Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Proroga versamenti 2019: nuovo calendario per la rateizzazione


Con la risoluzione 71/E/2019 l’AdE ha fornito chiarimenti sulle corrette modalità di versamento dei tributi in seguito allo spostamento delle scadenze al 30 settembre
Proroga versamenti 2019: nuovo calendario per la rateizzazione

 

L’Agenzia dell’Entrate, con la risoluzione n. 71 del 01/08/2019, ha specificato il nuovo calendario per chi sceglie di avvalersi della proroga al 30 settembre 2019 dei termini per il pagamento delle imposte.

Ricordiamo che, come chiarito con la risoluzione n. 64/E del 28 giugno 2019, la proroga al 30 settembre 2019 dei termini dei versamenti si riferisce a tutti i contribuenti che, contestualmente:

•    esercitano, in forma di impresa o di lavoro autonomo, tali attività prescindendo dal fatto che gli stessi applichino o meno gli ISA;

•    dichiarano ricavi o compensi di ammontare non superiore al limite stabilito, per ciascun ISA, dal relativo decreto ministeriale di approvazione;

e, quindi, ricorrendo tali condizioni, si applica anche ai contribuenti che, per il periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2018:

•    applicano il regime forfetario agevolato,

•    applicano il regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità

•    determinano il reddito con altre tipologie di criteri forfettari;

•    ricadono nelle altre cause di esclusione dagli ISA.

Tutto ciò premesso, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che la norma ha prorogato “al 30 settembre 2019” “i termini dei versamenti che scadono dal 30 giugno al 30 settembre 2019” intendendosi, il termine del 30 giugno per il versamento del saldo e del primo acconto per i contribuenti con periodo d’imposta coincidente con l’anno solare, ovvero i termini di versamento che scadono in detto arco temporale per i contribuenti con periodo d’imposta non coincidente con l’anno solare”.

La Risoluzione riporta, quindi, la seguente tabella riepilogativa:

Viene, infine, precisato che resta ferma la facoltà di versare, prima del 30 settembre 2019, le somme dovute avvalendosi degli ordinari piani di rateazione, vale a dire senza beneficiare della proroga in commento.

In tale ipotesi vanno versate, entro il 30 settembre 2019:

- le prime quattro rate, senza interessi;

- o, qualora ci si avvalga del beneficio di cui al citato articolo 17, comma 2, del d.P.R. n. 435 del 2001, le prime tre rate senza maggiorazione ed interessi.

In tutti i casi è, comunque, necessario dare evidenza, nella delega di pagamento, del numero di rata versata.

Qualora, invece, entro il termine del 30 settembre 2019, si effettuino più versamenti con scadenze ed importi a libera scelta (senza, quindi, avvalersi di alcun piano di rateazione), resta fermo l’obbligo di versare la differenza dovuta a saldo al più tardi entro il 30 settembre 2019, senza interessi.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Bonus pubblicità 2019, credito di imposta ancora non rifinanziato

Il credito di imposta sugli investimenti pubblicitari incrementali (bonus pubblicità) 2019 non è ancora stato rifinanziato. Dunque, è stata sospesa la prenotazione

Continua

Ristrutturazioni: ultimi giorni per l'invio della comunicazione ENEA

Entro il 1° aprile 2019 devono essere trasmesse per via telematica all’ENEA le informazioni sugli interventi effettuati nell'ambito delle ristrutturazioni edilizie

Continua

Bonus casa: il bonifico errato non blocca la detrazione fiscale

Ristrutturazioni edilizie e bonifico errato: come rimediare per recuperare la detrazione e non perdere il bonus casa

Continua

“Saldo e stralcio”, presentazione delle domande entro il 30 aprile

Scadrà il 30/04/2019 il termine di presentazione delle domande di accesso al “saldo e stralcio” delle cartelle

Continua

Regime Forfettario 2019: come si calcola il reddito e l’imposta

Esempio pratico di determinazione del reddito e della tassazione nel Regime Forfettario 2019 per un professionista

Continua

Bonus ristrutturazioni anche senza comunicazione ENEA

L’agenzia delle Entrate con la Risoluzione n. 46/E del 18/04 2019 conferma che non si perde il diritto alla detrazione del 50% in caso di tardiva o omessa comunicazione

Continua