Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Rapporto biennale pari opportunità


II 30 aprile scade il termine per redigere il rapporto biennale delle pari opportunità per le imprese che hanno più di 100 dipendenti
Rapporto biennale pari opportunità
II 30 aprile scade il termine per redigere il rapporto biennale delle pari opportunità (anni 2016-2017), relativo alla situazione del personale occupato (inclusi i lavoratori cassintegrati, in aspettativa e le lavoratrici in maternità), così come previsto dall’articolo 46 del D.L.vo n. 198 del 11 aprile 2006, recante il "Codice delle pari opportunità tra uomo e donna".

Per facilitare la compilazione del rapporto dei dati, il Ministero del Lavoro - con nota prot. 1865 del 31 gennaio 2018 - informa che metterà a disposizione un programma informatico entro il 30 marzo 2018.

L’obbligo è previsto in capo alle imprese pubbliche e private che hanno alle proprie dipendenze più di 100 lavoratori dipendenti e attiene alla situazione del personale maschile e femminile in ognuna delle professioni ed in relazione allo stato di assunzioni, della formazione, della promozione professionale, dei livelli, dei passaggi di categoria o di qualifica, di altri fenomeni di mobilità, dell’intervento della Cassa integrazione guadagni, dei licenziamenti, dei prepensionamenti e pensionamenti, della retribuzione effettivamente corrisposta.

Il rapporto deve essere trasmesso alle rappresentanze sindacali aziendali ed alla consigliera regionale di parità, che elabora i relativi risultati trasmettendoli alla consigliera nazionale di parità, al Ministero del lavoro e al Dipartimento delle pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

La mancata compilazione del rapporto biennale può portare alla sospensione per un anno dei benefici contributivi eventualmente goduti dall’azienda

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Privacy, Nuovo Regolamento Europeo

Quali sono le principali novità per le nostre imprese? <br />Cerchiamo di capire cosa cambia con il nuovo Regolamento Europeo

Continua

LE NOVITA’ DEL “PACCHETTO CASA”

Le novità del bilancio 2018 per il "PACCHETTO CSA": risparmio energetico, bonus ristrutturazioni, mobili, verde, polizze assicurative

Continua

Bando ISI INAIL 2017

E' disponibile il nuovo bando Inail per gli incentivi 2018 per le imprese che vogliono investire in progetti per migliorare i luoghi di lavoro.

Continua

Verso l'obbligo del domicilio digitale

Le imprese devono adeguarsi al digitale, PEC, SPID, FIRMA DIGITALE, diventeranno strumenti per comunicare con la PA e non solo!

Continua

Bonus plastica: un nuovo credito d'imposta

Credito d'imposta per l'acquisto di prodotti realizzati con materiali derivati da plastiche miste, provenienti dalla raccolta differenziata

Continua

Bonus libri: un nuovo credito d'imposta

Nuovo credito di imposta in favore degli esercenti di attività con codice ATECO principale 47.61 (libri nuovi) o 47.79.1 (libri di seconda mano)

Continua

Super e Iper Ammortamenti: le novità

Cosa cambia per il super e l'iper Ammortamenti: le Novità della legge di bilancio 2018

Continua

Riapertura FONDO STARTER per l'avvio d’impresa

Il Fondo STARTER interviene concedendo finanziamenti a tasso agevolato alle neo imprese. Una importante opportunità per chi vuole fare impresa

Continua

Subfornitura - un contratto con molte tutele

il subfornitore opera in conformità a progetti conoscenze tecniche e tecnologiche, modelli o prototipi forniti dal committente - facciamo il punto

Continua

Blocco dei pagamenti PA in presenza di debiti

A partire dal 1° marzo entrano in vigore le nuove e più stringenti regole introdotte dalla legge di Bilancio 2018 per il blocco dei pagamenti della PA

Continua

I nuovi ordini dei tecnici sanitari

Cosa cambia per i tecnici sanitari con l'attuazione della legge Lorenzin?

Continua

Proroga parziale per la fatturazione elettronica

La documentazione dei costi carburanti alla luce della proroga

Continua