Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Riflessioni sull’esperienza di Mediazione familiare


La Mediazione familiare rappresenta un metodo per gestire conflitti attivando le risorse creative della coppia per il cambiamento del rapporto
Riflessioni sull’esperienza di Mediazione familiare

Occuparsi di problemi familiari equivale a occuparsi non solo di persone che vivono una crisi familiare, ma anche di persone che hanno una difficoltà di comunicazione e che a causa di ciò sono bloccate in una staticità disfunzionale, che abbisognano di un maggiore equilibro nelle loro relazioni. Legami che si spezzano o che abbisognano di essere valorizzati e persone che sono alla ricerca di soluzioni molto pragmatiche.

Quando incontri la coppia non sai, dunque, quali sono le loro reali necessità e quali saranno le loro effettive richieste. Sono ricorsi a te perché hanno bisogno di aiuto. Hanno poche informazioni sulla Mediazione familiare, sanno solo ciò che gli è stato detto o le poche notizie che hanno recuperato velocemente da internet. Spinti da qualcuno o da qualcosa e il più delle volte con scarsa volontà di seguire seriamente un percorso che gli richiede un certo impegno e responsabilità. In cuor loro sperano che tu farai un miracolo perché in breve gli risolverai il problema convinti di trovare finalmente la persona che gli darà ragione. Ma non sarà proprio così! Il miracolo saranno loro a compierlo quali veri protagonisti della procedura.

La coppia non sempre si svela subito, pertanto non sai se si scioglierà, se metterà in campo tutte le proprie energie e risorse per riorganizzarsi in un modo o in un altro. Nello spazio di ascolto che è “confidenziale”, perché coperto dalla riservatezza, cerchi dunque di capire in quale fase la coppia si trovi se in quella di stallo, in quella in cui vorrebbero rilanciarsi o in quella in cui vorrebbero separarsi. Sono, però, necessari diversi incontri prima di giungere alla negoziazione vera e propria perché prima di tutto occorre che abbiano chiara la procedura, che si comprenda, che tipo di problematica e che tipo di conflittualità stanno vivendo, qual è la loro storia familiare, se sono mediabili, se vi è la necessità di inviare o affiancare il percorso con qualche altro specialista. Vi è, insomma, necessità di portare a galla la realtà del rapporto. Spesso accade che scopri che quella realtà è completamente diversa dalla loro richiesta iniziale perché ad emergere sono le verità sommerse o represse. Ad ogni modo non sai come andrà perché sai semplicemente che li aiuterai con la comunicazione e li guiderai affinché possano prendere una decisione.

Ad emergere nella richiesta è la difficoltà di comunicazione, la necessità di un sostegno da parte della coppia, la necessità di essere ascoltati e compresi nei propri bisogni, la necessità di trovare una soluzione poiché diversamente si separeranno, la volontà di separarsi o di non separarsi da parte di un solo partner della coppia, la decisione di separarsi e di trovare degli accordi, modificare accordi consensuali o giudiziali, difficoltà legate ai figli.  Questa è soltanto una parte della gamma di situazioni che potrebbero capitare ad un Mediatore familiare in quanto ad egli potrebbero arrivare anche richieste che investono la famiglia in senso allargato e, dunque, non necessariamente collegate al solo conflitto da separazione o divorzio. E questo poco si sa!

La Mediazione familiare rappresenta un metodo per gestire conflitti che vuole favorire la comunicazione e la comprensione reciproca tra le persone che hanno delle difficoltà ad esprimere i propri sentimenti e i propri bisogni, un metodo che fa uscire dal solito schema della ragione e del torto, tipica del conflitto giudiziale, al quale però è possibile accedervi solo volontariamente.

Lo spirito innovatore della Mediazione familiare risiede nel riuscire ad attivare, di fronte a delle difficoltà, le risorse creative e trasformative messe in campo che si ritiene essere generatrici di un vero e proprio cambiamento. Naturalmente nessuno dice che sia facile perché senza la volontà d’impegnarsi e di seguire un percorso di responsabilizzazione è difficile poi raggiungere un obiettivo. Ed è per questo che ci si rivolge ad un Mediatore imparziale, che non darà ragione a nessuno tranne che ai figli. La Mediazione familiare è, dunque, una straordinaria opportunità per la coppia, per il nucleo familiare, per le persone.

Queste le potenzialità della Mediazione familiare che hanno suscitato il mio interesse ad approfondirla e a divulgarla. Una bellissima esperienza che cambia la vita delle persone e in primis al Mediatore che, se ci sta dentro veramente abbracciandone i fondamenti come principi giusti da seguire non solo nella pratica professionale, ma anche nella vita di tutti i giorni, capisce che occorre saper Essere prima del saper Fare.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Gestire l'emotività con la mediazione familiare

Una buona Mediazione potrebbe aiutare la coppia a separare il canale affettivo- emotivo da quello economico del danaro

Continua

Mediazione familiare: il conflitto latente

La Mediazione familiare come strumento di prevenzione della degenerazione del conflitto

Continua

I conflitti di coppia e le differenze di genere

Molti dei problemi di comunicazione all’interno della coppia possono derivare da una mancata comprensione delle differenze uomo-donna

Continua

La crisi di coppia: le parole sono come pallottole

Come afferma John Wittgenstein “le parole sono come pallottole” possono ferire ed è per questo che diventa fondamentale usarle diligentemente

Continua

Mediazione familiare cos'è?

Mediazione familiare come una “opportunità”, per le coppie e per le famiglie, per trasformare una situazione da critica in una esperienza positiva

Continua

L'importanza della presenza di un padre

L’assenza del padre, sia fisica che psicologica, crea notevoli difficoltà nello sviluppo della personalità dei figli. La madre dovrebbe impedirla

Continua

I figli ci guardano, ci ascoltano, ci imitano

I figli imparano dai loro genitori a gestire lo stress, per cui tutte le volte che i genitori danno ascolto alla propria emotività loro l'assorbono

Continua

Lo sviluppo della resilienza in mediazione

La Mediazione può aiutare a sviluppare la resilienza, cioè la capacità di resistere alle circostanze difficili della vita e di reagire positivamente

Continua

I suoceri invadenti sono la causa della crisi?

Una situazione scomoda per la coppia sone le interferenze dei suoceri, ma sono proprio loro la fonte del problema?

Continua

Il Mediatore familiare, una figura specializzata

Il Mediatore familiare, un professionista che svolge una professione complessa che richiede un’adeguata formazione e preparazione

Continua

Il senso della Mediazione Familiare

La Mediazione familiare ha un senso solo se si è protagonisti, se ci si assume la propria parte di responsabilità, se si ha a cuore il bene dei figli

Continua

Educare fa rima con mediare

La Mediazione familiare come strumento di gestione dei conflitti educativi potrebbe rappresentare un'opportunità non solo per i genitori separati

Continua

Il progetto della mediazione scolastica

La Mediazione tra pari: progetto volto a responsabilizzare i ragazzi così come previsto dalla Peer Mediation americana

Continua

La filosofia della comunicazione virtuale

Una civiltà, la nostra, definita tecnologicamente avanzata ma poco più che primitiva sul piano dell’uso degli strumenti della comunicazione

Continua

La comunicazione nel divorzio

E' mera utopia pensare che quella coppia che non abbia costruito una comunicazione possa poi rispettare gli accordi presi

Continua

La mediazione dei conflitti di coppia

Non è necessario ricorrere a percorsi terapeutici per risolvere problemi o questioni quotidiane

Continua

Il progetto educativo

Costruire un progetto educativo insieme al Mediatore familiare può essere la soluzione

Continua

Gli obblighi morali del "genitore sociale o terzo genitore"

Il fenomeno della genitorialità sociale è ormai un fenomeno europeo ed extra europeo

Continua

Come nella favola di Cenerentola?

La favola di Cenerentola come esempio di conflitti familiari

Continua

I conflitti inevitabili nella coppia

E’ praticamente impossibile pensare che con il tempo non si creino conflitti nella coppia convivente

Continua

La lotta di potere nelle relazioni di coppia (1^ parte)

Entrambi i partner possono agire dentro una logica del “ Io vinco e tu perdi”, una logica di potere

Continua

La lotta di potere nelle relazioni di coppia (2^ parte)

Entrambi i partner possono agire con la logica del “io vinco e tu vinci”, logica di collaborazione

Continua

Dal conflitto di coppia alla violenza nella coppia

Identificare il conflitto e distinguerlo dalla violenza al fine di prevenire la violenza domestica

Continua

Violenza domestica e Mediazione familiare (1^ parte)

Qualunque veste assuma la violenza domestica non deve avere ad oggetto sporadici episodi ma deve costituire una modalità quotidiana d’interazione della coppia

Continua

Violenza domestica e Mediazione familiare (2^ parte)

Ecco quali sono le varie tipologie di violenza domestica

Continua

Violenza domestica e Mediazione Familiare (3^ parte)

Le diverse forme di violenza e la differente gravità della stessa ha indotto gli studiosi a compiere un esame sull'opportunità del ricorso alla Mediazione familiare

Continua

Mediazione familiare: i figli al centro rispetto alle esigenze degli adulti

I figli hanno il diritto di essere informati e accompagnati dai genitori a comprendere la separazione dei genitori

Continua

“Ho bisogno di voi!”, l'urlo inascoltato di un figlio di genitori separati

La conflittualità che danneggia i figli. La mediazione familiare come valido strumento di recupero dell’alleanza genitoriale

Continua

L’importanza di separare il ruolo coniugale da quello genitoriale

La Mediazione Familiare come strumento che facilita l’esercizio della bigenitorialità

Continua