Rinnovo del bollo, pagamenti e sanzioni


Tantissime persone si dimenticano di pagare il rinnovo del bollo del proprio mezzo di trasporto entro la scadenza
Rinnovo del bollo, pagamenti e sanzioni
Tantissime persone si dimenticano di pagare il rinnovo del bollo del proprio mezzo di trasporto entro la scadenza.
Il bollo è una tassa di proprietà e si paga in un'unica soluzione una volta l'anno entro l'ultimo giorno del mese successivo alla scadenza indicata nella ricevuta di pagamento.
Ad esempio se il bollo scade a febbraio , dovrà essere rinnovato entro marzo se non si vuole incorrere in sanzioni, multe o fermo del mezzo.

Quanto alle modalità di pagamento si può ricorrere, oltre ai servizi offerti online, a:
- Tabacchi convenzionati con banca ITB o queli aderenti al circuito Lottomatica
- Sportello Poste Italiane tramite l'apposito bollettino
- Delegazioni ACI
- Agenzie di Pratiche Auto Abilitate o banche abilitate.

Se il bollo è scaduto e viene pagato successivamente al termine previsto, oltre alla tassa si dovranno corrispondere anche le sanzioni e gli interessi che verrano calcolati in base ai giorni di ritardo.

Il bollo va pagato anche se il mezzo di trasporto non circola su strada e le relative ricevute di pagamento vanno conservate per i tre anni successivi al pagamento.
Equitalia è competente a emettere nei confronti del contribuente le cartelle di pagamento nelle quali richiede gli arretrati per omesso versamento del bollo auto. Equitalia in particolare dovrà notificare la cartella entro due anni da quando le è stato consegnato il ruolo da parte dell'ente titolare del tributo.
Potrà altresì procedere al fermo del mezzo per omesso pagamento ed il proprietario sarà comunque tenuto al pagamento del bollo del mezzo benchè questo non possa circolare.

Articolo del:


di Avv. Tecla Trotta

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse