di vita in relazione alla nostra età ed al nostro status quo, ma se vogliamo avere successo negli investimenti, dobbiamo sforzarci a perseguire e raggiungere questi obiettivi, pianificandoli in armonia con la propria tolleranza al rischio, senza però farci condizionare troppo, lungo il cammino, dalle nostre effimere emozioni, le quali, altrimenti, finirebbero per condurci su strade più tortuose.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Novità per i fondi pensione

In caso di perdita di lavoro, anche le posizioni ad adesione individuale potranno richiedere il riscatto integrale in capitale

Continua

Come e dove investire nel 2018

Affidarsi totalmente alle previsioni o alla sfera di cristallo non è la cosa giusta

Continua

Una strategia per investire con buon senso: il PAC

Come investire con meno rischio, eliminando la paura di sbagliare la tempistica

Continua

Come scegliere il proprio consulente finanziario

La nuova figura del professionista ed il suo ruolo per le famiglie e gli investitori

Continua

Tre regole per la sicurezza finanziaria

Mercati incerti, tassi negativi e crisi bancarie: piccole regole per difendersi

Continua

Aumento tassi: le conseguenze per le obbligazioni.

Cosa accade alle nostre obbligazioni se aumentano i tassi di interesse?

Continua

Gestire la liquidità: come evitare l’erosione del capitale

Il denaro che non serve per le spese ordinarie bisogna utilizzarlo per perseguire obiettivi futuri

Continua

Punti di forza e di debolezza delle Polizze Vita

Cosa sapere prima di sottoscrivere una prodotto assicurativo di tipo finanziario

Continua

Polizze Vita: cosa davvero ha deciso la Cassazione

L'ordinanza della Cassazione n.10333/2018 segna davvero un punto di svolta per il mondo delle Polizze Vita?

Continua

Investimenti in fondi e Italexit: conseguenze?

Cosa accadrebbe ai miei investimenti in fondi in caso di uscita dell’Italia dall'Euro?

Continua

Una strategia per investire con buon senso: il PAC

Investire con successo riducendo il rischio e tenendo a bada le emozioni

Continua

HOME BIAS: uno tra gli errori più comuni degli investitori.

Perché ci affezioniamo, sbagliando, ai titoli del nostro Paese

Continua

Perché conviene iscriversi ad un Fondo Pensione il prima possibile

Iscriversi ad Fondo Pensione il prima possibile porta un grosso vantaggio fiscale

Continua

Se perdo il lavoro posso riscattare il mio Fondo Pensione?

Cosa cambia con l'approvazione della Legge sulla Concorrenza del 29 Agosto 2017

Continua

Investire per obiettivi

Il metodo della contabilità mentale per obiettivi può aiutare ad investire con successo

Continua

Una strategia per investire sui massimi di mercato

Se il mercato azionario è ai massimi storici, in che modo posso investire riducendo il rischio di acquistare sul picco di prezzo più alto?

Continua