Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Prevenire è meglio che sfrattare


Le procedure di sfratto di conduttori morosi sono lunghe e farraginose. Per evitarle si può solo prevenire e minimizzare il rischio della morosità.
Prevenire è meglio che sfrattare
Purtroppo sempre più spesso "fittare" una casa ad un inquilino non è più sinonimo di rendita sicura.

Infatti se da una parte è vero che la crisi economica globale renda difficoltoso anche pagare i canoni di locazione tra privati, dall’altra le procedure di sfratto in caso di morosità esistenti nel nostro ordinamento sono farraginose, costose ed efficaci solo nel lungo, a volte lunghissimo, periodo.
Certo attivare una procedura di sfratto per morosità, tramite il patrocinio di un legale rivolgendosi all’ Autorità Giudiziaria è ancora l’unico mezzo legale per rientrare nel possesso del proprio immobile ove questo sia occupato da un conduttore moroso.
Quindi di fronte ad un simile scenario e in mancanza di una tutela legislativa alternativa a quella esistente l’unica strada percorribile per chi vuole locare il proprio immobile diventa quella della prevenzione.
Il proprietario, infatti, ha a disposizione tutta una serie di strumenti volti a garantirgli una locazione sicura o almeno, la più sicura possibile.
Prima di stipulare un contratto di locazione sarà necessario acquisire il maggior numero di notizie possibili sul conduttore: tipologia di lavoro svolto e eventuale contratto, con chi abiterà l’immobile, se le persone che vivranno con lui lavorano e dove e con quale busta paga e se sono disponibili ad essere inserite nel contratto di locazione.
Si possono richiedere delle referenze dallo stesso datore di lavoro o dal precedente locatore per capire se la persona in questione sia o meno affidabile.
Si possono chiedere delle garanzie per i canoni: fideiussioni bancarie, garanzie di terzi, cessioni di crediti, pagamenti anticipati.
Insomma la strategia è quella di sapere il più possibile del conduttore prima che questi prenda possesso dell’immobile.
Come sempre prevenire è meglio che curare.

Dopotutto, in mancanza di un sistema legislativo che tuteli la proprietà in tempi brevi l’unica alternativa possibile è quella della prevenzione, con la speranza di vedere, prima o poi, significativi interventi legislativi in tal senso.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La cittadinanza italiana per discendenza da donne

Il diritto alla cittadinanza deve essere riconosciuto anche a tutti i discendenti delle donne italiane nate prima del 1948 ed emigrate in altri paesi

Continua

La ex moglie ha perso il diritto al mantenimento?

In caso di separazione o divorzio, se l’ex-coniuge è in grado effettivamente di lavorare, l’altro coniuge non dovrà più versare il mantenimento

Continua

Come ci si separa o si divorzia consensualmente?

La legge attualmente vigente mette a disposizione delle coppie che intendono separarsi o divorziare diverse procedure per raggiungere questi obiettivi

Continua

Fisco e canoni di locazione non percepiti

Se il conduttore non paga i canoni, il locatore è comunque obbligato a pagare le corrispondenti tasse?

Continua

Doppio cognome per i figli

Dal 2017 è possibile per i neogenitori scegliere di aggiungere al cognome paterno del proprio figlio anche quello materno

Continua

L'obbligo del preventivo scritto per l'avvocato

Il DDL concorrenza ha introdotto l'obbligo per l'avvocato di redigere sempre un preventivo di spesa scritto, anche se non richiesto dal cliente

Continua

Assicurazione obbligatoria avvocati

Le nuove disposizioni normative in tema di assicurazione professionale per gli avvocati

Continua

Infiltrazioni al garage. Chi paga le spese?

Ripartizione delle spese per la riparazione del soffitto del box garage e del pavimento del sovrastante cortile condominiale

Continua

Impero Austro-Ungarico e cittadinanza italiana

I discendenti di persone nate nel territorio dell'Impero Austro-Ungarico hanno ancora possibilità di

Continua