Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Professionista e Sindrome del sacrificio


Sindrome del sacrificio, cosa c’entra con il professionista?
Professionista e Sindrome del sacrificio

Se chiedete a professionisti, dirigenti, manager cosa fanno nel tempo libero, se si concedono del tempo per dedicarsi a loro stessi, la risposta quasi sempre è che in questo periodo sono molto impegnati, che non hanno molto tempo per coltivare i loro interessi e che non possono fare diversamente, che non è il momento giusto.

Prima c’è il lavoro, o la famiglia, e poi alla fine loro, e quindi l’unico obiettivo è quello di lavorare fino in fondo per accontentare gli altri. I professionisti sono sempre gli ultimi della lista.

Quando però accadono cambiamenti imprevisti, per esempio nel lavoro, come il trovarsi di fronte ad obiettivi quasi irraggiungibili, ecco che allora subentrano stanchezza, demotivazione, stress. Ci si sente disorientati, non si capisce cosa sta succedendo. Prima d’ora ce l’avevano sempre fatta, ora non è più così.

Cosa è successo? È intervenuta la Sindrome del sacrificio! che emerge quando lo stress dall’avere troppe responsabilità non viene tenuto sotto controllo, riconosciuto e gestito.

Per le pressioni a cui si è sottoposti e per le richieste che il contesto attuale pone, impegno e competenza non sono sempre sufficienti a mantenersi in sintonia con i propri collaboratori o clienti, perché ci si dedica nel frattempo alla famiglia e ci si dimentica, per l’ennesima volta, di sé stessi.

In che modo un professionista può rimediare alla sindrome del sacrificio?
Ripensando valori, credenze, obiettivi: a volte sono un po’ troppo rigidi e non ci permettono di affrontare e superare i momenti di cambiamento.
Ridistribuendo il tempo dedicato a se stessi e agli altri, dando a ciascuno un po’ di spazio: se do troppo del mio tempo agli altri, poi ne resta poco per me.
Rimanenso in ascolto di sè stesso, conoscendosi meglio e gestendo meglio le proprie necessità.


Per essere forti bisogna amare se stessi; per amare se stessi bisogna conoscersi in profondità, sapere tutto di sé, anche le cose più difficili da accettare.
Susanna Tamaro

Se vuoi fare chiarezza riguardo alla tua cornice attuale, al modo in cui inquadri le tue esperienze, e imparare ad avere strumenti nuovi che ti permettano di avere a che fare con la realtà in modo diverso ed efficace, contattami!

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Il professionista emotivamente competente

Hai mai pensato che la conoscenza delle proprie emozioni, e il sentire quanto sente l’altro, sono abilità molto utili nel lavoro?

Continua

Obiettivi, Focus, Emozioni

Tre parole chiave che cooperano tra loro

Continua

Ottimismo e schemi mentali

&Egrave; meglio essere ottimisti e avere torto piuttosto che pessimisti e avere ragione. <br />Albert Einstein

Continua

Conosci te stesso, riconosci le tue potenzialità

Riconoscendo le nostre potenzialità, il lavoro può diventare meno noioso e stressante. Scopri come!

Continua

Schemi ripetitivi ed emozioni?

Sì, perché quando le nostre emozioni sono forti e inaspettate si legano ai nostri ricordi

Continua

Superare l’ansia di parlare in pubblico

Quando i trucchetti per parlare in pubblico non bastano...

Continua

La stessa persona!?

Quando i nostri ruoli diventano rigidi, ci dimentichiamo di noi stessi

Continua

Vivere senza stress? È possibile con la tecnica del FastReset

FastReset, accettiamo di avere un problema di stress e serviamoci degli strumenti per affrontarlo

Continua

Una Leadership riconosciuta e condivisa

Oggi vorrei iniziare con una storia che parla di fiducia reciproca in un gruppo coeso

Continua