Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Riscatto laurea: conviene veramente?


Un 30enne, che inizia a lavorare oggi nel settore privato, cosa deve aspettarsi in termini di trattamento pensionistico? Lo rivela uno studio di Moneyfarm
Riscatto laurea: conviene veramente?

Uno studio realizzato da Moneyfarm rileva che un 30enne che inizia a lavorare oggi nel settore privato rischia di andare in pensione con circa il 60% del suo ultimo stipendio.

Per colmare il gap che alla fine della propria vita lavorativa si verrà a creare, diventa non di secondaria importanza valutare un paio di alternative che permettano di aumentare i propri anni di contribuzione. O perlomeno aumentare l’importo dell’assegno pensionistico.

Le possibilità sono tendenzialmente due: 

  1. Ricorrere alla previdenza integrativa o prendere in considerazione il riscatto della laurea. La previdenza integrativa prevede la sottoscrizione di un fondo pensione oppure un Piano Individuale Pensionistico.

  2. In alternativa, possiamo pensare al riscatto degli anni di laurea. Tale opportunità è stata prorogata in via agevolata per tutto il 2021. Ma conviene? Proviamo a fare chiarezza.

In cosa consiste il riscatto agevolato della laurea?

Innanzitutto, spieghiamo in cos'è il riscatto della laurea. Si tratta di un meccanismo in base al quale un lavoratore iscritto a una forma di previdenza pubblica versa dei contributi per gli anni di studio universitario. Così facendo, fa in modo che questi ultimi vengano conteggiati per stabilire due variabili fondamentali.

La prima è il momento a partire dal quale il soggetto potrà ritirarsi dal lavoro. La seconda è l’importo della pensione che verrà percepita. Solitamente tratta di un'operazione che diventa più costosa con il passare del tempo. Il motivo? Poiché i contributi da versare sono proporzionali al livello delle retribuzioni percepite più di recente.

Ma quanto costerebbe il riscatto agevolato della laurea? Il costo per il riscatto agevolato della laurea è di 5.264,49 euro per ogni anno di corso. Una laurea di 4-5 anni, quindi, verrebbe a costare tra i 21.057,96 euro e i 26.322,45 euro. Il riscatto light della laurea è applicabile a tutti gli anni di studio, eccetto quelli fuori corso.

Al momento della domanda di riscatto il contribuente deve anche essere titolare di almeno un contributo nell’ordinamento pensionistico in cui viene richiesto il riscatto. In altre parole, chi non ha mai versato contributi all’INPS non può godere del riscatto low cost della laurea. Inoltre è possibile anche riscattare una laurea conseguita all’estero, purché abbia valore legale in Italia.

Riscatto della laurea: quanto costa?

Abbiamo specificato che per il riscatto degli anni di laurea nel 2021 è stato previsto un costo di 5.264,49 euro per ogni anno di corso universitario. Occorre però fare una precisazione: l’agevolazione non vale per gli anni fuori corso. L’importo complessivo, quindi, sarà pari a 26.322,45 euro per un corso di laurea di 5 anni e di 21.057,96 per un corso di 4 anni. 

L’importo può anche essere rateizzato, senza applicazione di interessi, per un periodo massimo di 120 mesi (10 anni). In pratica, dilazionando il pagamento a 10 anni, riscattare una laurea di 5 anni costerebbe 219,35 euro al mese.

Per un corso di 4 anni invece, bisognerà pagare 175,48 euro al mese. Il contributo annuale agevolato potrà essere dedotto al 100% dall’imponibile fiscale. In caso di interruzione dei versamenti si potrà comunque riscattare il periodo di studi corrispondete in proporzione ai contributi versati fino a quel momento.

Come fare domanda di riscatto della laurea

Generalmente la domanda di riscatto della laurea viene presentata in via telematica da un commercialista. Altrimenti è possibile procedere in autonomia accedendo al sito dell’INPS tramite il proprio pin personale. Una volta presentata la domanda, l’INPS verifica i documenti depositati e i requisiti. Successivamente, invierà i bollettini Mav da pagare insieme al provvedimento di accoglimento della domanda. 

Il riscatto cosiddetto “light” della laurea non è sempre conveniente. Soprattutto considerando che l’impatto in termini di incremento dell’assegno pensionistico varia tra gli 80 e i 100 euro mensili (se si considera uno stipendio medio durante la vita lavorativa di circa 30 mila euro). 

Per chi ha iniziato a lavorare prima dei 24 anni, il riscatto light della laurea potrebbe essere una soluzione per riuscire ad anticipare l’uscita dal mondo del lavoro? Se si, con quelli conseguenze sull’assegno pensionistico? Primo esempio:

  • un soggetto che ha iniziato a lavorare nel 2011 all’età di 24 anni;

  • con un reddito lordo di 50 mila euro;

  • con 5 anni di laurea da riscattare.

Senza riscattare la laurea, e ipotizzando un’attività lavorativa continua, il contribuente andrebbe in pensione a gennaio del 2054 all’età di 67 anni con un assegno annuale lordo di 52.312 euro. Usufruendo del riscatto della laurea in forma light, invece, il contribuente potrebbe andare in pensione circa 3 anni prima. L’unica differenza consisterebbe nell’ammontare dell’assegno. Il contribuente infatti si troverebbe in tasca un assegno lordo annuo di 47.940 euro, più basso quindi di 4.371,81,92 euro.

Il riscatto agevolato della laurea è veramente conveniente?

Secondo esempio. Un lavoratore che ha iniziato a lavorare a 24 anni nel 2005. Anche in questo caso, riscattando gli anni di laurea si riuscirebbe ad andare in pensione 3 anni prima. Rinunciando però a 3.910,92 euro.

In conclusione, possiamo dire che il riscatto della laurea sia sempre conveniente?

Dipende. Innanzitutto dal valore che a livello individuale si attribuisce alla possibilità di anticipare di qualche anno l’inizio della pensione. In secondo luogo, dal punto di vista finanziario occorre considerare che il rendimento atteso dei versamenti effettuati all’ente previdenziale è molto difficile da quantificare in anticipo.

Ultimo ma non ultimo, dipende dall’aspettativa di ricevere prestazioni pensionistiche proporzionali ai contributi versati. Quest’ultimo punto è particolarmente delicato perché è influenzato da due variabili. La prima non è altro che l’evoluzione della struttura demografica del paese. La seconda riguarda la solidità del bilancio pubblico alla data nella quale si saranno raggiunti i requisiti per accedere alla pensione.

Riscattare gli anni dell’università vuol dire realizzare versamenti aggiuntivi ad un sistema pensionistico attualmente poco equilibrato. Con la speranza di anticipare di qualche anno l’accesso alle prestazioni pensionistiche. (fonte: econopoly.it). Come è facile notare, ogni situazione deve essere valutata separatamente dalle altre per capire la convenienza economica del riscatto degli anni di laurea. 

 

Vi invitiamo a visitare il nostro sito web www.studiobrega.it o a contattarci direttamente per un appuntamento senza impegno.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Bonus 2021: credito d'imposta al 50% per i beni strumentali

Tra i bonus 2021 inseriti nella neo nata Legge di Bilancio 2021, troviamo il potenziamento del credito di imposta per i beni strumentali, la cosiddetta "Industria 4.0"

Continua

Auto aziendale assegnata ai dipendenti: le ultime novità

Ecco quali sono le novità relative alla fiscalità dell'auto aziendale assegnata ai dipendenti

Continua

Assumere dipendenti 2021: risparmio fino a 6 mila euro annui

La neo nata Legge di Bilancio 2021 ha introdotto esoneri contributivi a carico dei datori di lavoro. Vediamo di cosa si tratta

Continua

Superbonus 110%: conviene cedere il credito alle banche?

E' una delle domande che ci pongono più spesso i nostri clienti: conviene cedere il credito alla banche? Proviamo a fare chiarezza

Continua

Superbonus 110% e cessione del credito: 3 esempi per capire quando conviene

La cessione del credito da superbonus è sempre convenente? E a che condizioni? Abbiamo ipotizzato 3 differenti casi per comprendere al meglio

Continua

Start up innovativa: come si costituisce con pochi euro

Cos'è una start up? Come posso crearne una? La mia azienda può essere definita una start up? Proviamo a fare chiarezza

Continua

Ricerca e sviluppo: bonus investimento fino al 45%

L'investimento in ricerca e sviluppo permette di ottenere un cospicuo credito di imposta. Un'opportunità molto interessante per gli imprenditori.

Continua

Finanza agevolata: come ottenerla in soli 3 giorni

Uno degli ultimi strumenti utili ad ottenere finanziamenti agevolati. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta

Continua

Ricerca e sviluppo: bonus investimento fino al 45%

La legge di bilancio 2021 proroga fino al 31/12/22 e potenzia il bonus ricerca e sviluppo.

Continua

Finanza agevolata: come ottenerla in soli 3 giorni

Nello Studio Brega abbiamo sempre dedicato ampio spazio alla finanza agevolata, tematica diventata sempre più centrale per tutti gli imprenditori

Continua

Superbonus e sconto in fattura: è possibile fare i lavori gratis?

Superbonus 110%, tre vie per il recupero. Dichiarazione dei redditi, cessione del credito o sconto in fattura

Continua

Regime forfettario, addio definitivo alla Flat Tax?

Nel 2020 oltre 215 mila persone hanno aderito al regime forfettario. Quale sarà il futuro per questo particolare regime agevolato?

Continua

Beni strumentali e industria 4.0: tax planning fondamentale

La Legge di Bilancio 2021 ha potenziato il premio fiscale per gli acquisti di beni strumentali. Vediamo nel dettaglio a quanto ammonta l'agevolazione.

Continua

Comprare bitcoin: come comportarsi con il fisco?

Abbiamo appurato come il mondo di internet abbia rivoluzionato i mercati finanziari. Oggi comprare bitcoin è diventata un’operazione quasi ordinaria. Vediamo però come

Continua

Bonus 110%: è possibile cedere il credito a parenti e amici?

In merito alla cessione del bonus 110 %, l’A.E. chiarisce una questione di non poca importanza. E’ possibile cedere il credito d’imposta ad amici e parenti?

Continua

Smart working e zero tasse? Si può, ma non in Italia

Diversi Stati si stanno organizzando per attirare nel proprio territorio tutti i lavoratori in smart working a colpi di agevolazioni fiscali

Continua

Cessione credito 110: cosa fare prima di scegliere la banca

Nell'ambito della cessione credito 110 vediamo cosa fare prima di scegliere la banca

Continua

18app: come ottenere il bonus cultura di 500 euro

In questo articolo vediamo come ottenere il bonus cultura di 500 euro attraverso 18app

Continua

Contributo a fondo perduto per imprese al femminile

Arriva il contributo a fondo perduto per incentivare la creazione di imprese a partecipazione giovanile o femminile

Continua

Bonus 110% con abusi edilizi, è possibile sfruttarlo?

In questo articolo analizziamo gli abusi edlizi in relazione al bonus 110%

Continua

730, allarme pagamenti in contanti: quali sono le novità?

In questo articolo analizziamo le novità relative al modello 730

Continua

Mutuo prima casa giovani e Sostegni bis: le novità

Vediamo quali sono tutte le novità previste dal Decreto Sostegni Bis in cui rientrano anche gli aiuti per consentire ai giovani under 36 di acquistare la prima casa

Continua

Start up: ecco gli ultimi incentivi e contributi a fondo perduto

Parliamo oggi degli ultimi incentivi e contributi a fondo perduto dedicati al mondo delle start up

Continua

IRPEF, è possibile azzerarla? Sì, investendo in start up

Investendo in start up innovative è possibile ottenere una detrazione di imposta, oltre a realizzare una plusvalenza esente da tassazione

Continua

Detrazioni fiscali Start Up: come sfruttarle al massimo

E' opportuno che gli investitori valutino attentamente se ricorrere all’incentivo del 30% o all’incentivo del 50%

Continua

Commissioni pagamenti POS: come recuperare il 100%

Per le commissioni addebitate agli esercenti in relazione ai pagamenti elettronici ricevuti dai privati spetta un credito d’imposta del 100%

Continua

Agevolazioni prima casa under 36: quali sono le trappole?

Alcuni punti del bonus casa under 36 sono ancora da chiarire e potrebbero causare non poche perplessità

Continua

Agevolazioni start up: quando posso detrarre il 50% dell'investimento?

Ma come è possibile investire e sfruttare al massimo le agevolazioni previste per le start up? A quanto ammontano le agevolazioni?

Continua