Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Rottamazione cartelle esattoriali 2017


Rottamazione bis 2017 - Possibile rottamare le cartelle di pagamento notificate fino al 30 settembre 2017
Rottamazione cartelle esattoriali 2017
Il decreto legge approvato dal Consiglio dei Ministri n. 50/2017 contiene importanti novità. L'apertura della definizione agevolata dei contenziosi con il fisco è sicuramente una di queste. La misura, nota anche come ‘rottamazione delle cartelle’, amplia la possibilità per i contribuenti che non hanno completato gli adempimenti della definizione agevolata introdotta con il DL 193/2016, di mettersi in regola e accedere alle agevolazioni previste per il pagamento del debito tributario o contributivo affidato all’agente della riscossione. Si è obbligati a versare tributi ed interessi legali. Invece sanzioni ed interessi di mora non sono dovuti.
In particolare:
- ai contribuenti che per errori, disguidi o mancanza di liquidità non avevano potuto effettuare i versamenti vengono riammessi alla ‘rottamazione’ senza ulteriore addebito, se entro il 30 novembre 2017 provvedono al pagamento delle rate della definizione agevolata dei carichi scadute a luglio e a settembre 2017;
- viene data la possibilità di accedere alla definizione agevolata dei carichi ai debitori che in precedenza si erano visti respingere le istanze perché non in regola con il pagamento delle rate, in scadenza al 31/12/2016, dei piani di dilazione in essere al 24 ottobre 2016. Tale facoltà può essere esercitata presentando istanza all’agente della riscossione entro il 31 dicembre 2017.
I contribuenti interessati dovranno versare entro il 31 maggio 2018 le rate non corrisposte dei piani di dilazione. In caso di mancato versamento l’istanza è improcedibile; si amplia il raggio d’azione della definizione agevolata che potrà essere applicata anche ai carichi affidati all’agente della riscossione dal primo gennaio al 30 settembre 2017 (la precedente ‘rottamazione’ comprendeva i carichi fino al 31 dicembre 2016). Il contribuente dovrà presentare domanda entro il 15 maggio 2018 e il pagamento delle somme dovute dovrà essere effettuato in un numero massimo di cinque rate di pari importo nei mesi di luglio, settembre, ottobre e novembre 2018 e febbraio 2019.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Bando Isi 2016, incentivi alle imprese

Finanziamento a fondo perduto pari al 65% delle spese ammissibili per progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Continua

Bando Professionisti Regione Campania

Al via il primo bando per progetti di investimento promossi da professionisti e aspiranti professionisti con finanziamento del 50% a fondo perduto

Continua

Modello F24: cambiano le modalità di presentazione

Per tutti i titolari di partita Iva, in presenza di compensazioni, il mod. F24 va presentato esclusivamente tramite i canali telematici dell' AdE

Continua

Al via il Bando Resto al sud

Le domande di accesso ai finanziamenti potranno essere presentate a partire dal 15 Gennaio 2018 fino ad esaurimento delle risorse stanziate

Continua