Rottamazione delle cartelle


La rottamazione delle cartelle (in particolare Equitalia ma non solo) consente notevoli risparmi per chi può e decide di usufruire dell'opportunità
Rottamazione delle cartelle
L’articolo 6, (Definizione Agevolata) del Decreto Legge 22.10.2016, nr. 193 - Disposizioni urgenti in materia fiscale e per il finanziamento di esigenze indifferibili - ha introdotto la possibilità di aderire a quella che è definita giornalisticamente "Rottamazione dei Ruoli".
Tale procedura consente a determinate condizioni di ridurre l’importo dovuto ad Equitalia e\o altri agenti della Riscossione, chiudendo talune posizioni aperte con il fisco.
Alla luce di quanto sopra, usufruendo delle opportunità offerte dalla normativa in esame, la chiusura delle posizioni aperte con l’agente della riscossione consente di risparmiare le sanzioni connesse alla violazione contestata dall’Ente Impositore, gli interessi di mora (oggi corrispondenti a circa il 4,13% annuo) addebitati dall’agente della riscossione, gli interessi di dilazione (per le cartelle per cui è stato richiesto il calcolo rateale).
L’articolo 6 sopra richiamato non pone limitazioni per l’accesso alla procedura di adesione agevolata (Persone Fisiche, Società di Persone, Società di Capitali, Imprese Individuali, Lavoratori Autonomi, ecc.)
Per poter usufruire dell’Adesione è necessario presentare all’Agente della Riscossione il modulo DA1 entro e non oltre il 31 MARZO 2017.
Con riferimento alle cartelle esattoriali rateizzate è condizione essenziale che siano state regolarmente pagate le rate in scadenza nel periodo 01 ottobre 2016 - 31 dicembre 2016.
Il pagamento NON può essere effettuato con modello F24, pertanto non sarà possibile effettuare alcun tipo di compensazione.
Il pagamento può essere effettuato:
In unica soluzione entro il termine indicato sulla comunicazione dell’Agente della Riscossione o in un massimo di 5 rate l’ultima delle quali non può superare il termine del 30 Settembre 2018.
In particolare:
Rata 1 con scadenza 31.07.2017 pari al 23,33% dell’importo dovuto;
Rata 2 con scadenza 30.09.2017 pari al 23,33% dell’importo dovuto;
Rata 3 con scadenza 30.11.2017 pari al 23,33% dell’importo dovuto;
Rata 4 con scadenza 30.04.2018 pari al 15% dell’importo dovuto;
Rata 5 con scadenza 30.09.2018 pari al 15% residuo dell’importo dovuto.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Comunicazione preventiva per i voucher di lavoro accessorio

A decorrere dal giorno 8 ottobre 2016 sono in vigore le misure correttive relative ai D.Lgs. attuativi del c.d. Jobs Act

Continua

IRI: REDDITI DI IMPRESA REINVESTITI AL 24%

LA LEGGE DI STABILITA' 2017 INTRODUCE UN'AGEVOLAZIONE PER IMPRESE INDIVIDUALI E SOCIETA' DI PERSONE SUI REDDITI DI IMPRESA LASCIATI IN AZIENDA

Continua

IRI: utili di impresa reinvestiti tassati al 24%

Imposta agevolata del 24% sui redditi reinvestiti: un'opportunità per imprese individuali e società di persone o a ristretta base azionaria

Continua

Irpef per cassa per la contabilità semplificata

Per le imprese in contabilità semplificata il criterio normale di determinazione del reddito non è più la competenza ma la cassa

Continua

Psicologi: obbligo comunicazione dei dati sanitari STS

Anche gli psicologi, dal 2016 e con effetto retroattivo, sono chiamati all'invio dei dati per il Sistema Tessera Sanitaria ai fini del 730 precompilato

Continua

Comunicazioni periodiche IVA: primi avvisi bonari

In arrivo i primi avvisi bonari a seguito di presentazione delle periodiche IVA. Di fatto ridotti i termini del ravvedimento operoso

Continua