Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Più consulenti, meno impiegati bancari


La trasformazione in atto nel sistema distributivo bancario italiano
Più consulenti, meno impiegati bancari
Il posto in banca fino a una quindicina di anni fa, era considerato sinonimo di sicurezza, un lavoro ben retribuito, tranquillo addirittura, senza spinte, pressioni, noioso in certi casi.
Oggi gli impiegati bancari, quei pochi rimasti e ancora meno in un prossimo futuro, sono meno garantiti dal punto di vista lavorativo, sono continuamente pressati a vendere prodotti spesso in conflitto di interessi o, ancor peggio, di prodotti non sempre adatti alla clientela cui si rivolgono.
Entro il 2020 in Italia verranno meno tra i 20.000 e i 25.000 posti di lavoro nel settore bancario: gli esodi per ora restano ancora volontari, spesso si ricorre al prepensionamento, non ci sono licenziamenti e non c’è cassa integrazione. Grazie al Fondo di Solidarietà in 10 anni si sono gestiti tutti gli esodi. Ma fino a quando si potrà andare avanti così?
Il futuro chiede cambiamenti: si dovrà immaginare un innovativo modello distributivo del sistema bancario che metta al centro figure professionali esclusivamente dedicate alla consulenza e meno all’attività di sportello. Oramai il grosso delle operazioni viene svolto on-line per cui la vecchia figura dell’addetto risulta assolutamente inutile, obsoleta. L’81% dei clienti utilizza ormai i canali digitali delle banche soprattutto per le operazioni e i pagamenti di tutti i giorni
Il percorso oramai è tracciato: nei prossimi anni si prevede la chiusura di metà degli attuali sportelli bancari e uno snellimento del personale. La tecnologia ha messo in crisi strutturale un intero sistema che da decenni funzionava bene, e guadagnava tantissimo.
Alla crisi strutturale di un sistema definito da molti "bancocentrico" si è affiancata una lunga fase economica caratterizzata da bassi tassi di interesse, che insieme alle rettifiche su crediti imposte dalla BCE per ammortizzare la zavorra degli NPL (non performing loans) ha profondamente minato la redditività delle banche.
La soluzione? Ridursi e trasformarsi attraverso un cambio culturale e di mentalità profondo.
La novità quest’anno arriva da Intesa Sanpaolo che ha deciso di assumere 500 nuovi dipendenti da destinare all’attività di consulente finanziario attraverso un contratto ibrido: un part-time da dipendente, a cui si aggiunge un inquadramento come lavoratore autonomo. È questo il segnale di cambiamento che apre la strada al futuro di molte reti bancarie italiane.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Tasse di successione

Un'incognita per il futuro. Come affrontarla?

Continua

PIR - Piani Individuali di Risparmio

Un nuovo modo di investire nell'economia reale. Ora si può

Continua

Previdenza integrativa

Il miglior prodotto finanziario che esista

Continua

La pianificazione patrimoniale

La strada che ogni imprenditore deve seguire se ha a cuore la sua azienda

Continua

Banche e fintech

Una sfida destinata a lasciare molte vittime sul campo

Continua

Il contante? Questo sconosciuto, almeno in Cina

Analisi di un fenomeno che cambierà le abitudini di tutti, nessuno escluso

Continua

Il debito mondiale. Un debito "Monstre"

Siamo sommersi da un mare di debiti: 233 mila miliardi di dollari

Continua

PSD2: rischio o opportunità per le banche?

Dall'Home-Banking all'Open-Banking

Continua

Il Bitcoin e il suo valore: la Blockchain

Il futuro del mercato dietro il Bitcoin

Continua

TFR in azienda: conviene?

Perchè accantonare nel fondo pensione anzichè in azienda

Continua

Conto corrente quanto mi costi?

Siamo sicuri che venga premiata la fedeltà del cliente?

Continua

Il nuovo EURIBOR

Quale impatto per i mutui a tasso variabile?

Continua

I contributi silenti

Quando l'INPS prende e non restituisce

Continua

Tutta colpa del VIX?

La miccia che ha fatto esplodere le turbolenze sui mercati

Continua

La forza dei Piani Individuali di Risparmio

La forza dei PIR e la debolezza del mercato delle PMI

Continua

L'esigenza previdenziale

La mutata gestione della ricchezza e le riforme pensionistiche

Continua

Millenials e risparmio

I Millenials: che rapporto hanno con i soldi?

Continua

Trump e la deregolamentazione bancaria

l'Economia americana e il cambio delle regole del gioco

Continua

Pil Mondiale

Il ruolo fondamentale del consulente nell'analisi del portafoglio dei clienti

Continua

Gli sportelli bancari: quale futuro?

La filiale bancaria non sparirà, anzi....

Continua

Scattano maggiori controlli sull'uso del contante

Verranno segnalate all'UIF le operazioni in contante superiori a € 3000

Continua

Spread Btp Bund

Lo spread e il comportamento dei risparmiatori

Continua

Contanti e segnalazioni all'UIF

Attività di contrasto all'uso del contante

Continua

Risparmio ed educazione finanziaria

Italia paese ricchissimo, ma finanziariamente poco informato

Continua

Risparmiatori italiani e consulenza finanziaria

Il difficile rapporto degli Italiani con la consulenza finanziaria

Continua

Gli Italiani: risparmiatori o investitori?

Gli Italiani creano valore o fanno solo sacrifici?

Continua

R.I.T.A. - Rendita Integrativa Temporanea Anticipata

Vuoi anticipare la rendita della tua pensione integrativa? Ora è possibile farlo

Continua

I risparmiatori e il mercato

Il risparmio e una consapevole pianificazione finanziaria

Continua