Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Processo tributario e divieto di prova testimoniale


Il divieto di prova testimoniale non viene violato in caso di utilizzo da parte dell'Amministrazione finanziaria di "dichiarazioni di terzi".
Processo tributario e divieto di prova testimoniale

Come noto, una delle particolarità del Processo tributario è quella prevista dall'art. 7 comma 4 del D.lgs. 546/1992 ovvero il divieto di utilizzare in tale procedimento la prova testimoniale e il giuramento. Il Processo tributario identifica nella prova documentale la "prova regina" ritenendola il mezzo probatorio più idoneo per qualificare i fatti controversi. Tra i poteri delle Commissioni tributarie dunque, l'utilizzo di tale mezzo istruttorio è assolutamente escluso.

Tuttavia sovente accade che nel Processo vengano introdotte delle dichiarazioni rese nella forma di dichiarazione sostitutiva di atto notorio (ai sensi dell'art. 47 del DPR n. 445/2000) che possiamo in qualche modo assimilare - con le dovute cautele - alla prova per testi. Tali dichiarazioni tuttavia vengono acquisite "fuori-processo" dall'Amministrazione Finanziaria nell'esercizio (qui si) dei poteri istruttori conferiti e da qui prodotte nel processo. L'acquisizione pertanto avviene a cura (ed arbitraria scelta) di una parte (l'Amministrazione finanziaria) e non dal Giudice e non con le garanzie che i codici di rito prevedono per le prove testimoniali. In ciò pertanto si ravvede un primo disequilibrio in ordine ai canoni del "giusto processo" costituzionalmente garantito.

La Giurisprudenza tuttavia (per tutte Cass. 6616/2018) è costante nel ritenere che:

  1. l'utilizzo di dichiarazioni di terzi acquisite dall'amministrazione finanziaria sia ammissibile e non in contrasto con il divieto testè descritto di prova testimonale;

  2. il loro contributo assurge tuttalpiù al rango di indizio che tuttavia può e deve concorrere a formare, unitamente ad altri elementi, il convincimento del Giudice Tributario.

La riforma del Processo Tributario attualmente in itinere con l'istituzione di una team di esperti in materia, sarà l'occasione anche per approfondire e rivedere questo (attuale) vulnus del rito fiscale.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Leverage cash out: necessaria un analisi caso per caso

Recenti pronunce di merito e di legittimità sono spesso pro-Contribuente nei casi in cui questo riesca ad adeguatamente evidenziare valide ragioni extrafiscali

Continua

La rivalsa (sul cliente) della maggiore IVA accertata (al fornitore)

La maggiore IVA accertata, può essere recuperata mediante la rivalsa prevista dall'art. 60 del DPR 633/1972 in ossequio al principio di neutralità dell'IVA

Continua

Cedolare secca sugli affitti: profilo soggettivo del conduttore

Cedolare secca sugli affitti e inesistenza di (pretesi) requisiti soggettivi in capo al conduttore

Continua

Amministratori di fatto: responsabilità fiscali

Amministratori di fatto di società o associazioni: esame delle responsabilità in ordine alle sanzioni tributarie

Continua

Ricerca e sviluppo: ammesse al credito anche modifiche e migliorie

Sono ammissibili e agevolabili ai sensi dell'art. 3 del d.l. n. 145 del 2013 (Credito di imposta Ricerca e Sviluppo) le modifiche e/o migliorie dell'esistente

Continua

Valore probatorio dei messaggi istantanei nell'accertamento tributario

Esame del valore probatorio degli instant messaging system (iMessage e WhatsApp) nell'accertamento tributario alla luce di una recente pronuncia di merito

Continua

Omessa consegna di documenti: limiti e controlimiti all'inutilizzabilità

L'inutilizzabilità, in sede contenziosa, dei documenti non esibiti nelle fasi di accesso, ispezione e verifica, viene chiarito da una pronuncia della Cassazione

Continua

Accertamento: il confine tra induttivo puro e analitico induttivo

Esame del confine tra accertamento "induttivo puro" e accertamento "analitico-induttivo": i requisiti che consentono di non dare rilievo alle scritture contabili

Continua