Richiedi una consulenza in studio gratuita!

PSD2: rischio o opportunità per le banche?


Dall'Home-Banking all'Open-Banking
PSD2: rischio o opportunità per le banche?
Il 13 gennaio è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Direttiva Europea 2015/2366 più nota con il nome di PSD2. Si tratta a tutti gli effetti di un aggiornamento della precedente Direttiva sui servizi di pagamento che ha come obiettivo quello di sviluppare il mercato europeo dei pagamenti, rendendolo più competitivo e più sicuro. Non solo. Gli utenti che utilizzano l’home banking potranno farlo attraverso piattaforme esterne al sistema bancario tradizionale. Potranno perciò effettuare pagamenti e accedere alle rendicontazioni periodiche grazie a software messi loro a disposizione da terze parti non bancarie (Pisp e Aisp), preventivamente autorizzate dall’EBA.
Il Pisp (Payment initiation service providers) offre servizi di pagamento completamente sganciati dal sistema bancario. Per esempio si potrà pagare direttamente un fornitore di servizi attraverso un Pisp senza usare la carta di credito.
A differenza del Pisp, l’Aisp ha la funzione di "aggregatore": previa autorizzazione del cliente, l’Aisp raccoglie tutte le informazioni collegandosi ai vari conti correnti del cliente al fine di fornire una situazione finanziaria più aggiornata.
Evidente che si tratta di una rivoluzione epocale: lo smartphone diventerà il conto corrente e i servizi bancari tradizionali non saranno più fonte di reddito per il sistema bancario. Che sarà costretto a cercare marginalità altrove, cosa che evidentemente faranno anche le società Fintech.
Con la differenza che le Fintech sono già strutturate a raggiungere questo obiettivo.
In entrambi i casi si tende alla "customer satisfaction" attraverso il passaggio da un sistema chiuso a un sistema aperto (Open-Banking). Si può ipotizzare che tra i servizi che verranno messi a disposizione della clientela, ci potrà essere anche la possibilità di far visionare a terze parti i dati dei propri conti correnti, previa autorizzazione da parte del soggetto interessato. Dietro pagamento di una commissione ovviamente. Questo permetterà ad operatori esterni di offrire prodotti e servizi agendo in nome e conto del cliente.
Il tema della sicurezza evidentemente farà la differenza: per questo le grandi banche e/o le Fintech di maggiori dimensioni avranno la possibilità di garantire livelli di sicurezza maggiori di altri.
Volendo guardare nel medio termine, un’interazione tra banche e società Fintech garantirà una forte evoluzione del sistema, inteso nel suo complesso. Quindi non solo progressi nel sistema dei pagamenti, ma a tendere anche lato investimenti. Esisterà quindi un’offerta integrata che garantirà livelli di redditività sufficienti a compensare la perdita di ricavi del settore bancario tradizionale, quello dell’intermediazione pura e semplice, tanto per intendersi. All’orizzonte ci sono anche i Big-Tech (Facebook, Google, Amazon, Apple) che con il volume di dati a loro disposizione potranno garantire nuovi modelli di offerta sia lato servizi che lato credito. Amazon già lo fa con i suoi clienti anticipando loro le fatture. Il futuro è già cominciato.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Tasse di successione

Un'incognita per il futuro. Come affrontarla?

Continua

PIR - Piani Individuali di Risparmio

Un nuovo modo di investire nell'economia reale. Ora si può

Continua

Previdenza integrativa

Il miglior prodotto finanziario che esista

Continua

La pianificazione patrimoniale

La strada che ogni imprenditore deve seguire se ha a cuore la sua azienda

Continua

Banche e fintech

Una sfida destinata a lasciare molte vittime sul campo

Continua

Il contante? Questo sconosciuto, almeno in Cina

Analisi di un fenomeno che cambierà le abitudini di tutti, nessuno escluso

Continua

Il debito mondiale. Un debito "Monstre"

Siamo sommersi da un mare di debiti: 233 mila miliardi di dollari

Continua

Più consulenti, meno impiegati bancari

La trasformazione in atto nel sistema distributivo bancario italiano

Continua

Il Bitcoin e il suo valore: la Blockchain

Il futuro del mercato dietro il Bitcoin

Continua

TFR in azienda: conviene?

Perchè accantonare nel fondo pensione anzichè in azienda

Continua

Conto corrente quanto mi costi?

Siamo sicuri che venga premiata la fedeltà del cliente?

Continua

Il nuovo EURIBOR

Quale impatto per i mutui a tasso variabile?

Continua

I contributi silenti

Quando l'INPS prende e non restituisce

Continua

Tutta colpa del VIX?

La miccia che ha fatto esplodere le turbolenze sui mercati

Continua

La forza dei Piani Individuali di Risparmio

La forza dei PIR e la debolezza del mercato delle PMI

Continua

L'esigenza previdenziale

La mutata gestione della ricchezza e le riforme pensionistiche

Continua

Millenials e risparmio

I Millenials: che rapporto hanno con i soldi?

Continua

Trump e la deregolamentazione bancaria

l'Economia americana e il cambio delle regole del gioco

Continua

Pil Mondiale

Il ruolo fondamentale del consulente nell'analisi del portafoglio dei clienti

Continua

Gli sportelli bancari: quale futuro?

La filiale bancaria non sparirà, anzi....

Continua

Scattano maggiori controlli sull'uso del contante

Verranno segnalate all'UIF le operazioni in contante superiori a € 3000

Continua

Spread Btp Bund

Lo spread e il comportamento dei risparmiatori

Continua

Contanti e segnalazioni all'UIF

Attività di contrasto all'uso del contante

Continua

Risparmio ed educazione finanziaria

Italia paese ricchissimo, ma finanziariamente poco informato

Continua

Risparmiatori italiani e consulenza finanziaria

Il difficile rapporto degli Italiani con la consulenza finanziaria

Continua

Gli Italiani: risparmiatori o investitori?

Gli Italiani creano valore o fanno solo sacrifici?

Continua

R.I.T.A. - Rendita Integrativa Temporanea Anticipata

Vuoi anticipare la rendita della tua pensione integrativa? Ora è possibile farlo

Continua

I risparmiatori e il mercato

Il risparmio e una consapevole pianificazione finanziaria

Continua