Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Rinnovo del passaporto solo temporaneo per il padre inadempiente


Rinnovo del documento di identità e del passaporto con validità solo temporanea al padre che non corrisponde il mantenimento al figlio minorenne
Rinnovo del passaporto solo temporaneo per il padre inadempiente

Il rinnovo del documento di identità e del passaporto ha validità solo temporanea per il padre che non corrisponde il mantenimento al figlio minorenne.

E’ quanto stabilito dal Tribunale di Lecce – Ufficio del Giudice Tutelare – chiamato a decidere sul ricorso proposto da un uomo, padre di un minore, a cui la ex moglie aveva negato il rinnovo della carta di identità.

L’uomo da diversi mesi aveva smesso di corrispondere il mantenimento stabilito nella sentenza di separazione in favore del figlio di soli 6 anni e aveva anche iniziato a ridurre al minimo ogni forma di comunicazione con l’ex moglie che si era così ritrovata a dover gestire da sola ogni aspetto, sia economico, ma soprattutto affettivo, legato alla crescita del figlio.

A fronte, dunque, del persistere di questo atteggiamento di totale trascuratezza e di inadempimento, la madre riteneva non dovuto il consenso al rinnovo della carta di identità dell’ex coniuge per il timore di un definitivo allontanamento dal bambino.
Instaurato così il giudizio, il padre giustificava la sua richiesta di rinnovo del documento di identità esclusivamente per motivi di lavoro producendo al Giudice anche copia di un contratto di assunzione presso un’azienda in Francia sebbene della durata di soli due mesi.

Chiamato a decidere, il Giudice Tutelare, dovendo effettuare, dunque, un delicato e complesso "giudizio di bilanciamento" tra due diritti costituzionalmente garantiti quale quello della libera circolazione delle persone ed il diritto dei figli minori ad avere un rapporto stabile e continuativo con i propri genitori, ancorché separati,  valutata anche la concreta opportunità lavorativa del ricorrente anche se solo per un tempo limitato, ha ritenuto, nell’esclusivo interesse del minore, di dover riconoscere il diritto del padre al rinnovo della carta di identità in modo da non fargli perdere l’opportunità lavorativa, ma al contempo, con un provvedimento decisamente innovativo, ha stabilito che il documento avesse solo una validità temporanea di sei mesi vincolando il suo successivo rinnovo “ad una futura regolarità nei pagamenti degli assegni di mantenimento ed in generale ad una maggiore collaborazione nel dialogo necessario per la gestione delle esigenze del figlio minore, soprattutto in relazione alle difficoltà nell’esercizio del diritto di visita da parte del padre”.

Un provvedimento questo davvero innovativo che riesce a tutelare con forza le esigenze del figlio minore a non vedere violata la legittima aspettativa di vivere appieno un legame con entrambi i genitori,  oltre ad avere tutela certa del diritto al mantenimento, anche dopo la difficile fase della separazione.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Niente passaporto al padre inadempiente

Negato il rinnovo del passaporto al padre inadempiente ai propri obblighi di mantenimento nei confronti dei figli minori

Continua

Revoca affido condiviso al padre irreperibile

Revocato l'affido condiviso dei figli minori al padre che si rende irreperibile e che rifiuti di comunicare all'ex coniuge il suo nuovo domicilio

Continua

Violazione degli obblighi di assistenza familiare in danno di figli minori

Configura sempre un'ipotesi di reato non corrispondere il mantenimento ai figli minorenni

Continua

Assegno divorzile: analisi delle nuove regole per l'assegno all'ex coniuge

La Camera dei Deputati approva il disegno di legge che cambia la struttura dei presupposti per concedere l'assegno divorzile introducendo rilevanti novità

Continua

Sanzione punitiva al padre che non rispetta il diritto di visita

Il Tribunale di Lecce condanna un padre al pagamento della somma di 30 euro in favore della ex moglie per ogni violazione al diritto di visita del figlio minore

Continua