Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Riflessioni sul rapporto tra cuneo fiscale ed holding societaria


Cuneo fiscale ed Holding societaria. Riflessioni sulla protezione patrimoniale dell’imprenditore
Riflessioni sul rapporto tra cuneo fiscale ed holding societaria

 

Tema sempre di dibattito in sede di approvazione della annuale legge di bilancio e sulla sua influenza sulla domanda e offerta di lavoro, il cuneo fiscale come definito dall’OCSE indica il rapporto tra l'importo delle imposte pagate da un singolo lavoratore medio (senza figli) e il corrispondente costo totale del lavoro per il datore di lavoro.

Il cuneo fiscale a cui si fa riferimento è il c.d. cuneo totale, aggiungendo quindi al cuneo fiscale il cuneo contributivo ossia la somma dei contributi sociali a carico del lavoratore e del datore di lavoro. Infatti, pur avendo una natura diversa, i contributi sociali per il datore di lavoro sono considerati come delle imposte, perché obbligatori e prelevati direttamente dalla retribuzione lorda, mentre per il lavoratore costituiscono una tutela e una sorta di garanzia per i rischi derivanti dall’attività lavorativa (malattia, infortuni e disoccupazione) e permettono di percepire un reddito anche alla fine del periodo lavorativo (pensione).

In questo contesto il cuneo fiscale indica in percentuale la differenza tra il costo del lavoro che grava sull'impresa a fronte della retribuzione netta corrisposta al lavoratore, su cui gravano imposte (dirette e indirette), contributi previdenziali e assicurativi.

Il costo totale del lavoro in ambito civilistico per un datore di lavoro è la spesa totale sostenuta per i lavoratori dipendenti ed è costituita da: salari e stipendi comprensivi di tutti gli elementi fissi e variabili che formano la retribuzione; indennità; oneri sociali da corrispondere agli enti previdenziali a carico dell’impresa, il trattamento di fine rapporto e altre spese come le spese di assunzione, le spese per indumenti da lavoro; meno eventuali sussidi ricevuti.

Le retribuzioni nette indicano la quota di reddito disponibile, ossia dopo aver detratto dall'importo lordo le imposte sul reddito e i contributi sociali a carico del lavoratore e aver aggiunto gli assegni familiari (prestazioni in denaro corrisposte per i figli a carico), nel caso di famiglie con figli.

Il cuneo fiscale rappresenta un tema di particolare attualità in un contesto europeo caratterizzato da un’alta imposizione sui redditi da lavoro e sulle imprese. Se da una parte comporta un freno per l’economia, dall’altra è essenziale per il finanziamento della spesa pubblica e per il mantenimento dei sistemi di welfare.

Nella seconda metà del ‘900 si rileva un aumento esponenziale del cuneo per i paesi dell’Unione Europea, che ha portato, con l’inizio del nuovo millennio, a dover adottare politiche per una sua riduzione in quanto accusato di penalizzare l’efficienza e la competitività delle imprese, nonché l’occupazione e il potere d’acquisto dei cittadini.

In Italia, questo risanamento finanziario è reso ancora più difficoltoso dall’alto debito pubblico che grava sulla sua economia. Utilizzando i dati OCSE e EUROSTAT, analizzando la composizione e l’andamento del cuneo negli ultimi anni in Europa, e come questo crei distorsioni nel mercato del lavoro, tenuto in conto anche con particolare attenzione al sistema impositivo vigente in Italia e a come può essere rimodulato per alleggerire il carico fiscale e contributivo delle imprese e dei lavoratori, si giunge alla conclusione che lo stesso, in Italia, risulta assai elevato e penalizzante soprattutto per il sistema produttivo d’impresa.

Nel trade-off tra equità ed efficienza, un aumento del cuneo fiscale può essere visto come un elemento che favorisce una maggiore equità sia orizzontale, ossia che individui con la stessa capacità contributiva vengano tassati in misura uguale, sia verticale, ossia che individui con capacità contributiva diversa vengano tassati in misura diversa.

Principi che si pongono alla base dell’attività di redistribuzione del reddito operata dal settore pubblico. D’altra parte, una diminuzione del cuneo fiscale può essere vista come un passo verso una maggiore efficienza e competitività di imprese e lavoratori e, quindi, anche dell’occupazione. I paesi appartenenti all’Unione Europea sono quelli caratterizzati da una più alta percentuale di cuneo fiscale, ma anche da sistemi di welfare più sviluppati e, quindi, con più alti livelli di assistenza sociale e previdenza pubblica.

All’opposto nei paesi anglosassoni, che mediamente si trovano agli ultimi posti della classifica, l’introduzione e il conseguente sviluppo dei sistemi pensionistici privati hanno ridotto in maniera significativa e consistente i contributi obbligatori da versare sia per le imprese che per i lavoratori. Molte imprese, piccole o grandi che siano, non riusciranno a metabolizzare del tutto l’urto di questa crisi economica. Nonostante le difficoltà del periodo, risulta palese che lo stesso non può essere affrontato con paura e immobilismo. Le aziende devono, oggi piu’ che mai, compiere una serie di azioni per gestire le risorse finanziarie, la cassa, i finanziamenti ed esplorare nuove opportunità che possono rappresentare un punto di svolta. Nello specifico gli step da seguire risultano essere:

-   gestire la liquidità della azienda per fronteggiare al meglio i prossimi mesi (e trasformare la crisi in un’opportunità per cambiare modello di business e crescere);
-    attuare le scelte e le strategie per uscire dalla crisi e avviare un processo di crescita sostenibile;
-    innovare l’azienda a spese dello stato e sfruttare le agevolazioni fiscali per fare un investimento (investire ora in innovazione può permettere di ottenere benefici rispetto ai competitor);
-    impostare una corretta struttura aziendale per tutelare il patrimonio e blindarlo da eventuali rischi imprenditoriali;
-    pianificare il futuro fiscale della azienda per difendersi dalle tasse necessarie per colmare i debiti con l’Europa;
-    proteggersi dai rischi che impattano sul patrimonio aziendale mediante un’analisi e una corretta pianificazione strategica;

Oggi la creazione di una holding è una delle strategie di pianificazione fiscale più semplice ed efficace che permette di creare una crescita aziendale che si attua al fine di ottenere una considerevole riduzione del carico fiscale.

Questa particolare forma giuridica è una società che detiene proprietà immobiliari o quote di partecipazione in altre società senza assumere rischi imprenditoriali. Una holding esercita una attività direttiva delle altre imprese operative e un controllo del loro capitale sociale anche se operano in società differenti. Spesso si trasferiscono immobili delle società operative per evitare che lo stesso possa essere oggetto di attacco creditorio.

Il costo di una holding risulta essere assai prossimo a quello di una normale società con un ritorno di vantaggio fiscale; tuttavia, assai elevato soprattutto dal punto di vista previdenziale. In Italia, una holding può essere realizzata in diversi modelli, tutti accomunati da tutela del patrimonio aziendale, gestione del passaggio generazionale, ottimizzazione fiscale ed esigenze di ordine produttivo-finanziario.

Una delle strategie per ottimizzare il risparmio fiscale è quella che presuppone la presenza di due società, con una che detiene le quote dell’altra, che sarebbe la società operativa, permettendo che visto che gli utili che arrivano alla holding sono già tassati all’interno della società operativa, solo una parte degli utili distribuiti venga imputato in capo alla società holding.

Inoltre, la possibilità di espandere l’azienda all’estero permetterebbe di abbattere ulteriormente l’impatto del fisco. Sebbene ci siano esigenze aziendali che prediligono una forma giuridica piuttosto che un’altra la scelta migliore sarebbe utilizzare una srl.

Tale scelta, nonostante comporti maggiori adempimenti, prevede però la circostanza che il ruolo di amministratore possa essere affidato a soggetti che possono anche non essere soci della società con evidenti ricadute positive in capo ai possessori della società.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Infortunio sul lavoro Covid-19: nesso di responsabilità datore di lavoro

Nesso tra responsabilità penale e civile del datore di lavoro e redazione del DVR

Continua

Riflessioni sull'azione di rimborso per i medici di medicina generale

Il D.lgs. 368/99, recependo la Direttiva comunitaria n. 93/16/CE, ha riconosciuto a tutti i medici specializzandi lo status di lavoratore in formazione

Continua

I rischi della gestione del rapporto di lavoro domestico tipo h24 tramite agenzia

I rischi connessi alla gestione non controllata del rapporto di lavoro domestico mediante ausilio di agenzia di somministrazione di lavoro

Continua

Il potere disciplinare del datore di lavoro:i controlli sul lavoratore

Il potere direttivo e disciplinare ei controlli sui lavoratori sono argomenti estremamente delicati e sempre di attualità

Continua

Il potere disciplinare del datore di lavoro: presupposti

Nella gestione del contenzioso disciplinare è essenziale conoscere ed applicare correttamente le principali norme di riferimento

Continua

Il potere disciplinare del datore di lavoro: riflessi gestionali

Nell’analisi del potere direttivo e disciplinare, una serie di considerazioni particolari vanno riservate agli aspetti gestionali ed amministrativi

Continua

Aspetti inerenti la tredicesima mensilità nel comparto scuola

Effettuare un numero di giorni di servizio nel comparto scuola pari a 182 risulta corrispondente ad un anno di servizio

Continua

Breve cronistoria della vicenda del rinnovo contrattuale CAS Sicilia

Adeguamenti contrattuali economici dei dipendenti del consorzio Autostrade siciliane su base degli aggiornamenti CCNL Autostrade e Trafori

Continua

Come ottimizzare la produttività del lavoro pubblico

Ecco qual è la logica del DDL 2031/2009 collegato alla manovra finanziaria sull’ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico

Continua

IL COSTO DI GESTIONE DEL PERSONALE NELLA GARA D'APPALTO-PARTE PRIMA

Una variabile non trascurabile nella presentazione dell’offerta economica per la partecipazione ad una gara d’appalto riguarda il costo del personale

Continua

Autoferrotranvieri: differenze retributive per attività di conducente e indennità di guida

Ricorso autisti effettuato sulla base dell’art. 414 cpc contro l'Azienda Trasporti Messina ex CCNL Autoferrotranvieri 27.10.2000

Continua

Il costo di gestione del personale nella gara d'appalto (Parte seconda)

La variabile del calcolo del costo del lavoro nell’offerta economica della gara d’appalto muove sempre dai dati contrattuali e legali vigenti nel periodo considerato

Continua

Profili di responsabilità giuridica del dirigente d’azienda pre-virus

Adeguare e sviluppare in maniera programmatica l'evoluzione professionale dei dirigenti e dei quadri superiori, nonché anche la cultura imprenditoriale, risulta urgente

Continua

Sicurezza nei luoghi di lavoro condominiali e DVR

Infortunio sul lavoro in ambito condominiale e nesso di resposabilità del datore di lavoro per redazione del DVR

Continua

Oltre la subordinazione, le nuove tutele per i rider

La recente sentenza della Cassazione ha riconosciuto nuove tutele per i rider, ma è solo la degna successione giurisprudenziale al decreto 81/2015 e alla legge 128/2019

Continua

Oltre lo Statuto dei lavoratori…una sentenza tortuosa non è giustizia

La sentenza della Corte di Cassazione n. 1633/2020 ha segnato il solco ma la strada delle tutele sarà ancora “lunga” nel mondo dei tempi “contratti” del profitto

Continua

I costi della sicurezza sul lavoro

I costi della sicurezza sul lavoro con la stima dei costi relativi all'emergenza Covid-19

Continua

Telelavoro, Smart working, innovation working: riflessioni di sociologia

Lo smartworking non è, come spesso si crede, il telelavoro o il lavoro da remoto. Infatti il telelavoro è il lavoro fatto da casa mentre lo smartworking è cosa diversa

Continua

L’infelice cancellazione delle cartelle fino a 5mila euro

Il recente Decreto Sostegni ha previsto la cancellazione delle cartelle esattoriali fino a 5mile euro, facciamo degli esempi pratici

Continua

Licenziamento per rifiuto del cambio dell'orario lavorativo

È ricorrente il caso in cui venga chiesto al lavoratore il cambio dell'orario di lavoro. Spesso questa modifica riguarda una situazione di crisi

Continua

Il contratto di cessione d'azienda: brevi considerazioni

Parliamo di cessione e affitto d'azienda, similarità e differenze, contratto di cessione d'azienda e brevi considerazioni di economia aziendale

Continua

Il contratto di affitto d'azienda: brevi riflessioni

Cessione e affitto d'azienda: similarità e differenze. Brevi riflessioni di economia aziendale

Continua

Formule di attribuzione del punteggio economico

Formule di attribuzione del punteggio economico ad opera della stazione appaltante nelle gare d'appalto

Continua

L’evoluzione del modello organizzativo del sistema produzione

L’evoluzione del modello organizzativo del sistema produzione: riflessioni di sociologia del lavoro

Continua

LA COOPERATIVA E LA "CONDOTTA" DEL SOCIO LAVORATORE

LA COOPERATIVA E LA "CONDOTTA" DEL SOCIO LAVORATORE. RIFLESSIONI DI DIRITTO DEL LAVORO APPLICATO.

Continua

INTRODUZIONE ALLA FORMAZIONE DEL PERSONALE UFFICIO GARE APPALTO

INTRODUZIONE ALLA FORMAZIONE DEL PERSONALE UFFICIO GARE APPALTO

Continua