Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Regime forfettario, addio definitivo alla Flat Tax?


Nel 2020 oltre 215 mila persone hanno aderito al regime forfettario. Quale sarà il futuro per questo particolare regime agevolato?
Regime forfettario, addio definitivo alla Flat Tax?

Per regime forfettario si intende semplicemente un’evoluzione del regime dei minimi introdotto per la prima volta nel 2008. Una possibilità sfruttata con piacere dal popolo delle partite iva.

Come mai? Perché in sostanza, a determinate condizioni, permette di essere assoggettati all’imposta sostitutiva del 15% (se non del 5%) invece delle ordinarie aliquote progressive Irpef. Nel 2020 oltre 215mila persone hanno aderito al regime forfettario, in calo del 18% rispetto al 2019, a causa della crisi. Ma il numero rappresenta comunque il 46,4% delle nuove aperture di partita Iva (circa 465mila, -14,8% sul 2019).

Regime forfettario: conviene a tutti?

Abbiamo anticipato il principale beneficio del regime forfettario, ovvero l’aliquota ridotta. Ma potremmo andare oltre. Tra gli altri vantaggi, la possibilità di ridurre i contributi previdenziali di un terzo e minori obblighi per quanto riguarda le scritture contabili. Ma è fondamentale non perdere di vista i contro del regime forfettario, ovvero il limite di fatturato, il tipo di attività, la partecipazione in altre società, ecc... Insomma, le cause ostative non sono poche. E occorre approfondirle attentamente in sede di apertura di p.iva. E non solo, occorre stare molto attenti anche dopo la sua apertura, per evitare di uscire dal regime in maniera involontaria in corso d’opera.

La riforma fiscale è una delle sfide principali che dovrà affrontare Mario Draghi e, a quanto sembra, andrà a toccare anche tutti quei contribuenti che aderiscono al regime forfettario. Il popolo delle partite iva gioca uno ruolo fondamentale. Chi abbia ricavi o compensi entro i 65mila euro può applicare questa cosiddetta flat tax del 15 per cento. Ma è una possibilità costosa per lo Stato, in quanto sottrae redditi all’imposizione progressiva dell’Irpef. Già in passato era fallito il tentativo di aumentare l’aliquota del 20% per i redditi compresi tra i 65.000 e 100.000 €. Al momento attuale sembra che, più che fare un passo avanti in direzione della proporzionalità del prelievo, se ne vogliano fare due indietro.

Regime forfettario: da flat tax a cash flow tax? 

L’ultima proposta del direttore delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, si chiama cash flow tax. Prevede l’applicazione dell’Irpef su una base imponibile pari al saldo tra entrate e uscite di cassa. Uno degli obiettivi è senza ombra di dubbio quello di superare il meccanismo di acconti e saldi d’imposta che non rispecchiano l’effettivo andamento delle attività.

Tale possibilità avrebbe una conseguenza non da poco. Ovvero quella di poter dedurre anche i costi sostenuti per gli investimenti. Abbandonando gli attuali ammortamenti e tutte le altre voci soggette al criterio di competenza. È bene specificare che i titolari di partita Iva già oggi determinano il reddito secondo il principio di cassa. Un reddito che però non è dato dalla pura differenza tra incassi e spese, ma è influenzato da altri fattori, tra cui la limitata deducibilità di diversi costi.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Bonus 2021: credito d'imposta al 50% per i beni strumentali

Tra i bonus 2021 inseriti nella neo nata Legge di Bilancio 2021, troviamo il potenziamento del credito di imposta per i beni strumentali, la cosiddetta "Industria 4.0"

Continua

Auto aziendale assegnata ai dipendenti: le ultime novità

Ecco quali sono le novità relative alla fiscalità dell'auto aziendale assegnata ai dipendenti

Continua

Assumere dipendenti 2021: risparmio fino a 6 mila euro annui

La neo nata Legge di Bilancio 2021 ha introdotto esoneri contributivi a carico dei datori di lavoro. Vediamo di cosa si tratta

Continua

Superbonus 110%: conviene cedere il credito alle banche?

E' una delle domande che ci pongono più spesso i nostri clienti: conviene cedere il credito alla banche? Proviamo a fare chiarezza

Continua

Superbonus 110% e cessione del credito: 3 esempi per capire quando conviene

La cessione del credito da superbonus è sempre convenente? E a che condizioni? Abbiamo ipotizzato 3 differenti casi per comprendere al meglio

Continua

Start up innovativa: come si costituisce con pochi euro

Cos'è una start up? Come posso crearne una? La mia azienda può essere definita una start up? Proviamo a fare chiarezza

Continua

Ricerca e sviluppo: bonus investimento fino al 45%

L'investimento in ricerca e sviluppo permette di ottenere un cospicuo credito di imposta. Un'opportunità molto interessante per gli imprenditori.

Continua

Finanza agevolata: come ottenerla in soli 3 giorni

Uno degli ultimi strumenti utili ad ottenere finanziamenti agevolati. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta

Continua

Ricerca e sviluppo: bonus investimento fino al 45%

La legge di bilancio 2021 proroga fino al 31/12/22 e potenzia il bonus ricerca e sviluppo.

Continua

Finanza agevolata: come ottenerla in soli 3 giorni

Nello Studio Brega abbiamo sempre dedicato ampio spazio alla finanza agevolata, tematica diventata sempre più centrale per tutti gli imprenditori

Continua

Superbonus e sconto in fattura: è possibile fare i lavori gratis?

Superbonus 110%, tre vie per il recupero. Dichiarazione dei redditi, cessione del credito o sconto in fattura

Continua

Beni strumentali e industria 4.0: tax planning fondamentale

La Legge di Bilancio 2021 ha potenziato il premio fiscale per gli acquisti di beni strumentali. Vediamo nel dettaglio a quanto ammonta l'agevolazione.

Continua

Comprare bitcoin: come comportarsi con il fisco?

Abbiamo appurato come il mondo di internet abbia rivoluzionato i mercati finanziari. Oggi comprare bitcoin è diventata un’operazione quasi ordinaria. Vediamo però come

Continua

Bonus 110%: è possibile cedere il credito a parenti e amici?

In merito alla cessione del bonus 110 %, l’A.E. chiarisce una questione di non poca importanza. E’ possibile cedere il credito d’imposta ad amici e parenti?

Continua

Smart working e zero tasse? Si può, ma non in Italia

Diversi Stati si stanno organizzando per attirare nel proprio territorio tutti i lavoratori in smart working a colpi di agevolazioni fiscali

Continua

Cessione credito 110: cosa fare prima di scegliere la banca

Nell'ambito della cessione credito 110 vediamo cosa fare prima di scegliere la banca

Continua

18app: come ottenere il bonus cultura di 500 euro

In questo articolo vediamo come ottenere il bonus cultura di 500 euro attraverso 18app

Continua