Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Reiterate violazioni di domicilio costituiscono atti persecutori?


Il delitto di atti persecutori e quello di violazione di domicilio, tra concorso materiale di reati e assorbimento delle condotte.
Reiterate violazioni di domicilio costituiscono atti persecutori?

Nell’immaginario comune il delitto di stalking è oggi spesso visto come una sorta di “calderone giuridico” in cui confluiscono le condotte più disparate, ma nella prassi giudiziaria la situazione è ben più complessa.

Se da un lato è vero che il reato di atti persecutori ha “forma libera” ossia può essere realizzato attraverso differenti tipologie di condotte, dall’altro è pur vero che tali condotte devono comunque assurgere quanto meno al rango di minaccia o molestia tali da cagionare, alternativamente o congiuntamente, gli eventi tipici previsti dalla norma, ossia:

  • un grave e perdurante stato di ansia/paura,

  • il timore per la incolumità propria o di un prossimo congiunto,

  • il cambiamento delle abitudini di vita.

Le condotte, inoltre, devono essere reiterate.

La struttura di “reato necessariamente complesso” del delitto di cui all’art. 612 bis c.p. postula questioni in ordine all’assorbimento di tutte le condotte poste in essere dal/dalla reo/rea nella fattispecie del delitto di atti persecutori, ma la giurisprudenza di legittimità non sempre avalla questo tipo di interpretazione, escludendo talvolta l’assorbimento in favore della autonoma punizione di quelle condotte, che pur vengono realizzate nel medesimo contesto.

Con un'articolata sentenza del 5 marzo 2021 (cass. Sez. 3° sent. 9069) la Corte di Cassazione, sul tema del concorso materiale di reati tra il delitto di stalking e quello di violazione di domicilio, ha sancito una serie di principi che si apprestano a limitare fortemente la possibilità di assorbimento del delitto di violazione di domicilio in quello di stalking.

Vediamoli insieme.

  1. Il delitto di atti persecutori di cui all’art. 612 bis c.p., è un reato necessariamente abituale per la cui perfezione è necessaria la consumazione di un altro reato (la molestia o la minaccia) oltre che un quid pluris che consiste nella produzione alternativa dei tre eventi tipici che già abbiamo riferito.

  2. Tra il delitto di stalking e quello di violazione di domicilio non esiste alcuna specialità quindi i due reati possono concorrere materialmente. Questo significa che se le molestie/minacce integranti gli atti persecutori, si realizzano anche attraverso la violazione di domicilio, l’autore delle condotte risponderà sia del delitto di stalking che di quello di violazione di domicilio.

  3. Il concorso tra i reati di cui parliamo è aggravato dal c.d “nesso teleologico” , che sussiste quando un reato viene commesso allo scopo di commetterne/aggravarne un altro (o per assicurare/conseguire per sé o per altri il prodotto/profitto/prezzo/impunità per un altro reato). Il nesso teleologico tra due reati determina un aumento della pena fino ad un terzo. Molto più verosimilmente, si assisterà al riconoscimento della ipotesi della “continuazione” tra i reati, poiché commessi in esecuzione di un disegno criminoso unitario, che comporta una differente modalità di calcolo della pena irrogabile : viene determinata una “pena base” per il reato più grave e si “aggiunge” una ulteriore pena per gli altri reati, derogando al rispetto dei minimi edittali in favore del reo.

  4. Il delitto di atti persecutori non assorbe mai quello di cui all’art. 614 c.p co. 1 quando commesso esclusivamente a mezzo violazioni di domicilio non aggravate.

  5. Per contro, il delitto di stalking, quando commesso esclusivamente a mezzo violazioni di domicilio aggravate, può essere assorbito nel reato di cui all’art. 614 c.p. solo se quest’ultimo in concreto viene ritenuto più grave.  Questo significa che qualora le molestie poste in essere consistano esclusivamente in reiterate violazioni di domicilio commesse con uso di armi, con violenza sulle cose o sulle persone, sarà il reato di cui all’art. 614 c.p. ult.comma ad assorbire quello di stalking.

Occorre tuttavia precisare che quest'ultima ipotesi, non è concretamente applicabile ai fatti accaduti dopo l’entrata in vigore del Codice Rosso nell’agosto 2019, alla luce dell’inasprimento delle sanzioni operato dalla novella legislativa. Si potrà assistere alla ipotesi di assorbimento del reato di stalking in quello di violazione di domicilio solo se le condotte sono state realizzate prima dell’agosto 2019. Questo perché nella nuova formulazione, il reato di stalking è più grave di quello della violazione di domicilio, anche se aggravata da violenza su cose, persone o dall’uso di un’arma.

Con l'attuale formulazione, quindi, reiterate violazioni di domicilio commesse dopo l'agosto 2019, se idonee ad ingenerare lo stato di ansia e timore per la propria/altrui incolumità, il cambiamento delle abitudini di vita e/o un grave e perdurante stato di ansia/paura, saranno idonee ad integrare sia il reato di cui all'art. 614 c.p. che quello di atti persecutori.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Non riesco a pagare l’assegno di mantenimento: cosa rischio?

Ecco una analisi dettagliata dei rischi e delle soluzioni che la legge ti offre se non riesci ad assolvere, in tutto o in parte, ai tuoi obblighi di mantenimento

Continua

Strumenti pre-processuali per vittime di stalking e violenza di genere

Dall’ammonimento del Questore alla denuncia alla P.A.: tutti gli step per difendersi in caso di stalking e violenza di genere prima dell’insorgere del processo penale

Continua

Sesso online: tutela dei minori (e non solo) nell’utilizzo dei social

Le risposte normative e giurisprudenziali in tema di cyberbullismo, molestie, violenze sessuali virtuali e lesione della libertà sessuale nell’utilizzo dei social

Continua

La tutela penale del diritto di visita dei nonni

In caso di separazione o divorzio, i nonni hanno un autonomo diritto di visita dei nipoti? Come possono tutelarsi penalmente?

Continua

L’impatto dei “periodi di riavvicinamento” sui casi di stalking

Cosa succede se durante il protrarsi di condotte persecutorie, vittima e aguzzino ripristinano i rapporti? Quali conseguenze per il procedimento penale?

Continua

Adempimenti alternativi al versamento dell'assegno di mantenimento

La valenza degli adempimenti alternativi al versamento dell’assegno di mantenimento ai fini della esclusione della responsabilità penale per il reato ex art. 570 c.p.

Continua

"Non è mio figlio! Non voglio pagare per lui!": quali obblighi ho?

Le obbligazioni del padre naturale rispetto al mantenimento del minore in assenza o in presenza di riconoscimento di paternità

Continua

“I miei figli hanno visto e subìto tutto! Come tutelarli?”

La tutela penale dei minori vittime di violenza assistita nel reato di maltrattamenti in famiglia

Continua

Scarcerazione dell'aggressore e obbligo di notifica alla vittima.

Adempimenti normativi in tema di revoca/sostituzione delle misure cautelari nei reati commessi con violenza alle persone: ultime dalla Corte di Cassazione.

Continua

"Io picchio lui e lui picchia me". Reciprocità dei maltrattamenti

La condizione della reciprocità delle condotte nel reato di maltrattamenti in famiglia alla luce del più recente orientamento di legittimità

Continua