Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Plusvalenze PEX e fase di start up aziendale


È applicabile il regime PEX (Partecipation exemption) ex art. 87 Tuir anche nel caso di cessione di una partecipazione in società commerciale in fase di start up
Plusvalenze PEX e fase di start up aziendale

La riforma fiscale del 2003 ha introdotto, mutuando tale regime da altri Stati che già l'adottavano, un regime di (quasi) totale esenzione delle plusvalenze realizzate dalla cessione di partecipazioni in società che:

a) siano state detenute dal cedente per un holding period ininterrotto dal 1° giorno del 12° mese precedente a quello dell'avvenuta cessione;

b) siano state classificate dal cedente nella categoria delle immobilizzazioni finanziarie (e non nell'attivo circolante) nel primo bilancio chiuso durante il periodo di possesso;

c) siano afferenti a società la cui residenza fiscale è situata in uno Stato o territorio diverso da quelli a regime fiscale privilegiato;

d) svolgono un attività di impresa commerciale ai sensi dell'articolo 55 del Tuir.

Quest'ultimo requisito impone un controllo case by case nel caso di società di recente costituzione e/o in fase di start up in quanto deve - ai sensi dell'articolo 87, co. 2, del Tuir - «sussistere ininterrottamente, al momento del realizzo, almeno dall'inizio del terzo periodo d'imposta anteriore al realizzo stesso».

Una recente pronuncia della Suprema Corte di Cassazione, la n. 38066 del 19 ottobre 2021, pubblicata il 02 dicembre 2021 si sofferma su tale ultimo requisito e quindi sul soddisfacimento - o meno -  del requisito di "commercialità" da parte di una società che si trova nella fase di avvio della propria attività.

Dopo la riforma, il riconoscimento di tale requisito in favore delle società in fase di avvio dell'attività aveva riscontrato una totale chiusura da parte della prassi (vedasi Circolare n. 36/E/2004 e Risoluzione n. 323/E/2007, confermate dall'interrogazione parlamentare 5-01695 del 2009).

Correttamente però l'Agenzia delle Entrate con la Circolare n. 7/E/2013 ha rivisto tali orientamenti e fatto ricomprendere nel triennio di osservazione anche i periodi temporali caratterizzati dal realizzo di attività prodromiche finalizzate all'allestimento della struttura organizzativa aziendale necessaria all'esercizio dell'attività dell'impresa. Se appare pacifico che la mera costituzione della società non possa soddisfare il requisito, occorre quindi indagare su quali e quante attività prodromiche siano necessarie per poter beneficiare del regime PEX.

La recente Cass. 38066/2021, nel solco dell'orientamento tratteggiato dalle precedenti Cass. nn. 26532/2020 e 12138/2019, esaminando la ratio legis, ben comprende che la fase di avvio possa assumere "una diversa durata, complessità ed onerosità in relazione al settore economico di appartenenza ed al tipo di attività svolta, [e che] costituisce un fattore essenziale dell'attività commerciale ed, ancorché non idonea autonomamente a configurare l'esercizio di attività commerciale è suscettibile di assumere una connotazione commerciale, ai fini pex, nell'ipotesi in cui venga seguita dallo svolgimento dell'attività d'impresa. [..] Il requisito della commercialità può considerarsi sussistente già nella fase di start up sempre che la società partecipata, dopo aver ultimato le fasi preparatorie ed essersi così dotata di un apparato organizzativo autonomo, inizi successivamente a svolgere l'attività per la quale è stata costituita."

Dalla pronuncia pertanto si può evincere che l'analisi circa il soddisfacimento del requisito della commercialità debba necessariamente concretarsi in un approfondito esame dello stadio di sviluppo della start up al fine di verificare se siano stati realizzati quei "contenuti minimi" che consentono di poter accedere al regime PEX.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Leverage cash out: necessaria un analisi caso per caso

Recenti pronunce di merito e di legittimità sono spesso pro-Contribuente nei casi in cui questo riesca ad adeguatamente evidenziare valide ragioni extrafiscali

Continua

La rivalsa (sul cliente) della maggiore IVA accertata (al fornitore)

La maggiore IVA accertata, può essere recuperata mediante la rivalsa prevista dall'art. 60 del DPR 633/1972 in ossequio al principio di neutralità dell'IVA

Continua

Cedolare secca sugli affitti: profilo soggettivo del conduttore

Cedolare secca sugli affitti e inesistenza di (pretesi) requisiti soggettivi in capo al conduttore

Continua

Processo tributario e divieto di prova testimoniale

Il divieto di prova testimoniale non viene violato in caso di utilizzo da parte dell'Amministrazione finanziaria di "dichiarazioni di terzi".

Continua

Amministratori di fatto: responsabilità fiscali

Amministratori di fatto di società o associazioni: esame delle responsabilità in ordine alle sanzioni tributarie

Continua

Ricerca e sviluppo: ammesse al credito anche modifiche e migliorie

Sono ammissibili e agevolabili ai sensi dell'art. 3 del d.l. n. 145 del 2013 (Credito di imposta Ricerca e Sviluppo) le modifiche e/o migliorie dell'esistente

Continua

Valore probatorio dei messaggi istantanei nell'accertamento tributario

Esame del valore probatorio degli instant messaging system (iMessage e WhatsApp) nell'accertamento tributario alla luce di una recente pronuncia di merito

Continua

Omessa consegna di documenti: limiti e controlimiti all'inutilizzabilità

L'inutilizzabilità, in sede contenziosa, dei documenti non esibiti nelle fasi di accesso, ispezione e verifica, viene chiarito da una pronuncia della Cassazione

Continua

Accertamento: il confine tra induttivo puro e analitico induttivo

Esame del confine tra accertamento "induttivo puro" e accertamento "analitico-induttivo": i requisiti che consentono di non dare rilievo alle scritture contabili

Continua

Passaggio generazionale e studi di settore

La delicata fase del passaggio generazionale non consente una acritica applicazione dei metodi predittivi del reddito, come ad esempio gli studi di settore

Continua

Sale and lease back: natura del contratto e riflessi IVA

Parliamo di sale and lease back: natura del contratto e riflessi IVA

Continua

Accertamento anticipato: illegittimità dell'atto impositivo, salvo urgenza

Accertamento anticipato: l'avviso di accertamento preceduto da processo verbale di constatazione non può essere emesso prima dei 60 giorni, salvo urgenza

Continua