Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Reati tributari, rimedi giuridici della società contro il sequestro preventivo del patrimonio


Ecco quando è consentito il sequestro preventivo di denaro o altri beni riconducibili al profitto di reato tributario commesso dagli organi della società
Reati tributari, rimedi giuridici della società contro il sequestro preventivo del patrimonio

L’orientamento ormai consolidato e costante (Sezioni Unite sentenza 10561 del 30 gennaio 2014) secondo cui “è consentito nei confronti di una persona giuridica il sequestro preventivo finalizzato alla confisca di denaro o altri beni fungibili o di beni direttamente riconducibili al profitto di reato tributario commesso dagli organi della persona giuridica stessa, quando tale profitto sia nella disponibilità di tale persona giuridica.

Non è, invece, consentito il sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente nei confronti della persona giuridica qualora non sia stato reperito il profitto di reato tributario compiuto dagli organi della persona giuridica stessa, salvo che la persona giuridica sia uno schermo fittizio” utilizzato dal reo per commettere gli illeciti.

La decisione in commento riprende un principio affermato sempre dalle Sezioni Unite (sentenza 31617 del 26 giugno 2015) per cui ove il prezzo o il profitto derivante dal reato sia costituito da denaro, la confisca delle somme depositate su conto corrente bancario, di cui il soggetto (anche persona giuridica) abbia la disponibilità, deve essere qualificata come confisca diretta senza necessità della prova del nesso di derivazione diretta tra la somma materialmente oggetto di ablazione e il reato.

Allorché il prezzo o il profitto del reato tributario non sia direttamente rinvenibile nelle casse sociali persona giuridica, il sequestro preventivo potrà invece colpire il patrimonio personale dell’amministratore sottoposto ad indagine, anche nella forma per equivalente.

Nel caso sottoposto all’esame dei giudici di legittimità su ricorso della società, la misura cautelare reale era finalizzata al sequestro preventivo finalizzato alla confisca diretta ed era stato eseguito sul conto corrente della società di cui l’indagato era amministratore (nei confronti dell’amministratore non era stato possibile eseguire il sequestro per assenza di beni da apprendere).

Premesso l’excursus sullo stato della giurisprudenza di legittimità sul tema del sequestro preventivo finalizzato alla futura confisca, la Corte di Cassazione si occupa dei rimedi giuridici a disposizione del soggetto terzo rispetto al reato per concludere che il terzo destinatario di misura cautelare può, in qualunque momento nel corso delle indagini preliminari, chiedere la restituzione dei beni al Pubblico Ministero. Questi, ove non intenda accogliere anche solo in parte la richiesta, trasmetterà motivato parere negativo al G.I.P. L’eventuale diniego espresso dal G.I.P. potrà poi essere oggetto di appello avanti al Tribunale del riesame (art. 322-bis c.p.p.), il cui provvedimento potrà ancora essere eventualmente impugnato con ricorso per Cassazione.

La Suprema Corte, infine, precisa come l’ente persona giuridica sia soggetto terzo rispetto al reato, ma non certamente estraneo al reato ai fini della confisca diretta del profitto medesimo. Ciò in quanto il concetto di persona estranea al reato cui appartiene e va restituita la cosa sequestrata è diversa dalla persona estranea al procedimento penale

Ciò significa che la persona giuridica cui le cose appartengono non deve aver partecipato al reato né a titolo di concorso né con attività altrimenti connesse; nel caso esaminato la società aveva invece tratto profitto dalla condotta illecita del suo legale rappresentante e, quindi, non poteva dirsi terza estranea.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Introduzione al commercio elettronico

Breve guida all'e-commerce: come avviare le attività commerciali in rete e le tutele del consumatore nell'e-commerce

Continua

La cancellazione delle società di capitali

Gli effetti della cancellazione di una società di capitali dal registro delle imprese

Continua

Esenzioni IVA per le cure estetiche? Il dilemma giurisprudenziale

In materia di IVA, tutte le prestazioni mediche sono esenti dall’imposta. Un caso limite è dato dai trattamenti di medicina estetica

Continua

Responsabilità solidale tributaria e beneficio di escussione

Interpellata la Suprema Corte per decidere a Sezioni Unite sul preventivo beneficio di escussione del debitore principale

Continua

Le condotte riparatorie estinguono il reato se...

Il nuovo art. 162 ter c.p. prevede la possibilità si estinguere il reato perseguibile a querela della persona offesa se sussistono condotte riparatorie

Continua

Fruizione del regime agevolato per le associazioni sportive dilettantistiche

Regime agevolato, interessante sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Brescia, che accoglie un ricorso presentato in favore di una A.S.D.

Continua

La cessione del fabbricato da demolire non origina una plusvalenza

La cessione del fabbricato da demolire e ricostruire non può essere considerata alla pari della cessione di un terreno edificabile

Continua

Inesistenza della notificazione dell'avviso di accertamento

Con l’art. 29 del D.L. n. 78/2010 è stata introdotta nel nostro ordinamento giuridico una nuova tipologia di avviso di accertamento, quello c.d. “impo-esattivo”...

Continua

Necessaria valorizzazione dei costi nell'accertamento induttivo puro

​​​​​​​Nell'accertamento induttivo puro l’Amministrazione finanziaria deve tenere conto anche dei costi ai fini della determinazione del reddito del contribuente

Continua

Rilevanza ai fini della configurabilità del delitto di bancarotta

Rilevanza ai fini della configurabilità del delitto di bancarotta patrimoniale dello sviamento di clientela e/o di avviamento

Continua

Rilevanza ai fini della configurabilità del delitto di bancarotta

Rilevanza ai fini della configurabilità del delitto di bancarotta patrimoniale dello sviamento di clientela e/o di avviamento. Profili fiscali e contabili .....

Continua

Inadempimento del debitore ai tempi del Coronavirus

Con l’emergenza COVID-19 non è venuta meno l’obbligatorietà della prestazione...

Continua