Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Qualcuno ha violato la tua privacy?


Contatta il Garante…Presenta un Reclamo…fai così!
Qualcuno ha violato la tua privacy?

Se lamenti una violazione dei dati personali (art. 77 del Regolamento UE 2016/679 e artt. da 140-bis a 143 del Codice in materia di protezione dei dati personali, recante disposizioni per l'adeguamento dell'ordinamento nazionale al Regolamento) puoi presentare un reclamo al Garante della Privacy. Con tale documento, infatti, l’interessato può rivolgersi all’Autorità di Garanzia e richiedere una verifica dell’Autorità.

Diversamente l’interessato si rivolgerà direttamente all’autorità giudiziaria o al Garante per la Privacy attraverso la forma di ricorso come forma di tutela per gli specifici diritti di cui all'articolo 7 rinnovato dal Codice Privacy.

L’art.77 del Regolamento UE 2016/679, afferma infatti che “1. Fatto salvo ogni altro ricorso amministrativo o giurisdizionale, l'interessato che ritenga che il trattamento che lo riguarda violi il presente regolamento ha il diritto di proporre reclamo a un'autorità di controllo, segnatamente nello Stato membro in cui risiede abitualmente, lavora oppure del luogo ove si è verificata la presunta violazione. 2. L'autorità di controllo a cui è stato proposto il reclamo informa il reclamante dello stato o dell'esito del reclamo, compresa la possibilità di un ricorso giurisdizionale ai sensi dell'articolo 78.”

 

COSA DEVE CONTENERE IL RECLAMO?

Il testo del Reclamo (il Garante offre sul proprio sito un form apposito) deve contenere, come recita l’art. 142 riformato dal Codice Privacy un'indicazione per quanto possibile dettagliata dei fatti e delle circostanze su cui si fonda, delle disposizioni che si presumono violate e delle misure richieste, nonche' gli estremi identificativi del titolare o del responsabile del trattamento, ove conosciuto.” 

La richiesta può essere presentata direttamente dall’interessato oppure tramite un avvocato, un procuratore, un organismo, un'organizzazione o un'associazione senza scopo di lucro che potranno rappresentare il richiedente attraverso una procura da depositarsi, insieme a tutto il resto della documentazione.

L’atto potrà essere recapitato agli uffici del Garante, consegnandolo a mano o attraverso l’invio di una Raccomandata A/R . Sarà consentito utilizzare per l’invio anche la modalità telematica attraverso la spedizione di una PEC (posta elettronica certificata) indirizzata all’indirizzo elettronico certificato. La documentazione dovrà essere redatta e sottoscritta digitalmente dall’interessato o dal suo procuratore cosi come la procura di rappresentanza.

 

2. COSA PUÒ DECIDERE IL GARANTE?

Una volta presentato e recepito il reclamo, il Garante esegue un’istruttoria preliminare a seguito della quale stabilire se sia fondato ed abbia tutti i requisiti necessari per l’adozione di un suo provvedimento. In questo ambito l’Autorità di Controllo può utilizzare dei provvedimenti ex art. 58 del Regolamento secondo quanto definito dall’art. 56 dello stesso corpo normativo. 

La casistica presentata dall’art. 58 del Regolamento abbraccia varie forme di azioni a tutela dell’interessato. Sono, come indicato nel “Considerando”, (insieme di considerazioni a corredo della norma),  le facoltà che il Garante possiede in termini di poteri di indagine, poteri correttivi e sanzionatori, e infine poteri autorizzativi e consultivi.

Per semplificare e offrendo uno specifico rimando sul medesimo sito del Garante a coloro che volessero approfondire, si può sinteticamente dire che si parte con tutta una serie di ingiunzioni in capo al titolare e/o al responsabile del trattamento fino alla conduzione di indagini e richiesta di certficazioni (pena il ritiro delle stesse) e precetti di rettifica, cancellazione di dati personali, limitazione del trattamento. Per ultimo, vi è la possibilità di sanzioni amministrative.

Entro nove mesi dalla presentazione e, comunque, entro tre mesi dalla predetta data, informa l'interessato sullo stato del procedimento. In caso di particolari e motivate esigenze istruttorie, che il Garante comunica all'interessato, il reclamo è deciso entro dodici mesi

Al termine il Garante può attivare un “procedimento di cooperazione” ex art. 60 del Regolamento (importante novità apportata GDPR che ha introdotto uno sportello unico, one-stop-shop mechanism, che consente ad un’Autorità (c.d. Autorità capofila) di presentare un’unica risoluzione in caso di trattamenti da parte di uno stesso organo in più Stati membri – n.d.a.) per cui “il termine rimane sospeso per la durata del predetto procedimento”.  Contro tale decisione, si può ricorrere con ricorso davanti alle autorità giurisdizionali ai sensi dell’art. 152". 

Per eventuali approfondimenti, puoi contattarmi agli indirizzi indicati nel sito riguardanti il mio profilo professionale. Sarò lieto di fornirti tutte le informazioni utili ed aggiornate per la tutela della tua privacy e dei tuoi dati personali.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Green Pass e privacy: un matrimonio discusso ma felice

Il Green Pass è un pericolo per la protezione dei dati personali in ambito sanitario?

Continua

Privacy e storie di password

Password: come formularle? Cosa si rischia per il loro uso improprio? In questo articolo proponiamo suggerimenti ed esempi tratti dalla Giurisprudenza

Continua

Privacy e videosorveglianza nei condomini

Come armonizzare l’esigenza di riservatezza e privacy con l’utilizzo dei sistemi di videosorveglianza all’interno dei condomini

Continua

Green Pass e privacy sul lavoro

Consegna di copia della certificazione verde per i lavoratori del settore pubblico e privato: quali sono le perplessità relative alla privacy

Continua

Privacy e cyberbullismo: scenari e ambiti di applicazione

Come la regolamentazione privacy si integra nella tutela del minore vittima di cyberbullismo

Continua

Privacy e diritto di difesa

Il datore di lavoro, per esercitare il proprio diritto alla difesa, estrae documenti contenenti dati personali dal PC aziendale del dipendente. Può farlo?

Continua

Privacy e Green Pass: ennesima puntata

Quando è necessario il “Green Pass Rafforzato”?

Continua

“Diritto all'oblio”, privacy on web

Quali sono le responsabilità dei web provider? Riportiamo una sentenza esemplare

Continua

Telemarketing selvaggio e privacy

Quali sono i nuovi strumenti di difesa? Le ultime novità proposte dal Garante

Continua

Fidelity card e privacy

Come possiamo tutelare e proteggere i nostri dati personali?

Continua

Ahi ahi la privacy! Cosa si rischia in caso di violazioni

Breve guida sui rischi sanzionatori a carico di chi fa un uso scorretto dei dati personali

Continua

“Phishing”, la “Pesca” dei nostri dati personali

In cosa consiste e come evitare spiacevoli furti della nostra privacy!

Continua

Anagrafe nazionale degli assistiti: step privacy in ambito sanitario

Anagrafe nazionale degli assistiti: cos'è e come funziona e il potenziamento del Fascicolo sanitario elettronico

Continua

Cosa sono i “Cookie” e quale è il loro impatto sulla privacy?

Cosa sono i famigerati “Cookie” e quale è la loro importanza circa un corretto utilizzo in materia di privacy?

Continua

Privacy, minori e new tecnology

I rischi di un uso “inconsapevole” degli strumenti della nuova tecnologia da parte dei minori e possibilità di tutela

Continua

Diritto di cronaca ed esercizio della privacy

Quali sono i limiti per l'esercizio del diritto di cronaca? Qual è il rapporto con la privacy e quali i criteri per bilanciare le rispettive esigenze?

Continua