Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Precariato Scolastico. Riflessioni da una sentenza di merito


Qualche considerazione in merito alla sentenza del Tribunale di Napoli Nord con la quale il MIUR è stato condannato al risarcimento nei confronti di un precario ATA
Precariato Scolastico. Riflessioni da una sentenza di merito

 

Ci piace riprendere il discorso, che ci ha spinto a occuparci del settore del diritto scolastico, riesaminando la parte motivazionale della sentenza, emessa dal Tribunale di Napoli Nord, n.4244/2018.

 

Il caso

Innanzitutto andiamo ai fatti, come concretamente svolti.
La ricorrente, infatti, da oltre 17 anni (e fino all’intervenuta stabilizzazione part-time) ha sempre svolto le medesime mansioni presso lo stesso Istituto, ragion per cui il Tribunale di Napoli Nord, con la sentenza n. 4244/2018 ha riscontrato l’assenza di ragioni oggettive in grado di giustificare la conclusione di contratti a termine per un periodo di tempo così lungo (17 anni) e, dunque, ha riconosciuto la responsabilità del MIUR per il rinnovo illimitato di contratti a termine per far fronte a croniche e ordinarie esigenze di servizio.

Per questi motivi il Tribunale ha condannato il Miur a risarcire la ricorrente con una cifra pari a 22 mensilità dell’ultima retribuzione globale di fatto ed a corrisponderle le differenze retributive maturate in ragione dell’anzianità di servizio, oltre interessi (c.f.r www.dirittoscolastico.it).

Chi avrà modo di leggere la detta sentenza, noterà, nella parte motivazionale, alcuni punti, già alla base delle varie pronunce Mascolo e della CEDU, che hanno, di fatto, dato l’avvio alle riforme della Buona Scuola.
Vedrà, soprattutto, che, in sostanza, i problemi da analizzare, affrontare e risolvere ancora permangono sulla carta.
Andiamo tuttavia, come accennato, alla parte motivazionale della sentenza.

 

Parte motivazionale della sentenza

Alla pagina quattro, per cominciare, sono riportati percorsi argomentativo-motivazionali già noti agli addetti ai lavori.

In particolare, viene espressamente stabilito che “il rinnovo di contratti di lavoro o di rapporti di lavoro a tempo determinato, al fine di soddisfare esigenze che, di fatto, hanno carattere durevole, non è giustificato ai sensi della clausola 5, punto 1, lettera a) dell’accordo quadro (c.f.r.)”.

Vengono poi citate le sentenze della Corte Costituzionale n. 187 del 2016, con la quale è stata dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’articolo 4 commi 1 e 11 della L. 124/1999, nella parte in cui autorizzava il rinnovo di contratti a termine senza ragioni obiettive oltre a Cass. 22552 del 07.11.2016, la quale, com’è noto, nello stabilire l’illegittima reiterazione di contratti a termine ha anche sancito il diritto al risarcimento del danno nella misura compresa tra le 2,5 e le 12 mensilità, utilizzando i parametri della L. 604/1966.

Il percorso argomentativo si chiude, di fatto, con la citazione della sentenza di Cassazione del 2014 che stabilisce la sussistenza di un danno di tipo comunitario, suscettibile di essere risarcito, con tutti i pregiudizi recati, siano essi retributivi, previdenziali o anche esistenziali.
E’ dunque interessante notare, anche da queste importanti e significative sentenze di merito, come ancora ad oggi, nonostante gli interventi legislativi, di fatto ancora sussistano pregiudizi significativi che, nel caso del personale ATA, sono suscettibili di essere tutelati dinnanzi alle nostre curie, al fine ivi di trovare ristoro.

E’ del pari interessante considerare come il problema del precariato, tra i docenti e il personale ATA, possa e debba ancora trovare un’esatta definizione, non solo per tutelare i bravi lavoratori della scuola, ma per mettere in linea la nostra scuola con le norme e la Comunità Europea.

Ancora, dunque, un plauso ai valenti colleghi, di cui mi accingo a commentare la sentenza e, per il resto, piace rimarcare e si confida che sia sempre così come la giurisprudenza, anche in questo caso, sia un baluardo di difesa per i lavoratori della scuola.

 

Articolo del:



L'autore è esperto in Diritto del lavoro
Vissani Michele
VIA MASSARELLI,60
62027 - San Severino Marche (MC), Marche


L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Danni da fauna selvatica agli automobilisti

Imputabilità: chi risponde dei danni? Il comportamento colposo della Pubblica Amministrazione e il danno della prova

Continua

Danno da disservizio telefonico

Problematiche di ordine generale e Giurisprudenza di merito. Prova del danno. Sentenze di merito

Continua

Mobilità Scuola

1) Norme costituzionali, Famiglia <br />2) Norme costituzionali, Algoritmo <br />3) Giurisdizione. Giudice ordinario o amministrativo? <br /> 4) Competenza territoriale

Continua

Competenza Territoriale Assegnazione Provvisoria

I) Problematica essenziale per il ricorrente. <br />II) Orientamenti di Legittimità rilevanti. III) Aspetti sostanziali. <br />IV) Orientamenti di merito

Continua

Disciplina delle mansioni e inattività lavorativa

I) Riforma della disciplina delle mansioni. <br />II) Casistica. Danni da inattività lavorativa. Considerazioni. <br />III) Brevi conclusioni

Continua

Mobbing e Straining: differenze

Mobbing e Straining: differenze tracciate dalla Cassazione Civile, sezione lavoro, ordinanza 19/02/2018 n° 3977

Continua

Danni da fauna selvatica: sentenze e commenti

Responsabilità solidale degli enti. Sentenza del Giudice di Pace di Pinerolo 25 Gennaio 2018

Continua

Foodora e subordinazione

Breve analisi della subordinazione e del caso Foodora anche ai fini dei contratti che vengono sottoposti ai lavoratori

Continua

Un punto sull'algoritmo

Alcune pronunce giurisprudenziali di merito sulla questione dell'algoritmo nella mobilità scolastica e alcune brevi considerazioni

Continua

Comodato: a chi spetta la manutenzione straordinaria

Breve commento e illustrazione delle motivazioni della recente sentenza di Cassazione Sezione Prima Civile 15 marzo 14 giugno 2018 15699

Continua

Comodato familiare e recesso

Un breve commento al recente orientamento della Cassazione sul recesso al contratto di comodato familiare

Continua

Commento alla sentenza Corte Cost. 158/2018 sulla Maternità

Alcune considerazioni sull’importante recente pronuncia del Giudice delle Leggi in tema di maternità

Continua

Pensione di invalidità. A chi spetta

Pensione di invalidità. Spetta solo ai residenti in Italia. Commento a Cass. 21901/2018

Continua

Infortunio in itinere. Anche in Bicicletta

Recente pronuncia di Cassazione: l'infortunio in itinere è risarcibile anche se in bicicletta

Continua

Parificazione servizi scuola. Commento a CEDU VI Sezione 20 settembre 2018

Un breve commento sulla recente pronuncia CEDU VI Sezione 20 settembre 2018

Continua

Mobbing: finalmente è una malattia professionale tabellata

Cass. Sez. Lav. 20774/2018: il mobbing è ora malattia tabellata INAIL

Continua

Criteri di calcolo del licenziamento illegittimo a seguito dell'incostituzionalità del Jobs act

Un commento alla recente sentenza del Tribunale di Taranto sui criteri per il licenziamento

Continua

Riconoscimento dei servizi pre-ruolo

Un breve excursus giurisprudenziale su alcuni orientamenti in merito al servizio pre -ruolo

Continua

Capacità di intendere e di volere e contratto di lavoro

E' sufficiente un turbamento psichico per impedire la volontà cosciente di rassegnare le dimissioni

Continua

Indennità di accompagnamento e Alzheimer

Analisi della normativa relativa all'indennità di accompagnamento, con particolare riferimente al morbo di Alzheimer

Continua

Accertamento tecnico preventivo in materia di invalidità civile

Un breve commento e alcune brevi considerazioni sull'articolo 445 bis cpc a completamento delle questioni sulla tutela per l'invalidità

Continua

Licenziamento legittimo per condotte disdicevoli dei lavoratori nella vita privata

Il lavoratore che ha un comportamento disdicevole in orario extra lavorativo mina il rapporto di fiducia con il datore di lavoro e può essere licenziato

Continua

I limiti del diritto di critica nell’ambito del rapporto di lavoro

Il diritto di critica del dipendente nei confronti del datore di lavoro va rapportato ai criteri della pertinenza, della continenza e della riservatezza

Continua