Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Problemi con l’operatore telefonico? Risolviamo in conciliazione


Problemi con l’operatore telefonico? Internet a intermittenza? Si può risolvere in conciliazione e in via stragiudiziale
Problemi con l’operatore telefonico? Risolviamo in conciliazione

Con la recente sentenza n. 8241 del 28 aprile 2020, le Sezioni Unite civili, con riferimento al tema delle controversie tra le società erogatrici dei servizi di telecomunicazione e gli utenti, hanno sancito l’improcedibilità della domanda giudiziale in caso di mancato esperimento del tentativo obbligatorio di conciliazione di cui all’art. 1 della Legge n. 249 del 1997 propedeutico all’introduzione di una controversia in materia di telecomunicazioni.

Ne consegue che, ove difetti tale adempimento, il giudizio eventualmente intrapreso debba essere sospeso con concessione di un termine per svolgere il tentativo di conciliazione, fatti salvi tutti gli effetti della domanda giudiziale, e prosegua all'esito di esso.

Pertanto, in presenza di problemi legati all’operato della Compagnia telefonica, sarà possibile trovare una soluzione stragiudiziale attraverso la procedura prevista presto gli Organismi di conciliazione preposti.

I casi più comuni in cui è previsto il tentativo di conciliazione per controversie sorte nell’ambito della telefonia o della tv a pagamento sono:

  • disservizi da parte dell’operatore (interruzioni di servizio di telefonia e/o linea di rete);

  • contestazioni di pagamenti di importi non dovuti;

  • ricezione di servizi a pagamento non richiesti;

  • penali per recesso anticipato.

In tal modo, i fruitori dei servizi, sia privati che società che ritengono di aver subito la violazione di un proprio diritto, tutelato da un accordo di diritto privato o dalle norme del settore, possono cercare di risolvere bonariamente la questione insorta dinanzi ad un soggetto terzo e imparziale.

La richiesta deve essere, infatti, inoltrata all’organismo di conciliazione territorialmente competente. In caso di reti telefoniche fisse, la competenza si radica nel luogo di somministrazione del servizio; negli altri casi, si individua nel domicilio indicato dall’utente al momento della conclusione del contratto o, in mancanza, nella residenza o sede legale rispettivamente dell’utente o della società.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

COVID19: possibilità di sospendere il pagamento del canone di locazion

L’impossibilità di svolgere l’attività può essere causa della sospensione del pagamento del canone di locazione e della rinegoziazione dei canoni già corrisposti

Continua

Tamponamenti a catena e responsabilità

A chi deve essere addebitata la responsabilità nei c.d. tamponamenti a catena di veicoli? Responsabilità esclusiva dell'ultimo veicolo o concorso ex art. 2054 c.c.

Continua

Figli maggiorenni e diritto al mantenimento nelle coppie separate

Un figlio maggiorenne ha diritto al mantenimento a carico dei genitori solo se in grado di dimostrare di essersi adoperato per rendersi autonomo economicamente

Continua