Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Polizze vita


Senza garanzia di restituzione del capitale è solo un investimento senza contenuto assicurativo
Polizze vita
La garanzia di conservazione del capitale alla scadenza è la condizione essenziale di una polizza vita che altrimenti è considerato un contratto di investimento finanziario ordinario e perde la natura assicurativa del prodotto. Questa è il contenuto della Sentenza della Corte di Cassazione n. 10333/2018 relativa alle polizze di Ramo III. Le conseguenze sono anche di carattere fiscale e nel campo del diritto successorio e riguardano un terzo del mercato delle polizze gli investimenti di molte famiglie.

Il ragionamento della Corte parte dalla precedente Sentenza n. 6061/2012, al di là della denominazione giuridica attribuita, l’identificazione come polizza vita con natura assicurativa avviene per quei prodotti in cui il rischio, dell’esistenza in vita dell’assicurato, è assunto dall’assicuratore: All’opposto è un contratto finanziario di investimento quando il rischio di performance è completamente a carico dell’assicurato.

A latere di questa importante definizione il Giudice ha anche puntualizzato che nel contratto assicurativo sottoscritto da due persone fisiche a mezzo di una fiduciaria, l’investitore non è da ritenersi la fiduciaria ma, bensì l’assicurato e cioè la persona fisica fiduciante e quindi l’intermediario finanziario è obbligato verso il fiduciante e non anche con la società fiduciaria.

A questo proposito assumono determinante valore normativo alcune pronunce della Consob (DI/98086703 del 4/11/1998 e DIN/6022348 del 20/3/0069 sulla possibilità, in base alla Legge n. 1966 del 1939, per le società fiduciarie, di interporsi ai fiducianti intestandosi contratti di investimento e di negoziazione e raccolta ordini per loro conto e rimanendo in capo diretto agli stessi la volontà contrattuale e le relative tutele.

L’eventuale inadeguatezza dell’operazione va riferita al fiduciante con conseguenza la risoluzione del contratto e quindi la restituzione del capitale e il risarcimento danni in caso di mancata comunicazione al cliente. Si sta trattando di contratti assicurativi con prestazioni legate al valore delle quote di fondi di investimento, indici azionari o altri valori di riferimento quali polizze unit linked e polizze index linked.

L’elemento differenziale dai prodotti tradizionali è dato dall’accollo all’assicurato del rischio finanziario derivante dall’oscillazione del valore delle quote mentre il rischio demografico risulta in capo all’assicuratore (Decisione della Commissione Europea del 12/1/2000, caso n. IV/M:1712, Generali /ina).

Altri aspetti differenziali riguardano il diverso trattamento tributario e i diversi regimi dei diritti dei creditori e degli eredi

Tra questi il Tax deferral a cui consegue il differimento della tassazione al riscatto parziale o totale della polizza con effetto il re-investimento anche dell’importo corrispondente all’imposta annua altrimenti da corrispondere. Infatti il risultato di gestione di un fondo comune è tassato annualmente sulle plusvalenze realizzate mentre il versamento dell’imposta per una polizza until linked avviene a fine contratto.

Per le imposte indirette il riferimento all’art. 12, comma 1, lettera c) del D. lgs. N. 346 del 31/12/1990. Con esplicita esclusione dall’attivo ereditario delle somme pagate per assicurazioni previdenziali volontarie o obbligatorie stipulate dal de cuius perché i premi delle polizze sono prestazioni dovute per contratti a favore di terzi (art. 1411 Cod. Civ.).

Circa la successione ereditaria le indennità spettanti ai beneficiari non rientrano nel patrimonio del defunto in quanto sempre prestazione di contratto a favore di terzo e non per successione legittima o testamentaria.

La riqualificazione della polizza come prodotto finanziaria rischia di far perdere i vantaggi fiscali ed ereditari al sottoscrittore.

Inoltre l’articolo 1923 C.c recita che le somme dovute all’assicurato o contraente non sono sottoponibili ad azione esecutiva cautelare e anche in caso di fallimento sottratte alla revocatoria fallimentare. È altresì scontata l’impignorabilità e l’insequestrabilità di cui al Cod. Civ. ma, se la polizza linked non fosse riconosciuta come previdenziale bensì come speculativa, secondo corrente indirizzo giurisprudenziale, diventerebbe pignorabile e sottoponibile a sequestro preventivo e conservativo.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Leasing, fallimento dell'utilizzatore

La Cassazione detta i criteri per la determinazione del credito del concedente. Cassazione civile sez. I, 13 settembre 2017, n. 21213

Continua

Circolazione Stradale

Cassazione civile, sez. VI, 11 Dicembre 2017, n. 29604.

Continua

Nullità contratti bancari, violazione della trasparenza

Violazione della normativa sulla trasparenza bancaria e nullità dei contratti di mutuo e leasing

Continua

Leasing finanziario, regime dei vizi della cosa

Regime dei vizi della cosa oggetto del contratto di fornitura. Vizi anteriori e successivi alla consegna

Continua

Illegittima segnalazione in CRIF

Risarcimento dei danni non patrimoniali per illegittima segnalazione in CRIF (Sentenza Tribunale di Brindisi 23 aprile 2018 - Dott. Natali)

Continua

Blockchain: i campi di applicazione

Con l’affermarsi delle cripto-valute, tra le più conosciute il Bitcoin, si affermano piattaforme tecnologiche come la tecnologia Blockchain

Continua

PSD2: payment legislative package

L’Italia, con l’approvazione del D.lgs. n. 218/2017, ha recepito la PSD2 e dato attuazione al regolamento sulle Interchange Fee

Continua

Contrattazione nell`epoca del lavoro digitale

Anche per il Lavoro gestito con piattaforme digitali nell’era della gig economy è giunto il momento della svolta nella regolamentazione

Continua

Mark to market oggetto del contratto derivato

La prevalente giurisprudenza attribuiva determinante evidenza alla causa del negozio per l’esercizio dell’azione di nullità contrattuale

Continua

Tassi usurari e prestiti bancari

Sono ricorrenti le notizie su banche che applicano degli interessi non dovuti sui mutui o prestiti di varia natura.

Continua

Non Performing Loans

Il 2016 è l’anno della svolta con cui il sistema bancario italiano ha fatto nascere uno dei primi mercati mondiali di crediti deteriorati

Continua

Italia paese di inventori?

Qual è l’effettiva motivazione di un livello così basso di presentazione di domande di brevetto depositate in Italia?

Continua

Ordine di investimento: è necessaria la forma scritta?

Cassazione Civile, sez. I, sentenza 08/02/2018 n° 3087

Continua

Cliente insolvente, la concessione del credito risulta abusiva

Quando la concessione del credito risulta abusiva?

Continua

Sentenza storica dilaziona un debito a trent’anni per sovra-indebitamento

Importante Sentenza del Tribunale di Parma in merito alla sovra esposizione debitoria

Continua

Quando l’investimento è rischioso? Banca e onere d’informazione

Cassazione civile, sez. I, sentenza 23/09/2016 n° 18702

Continua