Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Quando andare in vacanza diventa fonte di disagio


Codice del Turismo. Danno da vacanza rovinata. Responsabilità del tour operator e dell'agenzia
Quando andare in vacanza diventa fonte di disagio
L'art. 47 del Codice del Turismo (d.lgs. 79/2011) definisce il "danno da vacanza rovinata" come "un risarcimento del danno correlato al tempo di vacanza inutilmente trascorso ed all'irripetibilità dell'occasione perduta", a patto che l'inadempimento sia "di non scarsa importanza".

Si tratta di un danno a carattere non patrimoniale da distinguersi dal vero e proprio danno patrimoniale. Quest'ultimo infatti si traduce in una perdita economica; così se ho perso il bagaglio, questo ha un valore economico e come tale mi deve essere risarcito.

Il danno da vacanza rovinata invece consiste proprio nella perdita di un'occasione di ferie.

Prima del d.lgs. 79/2011 per il consumatore - turista non vi era una norma apposita che ne sancisse la risarcibilità, che veniva riconosciuta soltanto laddove vi fosse una lesione di un bene costituzionalmente protetto ( primo fra tutti il diritto alla salute, art. 32 Cost.).

Con l’applicazione del Codice del Turismo oggi è previsto il risarcimento del danno da vacanza rovinata.

In particolare il tour operator, l’organizzatore del viaggio, sarà chiamato a risarcire il danno tutte le volte in cui il turista- consumatore sarà alloggiato in una struttura differente rispetto al pacchetto viaggi offerto e non godrà o godrà in maniera differente rispetto ai servizi acquistati.

L’agenzia di viaggi, invece, risponderà solo per l’attività di intermediazione e dunque non risponderà per l’inadempimento del tour operator, né dei singoli fornitori, purché dichiari al consumatore che essa funge da mero intermediario. Dunque l’agenzia di viaggi ha il solo obbligo di acquistare, per conto del cliente, il contratto di viaggio e risponde per la violazione delle obbligazioni nascenti dal mandato, nello specifico per il mancato adempimento dell’obbligo di informazione e consulenza riguardante tutte quelle notizie strumentali rispetto al pieno godimento della vacanza.

Il turista dovrà informare tempestivamente (o almeno entro dieci giorni dal rientro), mediante reclamo, l'agenzia di viaggi o il tour operator dei disagi riscontrati, affinchè questi possa prontamente porvi rimedio o trovare un’alternativa.
Il termine di prescrizione del diritto al risarcimento del danno da vacanza rovinata è di tre anni a decorrere dalla data di rientro del turista nel luogo di partenza. Se si tratta di danno derivante da inadempimento di un obbligo di trasporto il termine sarà di dodici mesi o diciotto mesi se il trasporto ha inizio o termine fuori d'Europa.

Il pregiudizio patito dal turista dovrà essere grave e serio nel senso che l’offesa dovrà superare una soglia minima di tollerabilità. Spetterà di volta in volta al giudice di merito provvedere al suo accertamento.

Articolo del:



L'autore è esperto in Diritto di famiglia
Avv. Tecla Trotta
VIA DEL CIGNO 2 INTERNO 3
17024 - Finale Ligure (SV), Liguria


Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Rinnovo del bollo, pagamenti e sanzioni

Tantissime persone si dimenticano di pagare il rinnovo del bollo del proprio mezzo di trasporto entro la scadenza

Continua

Alberi tra vicini

I rapporti di buon vicinato rischiano di deteriorarsi a causa del "verde"

Continua

In spiaggia con Fido

Scegliere la spiaggia giusta per il nostro cane

Continua

Dopo l’inverno sulle strade “corrono” le bici

Una pedalata in sicurezza alla portata di tutti

Continua

Rilevanza del "contratto" nella vita quotidiana

All'autonomia delle parti è rimessa la scelta del tipo di contratto da utilizzare

Continua

L'inquinamento acustico

Legge 477/85. Rumori. Normale tollerabilità. Risarcimento del danno

Continua

Liberi di credere. Liberi di testimoniare

La libertà religiosa è la base per la convivenza sociale; infatti permette di guardare l’altro con rispetto e con spirito di collaborazione

Continua

Il "Rosatellum" alla prova di marzo

Elezioni politiche 2018, come si vota

Continua

Cambio o aggiunta del cognome materno

Cade la regola dell'automatica attribuzione del cognome paterno al figlio in presenza di una diversa volontà dei genitori.

Continua

La Mediazione Familiare

La crisi della Famiglia e la soluzione offerta dalla Mediazione Familiare

Continua

Scioglimento di una SRL ex art. 2484, c.1 n. 3

Inattività e impossibilità di funzionamento dell`assemblea

Continua

I giovani e il bullismo

Bullismo e cyberbullismo tra gli adolescenti, i nuovi "nativi digitali"

Continua

Il '68 e l'influenza sul diritto

Cinquantennale del sessantotto. Riforma del diritto di famiglia. Patria potestà. Nuovi diritti

Continua