Psicologia e infanzia


Psicoterapia e prima infanzia, come quando e perché richiedere il supporto di uno specialista
Psicologia e infanzia
I primi anni di vita del bambino sono importantissimi per lo sviluppo psico affettivo e cognitivo dell'individuo; è proprio in questo arco di tempo che si struttura la personalità di ogni soggetto, le sue modalità di relazione con i pari, con gli adulti e con il mondo che lo circonda.
Durante questo breve periodo sono numerosi cambiamenti che il bambino deve affrontare, non solo sul piano fisico, ma anche cognitivo, comportamentale ed emotivo e possono presentarsi momenti di difficoltà e crisi che coinvolgono non solo il piccolo, ma il suo mondo... la sua famiglia. Le nuove tappe evolutive e nuovi apprendimenti sono un meraviglioso traguardo, ma qualche volta possono essere faticosi o fonte di sofferenza lasciando spazio a comportamenti a volte inspiegabili per noi adulti e difficili da comprendere, come crisi di rabbia, pianti inconsolabili. Altre volte è invece il corpo a parlare manifestando quelle emozioni che il piccolo non può o non riesce a verbalizzare, sono quei bimbi che manifestano il loro disagio attraverso malessere fisico, come un tremendo mal di pancia, difficoltà ad addormentarsi, enuresi notturna.
Quando chiedere aiuto, una consulenza e il supporto di un esperto?
- difficoltà scolastiche,
- disturbi del sonno,
- disturbi alimentari,
- disturbi dell’attenzione e della concentrazione,
- iperattività e disturbi della condotta
- depressione,
- stati d’ansia,
- enuresi,
- disturbi della comunicazione,
- disturbi dello sviluppo
- problematiche insorte in seguito a particolari momenti di cambiamento come l’inserimento all’asilo, il cambiamento di casa, la nascita di un fratellino, la separazione dei genitori, o un evento traumatico.
Perché è importante una presa in carico in età evolutiva?
La presa in carico psicologica in età evolutiva può essere un aiuto importante per i nostri figli, per affrontare questi normali difficoltà; inoltre un intervento tempestivo e mirato permette comprendere e gestire le difficoltà attuali e prevenire quelle future.
Come funziona un percorso di psicoterapia?
Il percorso di psicoterapia dedicato ai bambini prevede un lavoro con i genitori e con il bimbo.
I primi colloqui sono dedicati alla conoscenza della famiglia ed alla raccolta della storia del nucleo con i genitori.
Gli incontri successivi con il bambino sono dedicati invece a sedute di dialogo, gioco e disegno. Per mezzo di questi strumenti il terapeuta aiuta il bambino a comprendere il suo stato d'animo, a riconoscere le emozioni e dare un significato ai sintomi ed ai comportamenti che generano in lui sofferenza.




Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Musicoterapia e gravidanza

Un primo incontro tra la mamma e il suo piccolo

Continua

Psicoterapia: un percorso di crescita

La psicoterapia può essere non solo un importante supporto per superare i momenti difficili, ma è anche opportunità di crescita personale

Continua

Separazione e divorzio, genitori e figli

La separazione o un divorzio, rappresentano un momento difficile per tutta la famiglia. Come affrontare questo momento di cambiamento?

Continua

Facciamo la nanna?

Il sonno e i bimbi: aspetti fisiologici, culturali, antropologici, psicologici e non solo....

Continua