Rottamazione delle cartelle Equitalia: operatività


Come aderire alla rottamazione delle cartelle prevista dal D.L. 193/2016. Modi e tempi per farlo
Rottamazione delle cartelle Equitalia: operatività
E' stato pubblicato sul sito di Equitalia il modulo da compilare per aderire alla definizione agevolata ai sensi del D.L. 193/2016 relativo ai carichi affidati all'Agente della Riscossione fra il 2000 e il 31.12.2015.
L'adesione comporta il pagamento delle somme richieste, decurtate delle sanzioni e degli interessi di mora.
Il modulo può essere scaricato direttamente dal sito oppure ritirato presso gli sportelli Equitalia, per poi essere presentato entro il 23 gennaio 2017.
La presentazione può avvenire con consegna del modello agli sportelli Equitalia oppure utilizzando la trasmissione per posta elettronica, sia ordinaria che certificata. Gli indirizzi sono diversificati per ambito regionale e sono pubblicati sul sito.
Occorre allegare un documento d'identità al modello, che può essere presentato anche da un delegato; in questo caso è necessario compilare sul modulo anche la parte relativa alla delega e allegare il documento d'identità del delegato e del delegante.
I pagamenti possono avvenire in unica soluzione oppure fino ad un massimo di 4 rate; in questo caso le prime tre rate dovranno essere versate entro il 15 dicembre 2017, la quarta rata entro il 15 marzo 2018.
I versamenti dovranno rispettare gli importi e le scadenze calcolate da Equitalia e inviate ai contribuenti, che ne hanno fatto richiesta, entro il 24 aprile 2017.
I pagamenti possono essere effettuati direttamente agli sportelli Equitalia, utilizzando i bollettini di pagamento oppure tramite domiciliazione bancaria.
Il mancato rispetto delle scadenze e/o degli importi di pagamento determina la perdita dell'agevolazione e il ripristino degli importi originari; le somme eventualmente versate saranno poi scomputate da quanto dovuto.
Anche chi attualmente sta pagando un piano di rateazione può aderire alla "rottamazione delle cartelle"; condizione per l'adesione è quella di essere in regola con le rate in scadenza fino al 31.12.2016.
Un contenzioso attualmente in corso non impedisce di aderire alla definizione agevolata; occorre però dichiarare di rinunciare espressamente ai contenziosi relativi alle cartelle interessate.
Poiché il provvedimento è ancora all'esame del Parlamento, potrebbe subire cambiamenti, ad esempio, il numero delle rate previsto per il rimborso, con una dilazione ulteriore dei termini di pagamento degli importi.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Imu e Tasi per i coniugi con residenza diversa

In questo articolo si affronta il tema, piuttosto frequente, della tassazione immobiliare nel caso di coniugi con residenze diverse

Continua

Rottamazione cartelle: modifiche al provvedimento

Esaminiamo le importanti modifiche introdotte al D.L. 193/2016 sulla procedura di rottamazione delle cartelle

Continua

Ultimi giorni per il saldo IMU e TASI 2016

Vediamo in quali casi si può determinare un importo a saldo diverso da quanto già pagato quale acconto nel mese di giugno

Continua

Rottamazione cartelle: un miraggio per molti

Il provvedimento di rottamazione delle cartelle di pagamento si rivela spesso molto più pesante da sostenere rispetto ad una ordinaria rateazione.

Continua

Aprire un'attività online: quali adempimenti

Le pratiche da svolgere per aprire correttamente un'attività commerciale o di lavoro autonomo online

Continua