Quattro domande più una per prendersi sul serio


Un filosofo e un allenatore aziendale alle prese con il tema del cambiamento
Quattro domande più una  per prendersi sul serio
Harry Frankfurt e Marshall Goldsmith sono due autori diversi per studi, professione, approccio.
Il primo è un filosofo, scrive testi dal formato tascabile e dal titolo accattivante: il libro "Stronzate", ad esempio, mostra la capacità del docente di Stanford di arrivare alle convinzioni più profonde che governano la nostra vita.
Goldsmith è un Coach aziendale tra i più influenti. Le sue tecniche diventano "Triggers" capaci di generare l’evoluzione delle persone nei loro contesti.
Per Frankfurt l’uomo è l’unico animale capace di prendersi sul serio cioè di riflettere sui propri desideri ed obiettivi e di identificarsi totalmente con alcuni di essi, tanto da farne delle "necessità volizionali". In questi casi l’adesione totale a scopi e fini offre un ordine alla vita perché le attività in questione sono immerse nell’amore e nella passione. L’uomo non accetta di essere come gli capita di essere ma diviene dipendente da alcune necessità che vuole, sceglie e di cui si assume volutamente la responsabilità, fino a trasformarle nel suo carattere più intimo. Non si tratta di una forma passiva di dipendenza: in questo caso, infatti, non c’è la mancanza di energia nel respingere una tentazione ma la voglia di dare una direzione alla motivazione rendendo la sua spinta conforme alla nostra natura.
Eppure nonostante ciò, spesso, non diventiamo le persone che vorremmo essere: l’ambiente è pieno di attivatori capaci di stroncare un miglioramento comportamentale dopo i primi tentativi. C’è sempre un contesto: non può essere una scusa per giustificare l’insuccesso, ma ha un’influenza. Può bastare poco per bloccare parte di questo potere di condizionamento: una lista della spesa scritta può aiutarci ad evitare di tornare a casa con due o tre prodotti acquistati d’impulso per limitarci al più banale degli esempi!
Goldsmith suggerisce di identificare i nostri attivatori comportamentali, ossia quegli stimoli producenti o controproducenti che ci aiutano a distinguere ciò che favorisce un processo di sviluppo.
Ed essendo un coach non rinuncia a sollecitare i primi passi con domande utili.
Cosa vuoi creare? Siamo spinti ad immaginare un Io diverso, rinnovando gli obiettivi personali e professionali e cercando strade diverse per raggiungerli.
Cosa devi preservare? Si tratta di individuare quegli elementi materiali e immateriali che vogliamo veramente tenere con noi, che contano, che non sono fungibili.
Cosa è necessario eliminare? Sono fattori non sempre dolorosi. A volte possono essere addirittura piacevoli nel breve periodo ma ostacolano lo sviluppo e la crescita.
Cosa devi accettare? Esistono cose su cui non abbiamo potere. Verso di esse, paradossalmente, indirizziamo tanti sforzi e fantasie di controllo.
Per prendersi sul serio occorre guardare anche al nostro ambiente e ai suoi attivatori e trasformarlo, per quanto possibile, in un alleato, chiedendosi, dinanzi alla forza irresistibile di una tentazione: ti identifichi con quel desiderio?
Tutta la vita è allenamento.

Riferimenti:

Triggers, Marshall Goldsmith, FrancoAngeli, 2015.

Prendersi sul serio, Herry Frankfurt, Rizzoli, 2008.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Perchè non si deve avere l’auto più bella del capo

Coloro che mettono alla prova il senso di autostima dell’interlocutore rischiano molto

Continua

In azienda non esistono bugie

Quale verità mi racconta quella fandonia?

Continua

Il discorso efficace: come trovare l'idea forza

Oltre le tecniche del public speaking: cosa fa veramente la differenza nel parlare in pubblico? <br />Tre spunti pratici per un intervento memorabile

Continua

Allenamento o adattamento?

La sfida del Coaching formativo

Continua

La montagna del conflitto

Perdere la faccia. Come si passa dalla tensione alla guerra totale

Continua

Pensieri a trazione integrale

L’ultimo giorno dell’anno alcune riflessioni tentano la scalata

Continua

Le due verità sugli obiettivi

Elaborare un buon piano d’azione per il 2017. Parte 1

Continua

Lasciatemi vendere in pace

Cosa precede le tecniche di comunicazione

Continua

L’avvocato antifragile

Distinguersi nella professione forense allenandosi con il coaching

Continua

Persone di carattere

Dimensioni, fascino e allenamento di un concetto dai molteplici significati

Continua

E' credibile?

L'uso delle nostre potenzialità per capire a chi dar credito

Continua

Lo scettico credulone

Paradossi della credibilità tra comunicazione e autogoverno

Continua

La fiducia

Costruire un’alleanza forte andando oltre le tattiche di comunicazione

Continua

Il valore del lavoro genera alleati

Migliora il prodotto e difinisci il significato dell’ opera: avrai solidarietà e supporto

Continua

La risposta corretta alla domanda sbagliata

Riflessioni sul coaching per gli adolescenti

Continua

Altro che meraviglia!

La filosofia di vita cambia grazie ad un atto di ribellione

Continua

L’autogoverno con l’aiutino

Tattiche per darsi un po' di disciplina

Continua

Come affronti le tue battaglie?

L’atteggiamento giusto per tirar fuori risorse e soluzioni

Continua

Taccagni ma creativi

Cerchiamo conferme o nuove idee per migliorare la vita?

Continua

Le App non bastano

I nativi digitali alle prese con le scelte importanti

Continua

I dieci comandamenti del formatore

Cosa aver presente prima di entrare in aula

Continua

Anche i gruppi sbagliano

Opportunità e rischi dello scegliere insieme

Continua

Mediocri di successo

Il ruolo di fortuna, talento e antifragilità nella realizzazione professionale

Continua

L'equazione della grinta

Come si arriva dall'attitudine ai risultati

Continua

Pensare la tecnologia

La sfida del miglioramento nel nuovo mondo digitale

Continua