Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Rientro in ufficio post pandemia: come gestire al meglio il personale


Il rientro in ufficio dopo il lungo periodo di emergenza può destare qualche preoccupazione tra i dipendenti
Rientro in ufficio post pandemia: come gestire al meglio il personale

Il rientro in ufficio dopo il lungo periodo di emergenza può destare qualche preoccupazione tra i dipendenti.

Un buon manager deve saper far fronte a questa situazione, bilanciando esigenze aziendali e attenzione verso il proprio teamTorniamo a parlare di gestione del personale, questa volta dal punto di vista del middle manager, alle prese con una situazione inedita. 

Grazie all’avanzamento della campagna di vaccinazione, la maggior parte degli uffici ha ormai riaperto o è in procinto di farlo. Una buona notizia per quanti desiderano da più di un anno di poter tornare finalmente alla propria scrivania. Un po’ meno buona per i lavoratori che provano un sentimento di ansia all’idea di riprendere a lavorare in presenza.

Alcuni possono percepire la situazione come un rischio per la propria salute, alcuni magari devono ancora affrontare una situazione familiare che prevede la loro costante presenza. Altri hanno scoperto di essere più produttivi da casa, o semplicemente sono lieti di non dover affrontare un lungo tragitto giornaliero per arrivare fino alla sede di lavoro.

Cosa deve comportarsi un buon manager, per compensare esigenze aziendali e dei lavoratori? Dipende dalle direttive aziendali.

Se l’azienda preferisce il lavoro in sede, è importante cercare di convincere il personale a tornare in presenza. Tuttavia, se l’azienda prevede una gestione mista, almeno per un primo momento, sarà altrettanto importante rendere chiaro ai dipendenti che la loro carriera non risentirà di questa scelta.

Ci vuole comprensione:

Per alcune persone il ritorno alla routine e alla vita lavorativa con i colleghi può essere molto salutare. Altri, al contrario, potrebbero non sentirsi ancora pronti. Un buon middle manager sa cogliere questo tipo di sfida, gestendo le preoccupazioni dei dipendenti e seguendo sempre le indicazioni della direzione.

Come comprendere lo stato d’animo del proprio team, al rientro in ufficio?

Il primo passo da compiere è scoprire come si sentono i dipendenti, in modo anonimo se necessario. Non è scontato, infatti, che tutti manifestino la propria ansia o i propri sentimenti negativi. Potrebbero anzi nasconderli, per paura di sentirsi inadeguati, non all’altezza della situazione.

ESEMPIO: è possibile che la preoccupazione principale dei dipendenti sia legata alla salute. Per scoprirlo è possibile servirsi di sondaggi anonimi. Per risolvere la situazione bisognerà assicurarsi che il team sia a conoscenza delle misure di prevenzione adottate dall’organizzazione.

Oppure può essere che i dipendenti preferiscano lavorare da casa, perché scoprono di essere in grado di lavorare meglio e senza interruzioni. Meglio parlarne con il proprio team ed escogitare un sistema per ridurre al minimo le distrazioni, indipendentemente dal luogo in cui si sta lavorando.

Permettere l’ambivalenza 

Quando le persone condividono le proprie preoccupazioni, sia apertamente che anonimamente, meglio consentire loro di esprimere sentimenti contrastanti. Essere positivi in merito ai cambiamenti è un buon atteggiamento e allevia le preoccupazioni, ma può intimorire chi è animato da sensazioni opposte.

È importante incoraggiare le persone ad esprimere emozioni sia negative che positive, senza forzare una risoluzione ordinata di quei sentimenti.

Nel prossimo aggiornamento scopriremo 3 accorgimenti pratici, da mettere in atto per migliorare il clima aziendale e prevenire le brutte sorprese!

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Consulenza aziendale, chi ha paura del DSCR?

Come adeguarsi alla nuova normativa sulla Crisi d’Impresa? Il CNDCEC ha individuato un indice dal nome inquietante: il DSCR. Vediamo insieme di cosa si tratta

Continua

Consulenza aziendale: come si calcola il DSCR? (Parte 1)

DSCR: un indice dal nome minaccioso, ma in grado di dirci velocemente se la nostra azienda disponga di sufficiente liquidità. Vediamo come calcolarlo in pochi step!

Continua

Consulenza aziendale: come si calcola il DSCR? (Parte 2)

Una volta capito come calcolare il DSCR, facciamo un ultimo passo in avanti costruendo il Rendiconto Finanziario previsionale

Continua

Come costruire il Rendiconto Finanziario previsionale?

Il Rendiconto Finanziario previsionale si può calcolare in due modi: diretto o indiretto. Vediamo come fare

Continua

Finalmente, ecco pronto il DSCR!

Dopo aver analizzato i due metodi per calcolare il Rendiconto Finanziario Previsionale nello specifico siamo pronti per calcolare correttamente il DSCR

Continua

Crisi ed equity al tempo del Covid-19

La crisi economica, generata dall’emergenza sanitaria Covid-19, penalizza le scelte guidate dalla filosofia del "just in time"

Continua

4.0 in azienda: una scelta lungimirante e vincente

L'universo 4.0 è ancora oggi poco conosciuto e sfruttato dalle aziende. I consulenti Acanto vi spiegano perché puntare sull'innovazione è la scelta vincente

Continua

Invoice trading o anticipo fatture: uno dei 4 grandi strumenti di fina

Affidarsi solo alle banche può essere un limite. L'Invoice trading o anticipo fatture è uno dei 4 grandi strumenti di finanza alternativa da analizzare

Continua

Dopo l'Invoice Trading, altri tre strumenti di finanziamento alternativo alle banche

Pro e contro di tre strumenti di finanziamento alternativo: Equity crowfunding, Minibond e Basket Bond. Prima di scegliere, meglio affidarsi a consulenti competenti

Continua

Smart Working: pregi e difetti del lavoro agile

Smart Working e telelavoro: le differenze sono molte. Pregi e difetti del lavoro agile, per un utilizzo consapevole di un nuovo paradigma lavorativo.

Continua

Smart Working: pregi e difetti del lavoro agile (parte 2)

Smart working: tanti i vantaggi del nuovo sistema di lavoro. Le insidie? Sotto controllo, grazie alle dritte dei nostri consulenti

Continua

Welfare aziendale: ecco perché conta in azienda

Aumenta il risparmio aziendale e motiva i dipendenti: il Welfare Aziendale è lo strumento fondamentale per le imprese. Ecco perché è importante!

Continua

Welfare aziendale: pro e contro

Strumento fondamentale per le imprese, il Welfare aziendale presenta molti vantaggi. Ecco una guida per utilizzarlo al meglio!

Continua

Passaggio generazionale: dal problema alle possibili soluzioni

Passaggio generazionale: un momento molto delicato nella vita di un’azienda familiare.

Continua

Passaggio generazionale: la consulenza come risposta strategica

Il passaggio generazionale vuole una risposta strategica mirata: la consulenza

Continua

Rientro in ufficio: ecco qualche idea per aiutare i manager

Il rientro in ufficio dopo il lungo periodo di emergenza può destare qualche preoccupazione tra i dipendenti

Continua