Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Restyling per la Legge Marcora


Il Decreto del Ministro dello Sviluppo economico del 4 Gennaio 2021 ha aggiornato la Legge Marcora: sostegni concreti alle imprese e all’occupazione.
Restyling per la Legge Marcora

Legge Marcora: un fondo per le imprese

Istituita con la Legge 49 del 27/02/195 (prende il nome dell’onorevole Giovanni Marcora) ha costituito un fondo destinato alla salvaguardia dell’occupazione attraverso la formazione di imprese cooperative tra dipendenti di aziende in crisi.

Il Fondo diretto da CFI (Cooperazione Finanza e impresa) finanzia la crescita delle imprese cooperative utilizzando le risorse concesse dal Ministero dello Sviluppo Economico. Il finanziamento avviene con un duplice aspetto:

  • in capitale sociale;

  • in capitale di debito.

Chi sono i destinatari?

Destinatari dell’intervento sono piccole e medie imprese costituite nella forma di cooperativa:

  • di produzione e lavoro;

  • cooperative sociali di tipo A e B;

  • operanti in tutti i settori produttivi, compreso il settore agricolo e della pesca

  • rientranti nei limiti stabiliti per le piccole e medie imprese;

  • partecipate da CFI (al momento di presentazione della richiesta di finanziamento, si può presentare richiesta di partecipazione).

CFI interviene con una partecipazione di minoranza, nella forma di socio finanziatorenon superiore al valore del capitale sociale, delle riserve patrimoniali e del prestito sociale della cooperativa, nel limite massimo pari al doppio del capitale sociale versato dai soci dell’impresa.

Tempistiche e aspetti operativi

La partecipazione è temporanea e va dismessa entro le tempistiche individuate dalla normativa di riferimento. Oltre al capitale sociale, CFI finanzia le cooperative attraverso linee di intervento in capitale di debito:

  • finanziamenti per sostenere piani di investimento;

  • prestiti subordinati e prestiti partecipativi per migliorare la capitalizzazione delle imprese.

Nella G.U. n. 84 dell’8 Aprile 2021 sono stati pubblicati gli aspetti operativi. Le domande sono a sportello e dovranno essere presentate a CFI che effettuerà una valutazione in base all’ordine di arrivo. Il finanziamento concesso è a medio lungo termine. Sugli stessi non verrà richiesta nessuna garanzia

Le domande dovranno essere presentate a mezzo P.E.C. (Posta elettronica certificata) all’indirizzo cfi@pec.it. La modulistica è scaricabile dal sito internet di CFI.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Di troppa formazione non si muore!

Cosa sono i Fondi Paritetici Interprofessionali? Quanti sono e quali?

Continua

Piano Industriale, un modello per superare la crisi

E’ uno strumento necessario per superare la crisi, per accedere a nuova liquidità e per ampliare il proprio mercato di vendita

Continua

AIM - Mercato per le piccole e medie imprese

Quotarsi sul listino consente alle PMI di finanziare i propri piani di sviluppo senza ricorrere al credito bancario sempre più scarso

Continua

Il Garante privacy all’Agenzia delle Entrate: la fatturazione elettronica va cambiata

E-fattura, per la prima volta il Garante Privacy esercita il nuovo potere correttivo di avvertimento

Continua

Privacy: consulenti del lavoro responsabili del trattamento

Il consulente del lavoro è titolare o responsabile del trattamento? Tesi a confronto tra il Garante privacy e il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti Lavoro

Continua

Finanziamenti per piccole e medie imprese, quali opportunità?

Oltre al decreto “Cura Italia”, esistono molte altre forme di finanziamento per le PMI

Continua