Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Ricerca e sviluppo: ammesse al credito anche modifiche e migliorie


Sono ammissibili e agevolabili ai sensi dell'art. 3 del d.l. n. 145 del 2013 (Credito di imposta Ricerca e Sviluppo) le modifiche e/o migliorie dell'esistente
Ricerca e sviluppo: ammesse al credito anche modifiche e migliorie

Una recente sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Vicenza è l'occasione per fare il punto sulle numerose contestazioni emergenti all'emanazione degli atti di recupero ex  1, comma 421, della legge n. 311/2004, sulle (ritenute - dal Fisco -) indebite compensazioni del credito di imposta per spese di ricerca e sviluppo ex art. 3 del d.l. n. 145 del 2013.

L'Amministrazione finanziaria, sulla scorta di numerosi documenti di prassi, non ritiene ammissibili le spese qualora volte a migliorare o modificare prodotti o processi già presenti in azienda e ciò sulla scorta dell'assenza di innovatività di tali operazioni.

Cio posto, dall'esame letterale della norma agevolativa, emerge che solo le modifiche e miglioria - sia consentito - banali non siano meritevoli di agevolazione posto che il comma 5 dell'art. 3 dispone che "Non si considerano attività di ricerca e sviluppo le modifiche ordinarie o periodiche apportate a prodotti, linee di produzione, processi di fabbricazione, servizi esistenti e altre operazioni in corso, anche quando tali modifiche rappresentino miglioramenti".

Infatti, tale disposizione rappresenta una norma di chiusura, mentre il comma precedente (co. 4) in più punti considera e premia le migliorie e le modifiche sostanziali a prodotti e/o processi esistenti. Sono infatti ammissibili al credito R&D:

a) lavori sperimentali o teorici svolti, aventi quale principale finalità l'acquisizione di nuove conoscenze sui fondamenti di fenomeni e di fatti osservabili, senza che siano previste applicazioni o utilizzazioni pratiche dirette;

b) ricerca pianificata o indagini critiche miranti ad acquisire nuove conoscenze, da utilizzare per mettere a punto nuovi prodotti, processi o servizi o permettere un miglioramento dei prodotti, processi o servizi esistenti ovvero la creazione di componenti di sistemi complessi, necessaria per la ricerca industriale, ad esclusione dei prototipi di cui alla lettera c);

c) acquisizione, combinazione, strutturazione e utilizzo delle conoscenze e capacità esistenti di natura scientifica, tecnologica e commerciale allo scopo di produrre piani, progetti o disegni per prodotti, processi o servizi nuovi, modificati o migliorati; può trattarsi anche di altre attività destinate alla definizione concettuale, alla pianificazione e alla documentazione concernenti nuovi prodotti, processi e servizi; tali attività possono comprendere l'elaborazione di progetti, disegni, piani e altra documentazione, purché non siano destinati a uso commerciale; realizzazione di prototipi utilizzabili per scopi commerciali e di progetti pilota destinati a esperimenti tecnologici o commerciali, quando il prototipo è'necessariamente il prodotto commerciale finale e il suo costo di fabbricazione é troppo elevato per poterlo usare soltanto a fini di dimostrazione e di convalida;

d) produzione e collaudo di prodotti, processi e servizi, a condizione che non siano impiegati o trasformati in vista di applicazioni industriali o per finalità commerciali.

La sentenza vicentina fissa due importanti capisaldi in un momento storico dove le contestazioni sui crediti R&D sono molto elevate:

  1. sono agevolabili anche i progetti che mirano al "miglioramento tecnologico di applicazioni già in parte in essere";

  2. incombe in capo all’Amministrazione l’onere di provare, con elementi effettivi, la non innovatività dei progetti di ricerca e sviluppo.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Leverage cash out: necessaria un analisi caso per caso

Recenti pronunce di merito e di legittimità sono spesso pro-Contribuente nei casi in cui questo riesca ad adeguatamente evidenziare valide ragioni extrafiscali

Continua

La rivalsa (sul cliente) della maggiore IVA accertata (al fornitore)

La maggiore IVA accertata, può essere recuperata mediante la rivalsa prevista dall'art. 60 del DPR 633/1972 in ossequio al principio di neutralità dell'IVA

Continua

Cedolare secca sugli affitti: profilo soggettivo del conduttore

Cedolare secca sugli affitti e inesistenza di (pretesi) requisiti soggettivi in capo al conduttore

Continua

Processo tributario e divieto di prova testimoniale

Il divieto di prova testimoniale non viene violato in caso di utilizzo da parte dell'Amministrazione finanziaria di "dichiarazioni di terzi".

Continua

Amministratori di fatto: responsabilità fiscali

Amministratori di fatto di società o associazioni: esame delle responsabilità in ordine alle sanzioni tributarie

Continua

Valore probatorio dei messaggi istantanei nell'accertamento tributario

Esame del valore probatorio degli instant messaging system (iMessage e WhatsApp) nell'accertamento tributario alla luce di una recente pronuncia di merito

Continua

Omessa consegna di documenti: limiti e controlimiti all'inutilizzabilità

L'inutilizzabilità, in sede contenziosa, dei documenti non esibiti nelle fasi di accesso, ispezione e verifica, viene chiarito da una pronuncia della Cassazione

Continua

Accertamento: il confine tra induttivo puro e analitico induttivo

Esame del confine tra accertamento "induttivo puro" e accertamento "analitico-induttivo": i requisiti che consentono di non dare rilievo alle scritture contabili

Continua

PASSAGGIO GENERAZIONALE e STUDI DI SETTORE

La delicata fase del passaggio generazionale non consente una acritica applicazione dei metodi predittivi del reddito, come ad esempio gli Studi di Settore.

Continua