Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Resistere o cedere al canto delle Bitsirene?


Bitcoin e criptovalute: luci e ombre, opportunità e rischi per il piccolo risparmiatore
Resistere o cedere al canto delle Bitsirene?
Molti investitori confidano di guadagnare parecchio investendo in Bitcoin. Certo è solo il fatto che prima o poi altrettanti risparmiatori perderanno soldi con il Bitcoin; non sappiamo ancora quando avverrà ma è abbastanza probabile che questo sarà l’esito finale della bolla digitale valutaria del secolo. Andiamo con ordine. Il Bitcoin è una criptovaluta lanciata dal suo presunto creatore, Satoshi Nakamoto, nel 2009 in seguito alla crisi bancaria internazionale: il cosiddetto "credit crunch". Nato come valuta elettronica alternativa alla moneta internazionale usata fino a quel momento, complice la sfiducia nelle banche e negli stati, il Bitcoin, per merito della specifica tecnologia che ne ha permesso la nascita (blockchain), ha rapidamente vissuto un vero e proprio salto di specie diventando una sorta di asset finanziario con il quale speculare. Infatti, ormai il Bitcoin non è più soltanto una semplice unità di conto elettronica, il Bitcoin è diventato molto altro: oro digitale, paradiso valutario, supremazia della tecnologia sulla politica, strumento finanziario digitale al portatore, unità di conto di transazioni non clonabili, sfida al potere di regolazione della moneta in capo alle banche centrali, esperanto valutario ma anche sequestro di risorse sottratte all’economia reale, mezzo utilizzato per compiere veri e propri cyber reati e infine anche prodotto altamente energivoro. Tutto il suo travolgente sviluppo si basa su almeno due fattori decisivi: essere una valuta "sregolata" e sfruttare l’effetto scarsità. In merito al primo punto, occorre chiarire subito che il fenomeno bitcoin nasce al di fuori di ogni sistema regolamentato e al momento sfugge a tutto l’impianto fiscale e normativo internazionale rappresentando una vera e propria sorta di paradiso valutario dove gli scambi pur essendo sicuri, grazie alla crittografia, consentono l’anonimato che potrebbe prestare il fianco a fenomeni di riciclaggio e mancanza di trasparenza tipica delle operazioni illecite. Per quanto concerne il secondo punto, occorre sapere che i bitcoin producibili saranno al massimo circa 21 milioni ed ora il sistema informatico mondiale ne ha già "estratti" più di 15 milioni. Pertanto, anche solo per la evidente forbice in allargamento tra quantità domandata e offerta è molto probabile che i bitcoin in circolazione diventino sempre più cari e contesi. Tuttavia, vorremmo mettere in risalto un dato incontrovertibile: la crescita spasmodica e quasi continua del prezzo di questo oro digitale non è sostenuta da una paritetica crescita dell’economia reale transata in bitcoin. In altri termini, il bitcoin sta assumendo valori crescenti non in quanto moneta di scambio sempre più utilizzata bensì perché si è trasformato nell’oggetto stesso dell’investimento di chi avrebbe dovuto farne uso per acquisti e vendite. Nessuno può prevedere il futuro di tale asset che oggiogiorno è arrivato a capitalizzare un valore complessivo vicino ai 180 miliardi di dollari che rappresentano ancora una frazione molto modesta dell’intera ricchezza finanziaria mondiale. Tuttavia, sarà interessante valutare nel tempo la reazione che il sistema ufficiale potrebbe mettere in atto. Un esempio per tutti: siamo sicuri che il fisco non vorrà avere la sua parte? Tutti gli investitori ne dovranno dichiarare in RW il possesso? E le eventuali plusvalenze realizzate non potrebbero essere tassate come redditi diversi da capitale? Oppure, cosa potrebbe succedere se improvvisamente alcuni stati dichiarassero illegale e perseguibile il suo utilizzo come auspicano premi Nobel del calibro di Joseph Stiglitz?

Carlo F.F. Galbiati- consulenzafinanziaria@carlogalbiati.it

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Finanza etica o etica nella finanza? Un Ossimoro?

Analisi ed approfondimento della finanza etica, delle sue caratteristiche distintive, dei suoi punti di forza e del perchè diventerà protagonista

Continua

Rialzo dei tassi e prospettive per l`investitore

Cosa aspettarsi e quali strategie porre in essere per cautelarsi dai rialzi dei tassi imminenti ad opera della Fed

Continua

Oroscopo finanziario

Tra scaramanzia ed economia, un po' di curiosità lieve non guasta ma la diversificazione di portafoglio è cosa seria

Continua

Guida al funzionamento dei PIR

Decollano finalmente anche in Italia i Piani Individuali di Risparmio

Continua

Ribilanciamento di portafoglio

Necessità di operare almeno periodicamente un sano ribilanciamento di portafoglio. Il difficile equilibrio tra prudenza e avidità

Continua

Migranti fiscali disperatamente cercansi

I migranti che tutti vorrebbero: Italia terza in classifica mondiale per attrattività. Non tutti i migranti sono uguali di fronte al fisco

Continua

Bail out, bail in e burden sharing

Il telecomando che non usiamo: bail out, bail in e burden sharing. Conseguenze della perdita della sovranità bancaria per l'Italia

Continua

Finanza non fa rima con vacanza

Con le ferie alle porte occorre non dimenticarsi di monitorare periodicamente il proprio portafoglio, eventualmente chiedendo aiuto a professionisti

Continua

I buoni, brutti e cattivi della Finanza Mondiale

Una simpatica analisi dei protagonisti attuali dello scenario internazionale. Aspettative e reazione dei mercati finanziari

Continua

Alla ricerca del "beneficiario" perduto

Ivass aiuta i beneficiari a individuare l'esistenza di polizze vita caso morte in loro favore con il servizio di ricerca coperture assicurative

Continua

Finanza etica: un ossimoro?

In cosa consiste l'investimento Socialmente Responsabile e come si declina nelle sue differenti fattispecie. <br />Criteri ESG e stili di investimento

Continua

Previdenza o provvidenza?

Oroscopi finanziari, previsioni di inizio anno, umori, sensazioni o semplicemente analisi dei dati? <br />Il risparmiatore si concentri sul suo

Continua

Il segreto della ricchezza

Non esistono formule magiche o colpi di fortuna. Ci sono strumenti automatici di risparmio che possono aiutare le famiglie: sono i pac

Continua

PIC, PAC, FIP, PIP, PIR: lo slang finanziario

Gli acronimi della finanza più di moda in questo momento. Facciamo ordine e spieghiamo il significato del gergo finanziario ai non addetti ai lavori

Continua