Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Ricerca e sviluppo: bonus investimento fino al 45%


L'investimento in ricerca e sviluppo permette di ottenere un cospicuo credito di imposta. Un'opportunità molto interessante per gli imprenditori.
Ricerca e sviluppo: bonus investimento fino al 45%

La legge di bilancio 2021 proroga fino al 31/12/22 e potenzia il bonus ricerca e sviluppo. In pratica, ai soggetti che sostengono determinate categorie di spese, spetta un credito di imposta. Tale credito può arrivare fino al 43% dell’investimento. Sono ammissibili le spese in attività di ricerca fondamentale, industriale e di sviluppo in campo scientifico e tecnologico. Ma vediamo nel dettaglio quali sono le spese ammissibili. (fonte: www.studiobrega.it).

Possono beneficiare dell’agevolazione tutte le imprese residenti nel territorio italiano. A prescindere da:

  • forma giuridica.
  • settore economico di appartenenza.
  • dimensione.
  • regime fiscale di determinazione del reddito. A tale proposito sono compresi i soggetti in regime forfettario e le imprese agricole.

Il credito d’imposta opera per il periodo d’imposta 2020 e fino a quello in corso al 31.12.2022. Per le attività di ricerca e sviluppo agevolabili, il credito d’imposta è riconosciuto in misura pari al 20% della relativa base di calcolo. Nel limite massimo di 4 milioni di euro. Per quanto riguarda gli investimenti nelle regioni del Mezzogiorno, la percentuale del credito di imposta può variare. Sono previste infatti le seguenti percentuali, che variano a seconda del soggetto beneficiario.

  • 25% per le grandi imprese.
  • 35% per le medie imprese.
  • 45% per le piccole imprese.

In linea di massima, sono ammissibili al credito d’imposta le attività di ricerca fondamentale, ricerca industriale e sviluppo sperimentale. In campo scientifico o tecnologico. Analizziamo voce per voce le varie tipologie di spese che permettono di ottenere il credito di imposta.

 

 

 

Ricerca e sviluppo: le spese per il personale

Innanzitutto sono ammesse le spese per il personale. Nello specifico, si tratta di spese relative ai ricercatori direttamente impiegati nelle operazioni di ricerca e sviluppo. Inoltre, concorrono per il 150% del loro ammontare le seguenti spese.

  • relative a soggetti di età non superiore a 35 anni.
  • in possesso di un titolo di dottore di ricerca o iscritti a un ciclo di dottorato presso l’università. In alternativa, in possesso di una laurea magistrale in discipline di ambito tecnico o scientifico.
  • assunti dall’impresa con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato.

 

 

Ricerca e sviluppo: beni mobili e software

Seconda categoria ammissibile: beni mobili e software. Parliamo principalmente di quote di ammortamento e canoni di locazione di beni utilizzati nei progetti di ricerca e sviluppo. Nel limite massimo complessivo pari al 30% delle spese di personale.

 

 

Ricerca e sviluppo: contratti di ricerca

Terza categoria ammissibile: le spese relative a contratti di ricerca. Nello specifico, parliamo di contratti extra-muros aventi ad oggetto le attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d’imposta.
Nel caso di contratti di ricerca stipulati con università e istituti di ricerca, nonché con start up innovative, le spese concorrono a formare la base di calcolo del credito d’imposta per un importo pari al 150% del loro ammontare.

 

 

Ricerca e sviluppo: privative industriali

Quarta categoria: i brevetti. Intendiamo le quote di ammortamento relative all’acquisto da terzi, anche in licenza d’uso, di privative industriali. Relative a cosa? Relative a un’invenzione industriale o biotecnologica, a una topografia di prodotto a semiconduttori o a una nuova varietà vegetale.

  • nel limite massimo complessivo di 1 milione di euro;
  • a condizione che siano utilizzate esclusivamente per lo svolgimento delle attività inerenti ai progetti di ricerca e sviluppo.

 

 

Servizi di consulenza e realizzazione di prototipi

Quinta categoria: servizi di consulenza. Tale categoria è ammissibile al credito d’imposta nel limite massimo complessivo pari al 20% delle spese di personale. Sesta categoria. Spese per materiali, forniture e altri prodotti analoghi impiegati nei progetti svolti internamente dall’impresa per la realizzazione di prototipi o impianti pilota. Nel limite massimo del 30% delle spese di personale agevolabili.

In conclusione, proviamo a fare un semplice esempio. Un’impresa, nel periodo d’imposta 2021, svolge attività di ricerca e sviluppo ammissibili, sostenendo le seguenti spese.

  • spese per il personale agevolabili per un ammontare complessivo pari a 50.000 euro.
  • spese per consulenze agevolabili per 30.000 euro. Ai fini del calcolo dell’agevolazione, tali spese rilevano però soltanto per 10.000 euro, essendo previsto un limite massimo pari al 20% delle spese per il personale (20% di 50.000).

In tal caso, il credito d’imposta sarà pari a 12.000 euro (20% di 60.000).

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Bonus 2021: credito d'imposta al 50% per i beni strumentali

Tra i bonus 2021 inseriti nella neo nata Legge di Bilancio 2021, troviamo il potenziamento del credito di imposta per i beni strumentali, la cosiddetta "Industria 4.0"

Continua

Auto aziendale assegnata ai dipendenti: le ultime novità

Ecco quali sono le novità relative alla fiscalità dell'auto aziendale assegnata ai dipendenti

Continua

Assumere dipendenti 2021: risparmio fino a 6 mila euro annui

La neo nata Legge di Bilancio 2021 ha introdotto esoneri contributivi a carico dei datori di lavoro. Vediamo di cosa si tratta

Continua

Superbonus 110%: conviene cedere il credito alle banche?

E' una delle domande che ci pongono più spesso i nostri clienti: conviene cedere il credito alla banche? Proviamo a fare chiarezza

Continua

Superbonus 110% e cessione del credito: 3 esempi per capire quando conviene

La cessione del credito da superbonus è sempre convenente? E a che condizioni? Abbiamo ipotizzato 3 differenti casi per comprendere al meglio

Continua

Start up innovativa: come si costituisce con pochi euro

Cos'è una start up? Come posso crearne una? La mia azienda può essere definita una start up? Proviamo a fare chiarezza

Continua

Finanza agevolata: come ottenerla in soli 3 giorni

Uno degli ultimi strumenti utili ad ottenere finanziamenti agevolati. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta

Continua

Ricerca e sviluppo: bonus investimento fino al 45%

La legge di bilancio 2021 proroga fino al 31/12/22 e potenzia il bonus ricerca e sviluppo.

Continua

Finanza agevolata: come ottenerla in soli 3 giorni

Nello Studio Brega abbiamo sempre dedicato ampio spazio alla finanza agevolata, tematica diventata sempre più centrale per tutti gli imprenditori

Continua

Superbonus e sconto in fattura: è possibile fare i lavori gratis?

Superbonus 110%, tre vie per il recupero. Dichiarazione dei redditi, cessione del credito o sconto in fattura

Continua

Regime forfettario, addio definitivo alla Flat Tax?

Nel 2020 oltre 215 mila persone hanno aderito al regime forfettario. Quale sarà il futuro per questo particolare regime agevolato?

Continua

Beni strumentali e industria 4.0: tax planning fondamentale

La Legge di Bilancio 2021 ha potenziato il premio fiscale per gli acquisti di beni strumentali. Vediamo nel dettaglio a quanto ammonta l'agevolazione.

Continua

Comprare bitcoin: come comportarsi con il fisco?

Abbiamo appurato come il mondo di internet abbia rivoluzionato i mercati finanziari. Oggi comprare bitcoin è diventata un’operazione quasi ordinaria. Vediamo però come

Continua

Bonus 110%: è possibile cedere il credito a parenti e amici?

In merito alla cessione del bonus 110 %, l’A.E. chiarisce una questione di non poca importanza. E’ possibile cedere il credito d’imposta ad amici e parenti?

Continua