Responsabilità del Comune nel sinistro dell'utente


Il Comune è responsabile del sinistro cagionato dalla mancata manutenzione di sua spettanza
Responsabilità del Comune nel sinistro dell'utente
Quando accade un sinistro, spesso si pone il problema di individuare il soggetto responsabile per il risarcimento dei danni subiti dalla vittima.

Con la sentenza n. 20731 del 14 ottobre 2016 la Corte di Cassazione ha affrontato una vicenda in cui una minore, camminando in spiaggia, finiva su delle braci semispente, riportando delle lesioni.

Nel corso del processo veniva appurato che, secondo la legge regionale applicabile al caso, l'onere di provvedere alla pulizia dell'area in cui era avvenuto il sinistro spettava al Comune convenuto in giudizio, il quale si difendeva documentando di avervi adempiuto affidando apposito incarico a soggetto terzo.

Secondo la Suprema Corte, però, il mero affidamento dell'appalto, a fronte dell'effettiva mancata pulizia dei luoghi in occasione del sinistro, non consente di esonerare il Comune dalla responsabilità per i danni cagionati alla minore e ciò perché l'art. 1228 cod. civ. prevede che il soggetto obbligato ad una prestazione, che si avvalga dell'opera di terzi, "risponde anche dei fatti dolosi o colposi di costoro".

Per tale ragione, il Comune ricorrente si vedeva altresì condannato al risarcimento delle spese legali sostenute dall'altra parte.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Dirigente licenziato: i termini di impugnazione

Decade dall'impugnazione il dirigente licenziato che non deposita in tempo il ricorso ex legge Fornero, nonostante la domanda cautelare separata

Continua

Il danno da perdita del congiunto e la convivenza

La convivenza non costituisce più requisito minimo per il risarcimento del danno da perdita del rapporto parentale, bensì elemento probatorio

Continua

Licenziamento disciplinare e riprese audiovisive

Le telecamere di sorveglianza possono essere utilizzate per provare gli illeciti disciplinari, se non usate per controllare l'operato dei dipendenti

Continua

L'installazione del GPS sull'auto aziendale

Secondo la circolare n. 2/2016 dell'Ispettorato nazionale del lavoro l'installazione del GPS sull'auto aziendale dev'essere autorizzata

Continua

Appalti pubblici e cartella di pagamento impugnata

La pendenza del giudizio di impugnazione di una cartella di pagamento non determina l'esclusione dalla gara di appalto pubblico

Continua

Valutazione dei debiti e trasferimento di azienda

Chi acquista un'azienda risponde dei debiti, compresi quelli verso gli enti pubblici, solo se iscritti in contabilità, salvo le eccezioni di legge

Continua

La tutela del contribuente nelle liti esattoriali

La Sezione tributaria della Cassazione sancisce il principio di effettività della tutela del contribuente nelle procedure di riscossione esattoriale

Continua

Tutele del lavoratore licenziato a fine commessa

Il subentro di altra impresa in un appalto di servizi non comporta necessariamente un trasferimento di azienda (Cass. civ. 24972/2016)

Continua

Il pignoramento dei compensi dell'amministratore

Il compenso dell'amministratore sociale è interamente pignorabile perché è un lavoratore autonomo e non parasubordinato

Continua