Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Rating aziendale e costo del debito


Il rating di una società è un dato fondamentale per verificare l'adeguatezza del tasso d'interesse richiesto dall'intermediario finanziario
Rating aziendale e costo del debito

A chi non è capito di rivolgersi ad un intermediario finanziario per chiedere un prestito?

Troppo spesso nel sistema economico attuale si incontrano imprenditori lamentarsi con tale universo (molteplici sono gli intermediari finanziari tradizionali o fintech) perché non erogano o perché praticano tassi troppo elevati oppure perché non hanno soddisfatto in pieno i fabbisogni finanziari (spesso latenti e non ben esplicitati).

Ma quanti imprenditori hanno predisposto un business plan completo ed accurato? Quanti hanno calcolato il rischio di fallimento della propria azienda?

Secondo la mia esperienza, l'elemento che manca di più all'interno dei business plan è il calcolo del rating aziendale, ossia uno strumento che permette di verificare il rischio di fallimento dell'azienda e di conseguenza la congruità del costo del denaro offerto dell'intermediario.

Se non conosco la probabilità di fallimento come posso affermare che il costo del denaro sia alto?

Lo studio Carrano applica diversi indici di bilancio e formule matematiche per conoscere il rating aziendale.

Uno degli indicatori è l'indice Z-Score di Altman che si fonda su cinque variabili interne all'azienda
X1 = Capitale Circolante / Capitale Investito = Indice di flessibilità aziendale
X2 = Utile non distribuito / Capitale Investito = Indice di autofinanziamento
X3 = Risultato Operativo / Capitale Investito = ROI
X4 = Valore di Mercato (o Patrimonio Netto) / Passività Totali = Capitalizzazione o Indice di indipendenza da terzi
X5 = Vendite Nette / Capitale Investito = Turnover attività totali

Per le aziende non quotate, i coefficienti statistici utilizzati nella prassi sono i seguenti:
Z-SCORE = 1.5 X1 + 1.44 X2 +3.64 X3 + 0.7 X4 + 0.64 X5
Qualora il risultato dell'espressione fosse inferiore a 3 ma comunque superiore a 2, l'imprenditore dovrebbe interrogarsi su come migliore la sua azienda.
Valori sotto a 2 sono un forte e chiaro segnale di squilibrio economico-finanziario e patrimoniale.

Altro indice empirico è l'interest coverage ratio (ebit/oneri finanziari).
Il valore minimo per essere considerati finanziabili è di solito 3, a cui è possibile attribuire un rating BB, che a sua volta è abbinato uno spread minimo di 3,50%.
Tale spread sarà sommato al tasso risk free.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Nuove regole per la nomina dell'organo di controllo

Con l'entrata in vigore del codice della crisi d'impresa si amplia la platea di società soggette alla nomina di un organo di controllo

Continua

Regime forfettario: a chi conviene veramente?

La Legge di Bilancio del 2019 ha ampliato la platea di persone fisiche che possono accedere al regime forfettario, ma non a tutti conviene accedere.

Continua

Analisi Settore Caseario: andamento dei flussi di cassa

Negli ultimi anni il settore caseario ha perso marginalità, mentre è cresciuto l'indebitamento. Si analizza come sono stati utilizzati i flussi di cassa

Continua

Rivalutazioni dei beni d'impresa: i vantaggi per le società di persone

La rivalutazione presenta vari vantaggi per le società in contabilità semplificata e le società in trasparenza i cui redditi sono tassati in base agli scaglioni IRPEF

Continua

Rottamazione-ter: i vantaggi per le persone fisiche

La rottamazione-ter, oltre ad ampliare i termini di dilazione del pagamento, permette di stralciare le imposte sulla base del valore dell'ISEE

Continua

L’ accantonamento degli utili riduce l’aliquota I'Ires

La Legge di bilancio 2019 ha abrogato l'ACE e ha introdotto la mini IRES. Ecco i criteri di calcolo

Continua

La rivalutazione delle partecipazioni: quando conviene farlo

Con la rivalutazione fiscale delle partecipazioni si può godere di una tassazione minore sulla plusvalenza in caso di vendita

Continua

Decreto Crescita: novità per mini IRES e IMU

Il Decreto crescita semplifica la Mini-Ires e aumenta la deducibilità dell'IMU per gli immobili strumentali

Continua

Microcredito: una garanzia poco conosciuta

Il microcredito, garanzia statale per accedere ai finanziamenti bancari, in Italia è ancora poco conosciuto e diffuso

Continua

L’innovazione e la ricerca quale volano di crescita dell’azienda

Troppo spesso si sente parlare di innovazione e di ricerca, ma in realtà sono argomenti ancora lontani dalla prassi aziendale

Continua

Codice crisi impresa: ultima chiamata per la nomina dell'organo di controllo

Entro il 16 Dicembre diventerà obbligatoria la nomina dell’organo di controllo o di un revisore nelle società di capitali. Ecco i consigli operativi per adempiere

Continua

Legge di Bilancio 2020: la rivalutazione dei beni d’impresa

Rivalutazioni dei beni d’impresa: aumentano i vantaggi per le società di persone e diventa appetibile anche per le società di capitali

Continua

L’utilità del Business plan al tempo del Covid-19

Nonostante gli interventi governativi tesi a semplificare l’accesso al credito, diviene fondamentale avere a disposizione un business plan

Continua