Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Sanificazione parti comuni in caso di Covid-19


La sanificazione è un obbligo o una scelta? E' da considerarsi azione ordinaria o straordinaria? E chi paga, e in che modo viene divisa la spesa?
Sanificazione parti comuni in caso di Covid-19

L'amministratore potrebbe essere ritenuto responsabile in caso di contagio Sars-CoV-2 (COVID-19) avvenuto in ambito condominiale ove a conoscenza dei contagi non intervenga.

A questo punto la domanda è: la sanificazione è un obbligo o una scelta? E' da considerarsi azione ordinaria o straordinaria? E chi paga, e in che modo viene divisa la spesa?

A chiarire tale dilemma è intervenuto il Ministero della Salute il quale, con la circolare n. 3190 del 3 febbraio 2020, ha invitato tutti ad adottare le comuni misure preventive.

Nei condomini tale compito è affidato agli amministratori condominiali, i quali, oltre a sensibilizzare i condomini, divulgando tutte le informazioni necessarie mediante copia delle linee guida affisse in bacheca al fine di adottare le misure preventive raccomandate dal Ministero, devono provvedere alla sanificazione degli spazi comuni, giusta la legge n. 82 del 25 gennaio 1994, disciplinante tutte le attività inerenti la pulizia, la sanificazione degli spazi condominiali e l’eventuale derattizzazione e attribuente la responsabilità all’amministratore condominiale. 

E’, quindi, cosi che la sanificazione costituisce una pratica obbligatoria che ogni amministratore, in caso di Covid-19,  deve adempiere ripartendo le spese per gli spazi comuni.     

Su tale base, l’intervento di disinfestazione dei condomìni rientra tra le attività di manutenzione ordinaria, anche se potrebbe richiedere l’aggiunta di interventi straordinari in caso di sospetto di infestazione. 

Generalmente, prima di procedere ad interventi di disinfestazione straordinaria, l’amministratore è tenuto a convocare l’assemblea condominiale e comunicare i preventivi di spesa, ma la Corte di Cassazione, con la sentenza n. 24654 del 3/12/2010, gli ha riconosciuto il potere di intervenire, a fronte di particolari urgenze, anche senza la preventiva approvazione dell’assemblea.

Il riparto del costo, trattandosi di spazi comui, seguirà la tabella millesimale di riferimento. 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Animali in condominio: diritti e doveri

Ecco quali sono i diritti e i doveri per una pacifica e civile convivenza condominiale se si ha un animale domestico

Continua

Cashback e spese condominiali...reale risparmio???

Pagare le spese condominiali tramite pos dell'Amministratore è reale risparmio o è da considerarsi un ulteriore costo condominiale?

Continua

Il ruolo e le funzioni di un di un amministratore di condominio

L’Amministrazione condominiale richiede una elevata professionalità, conoscenza della materia, competenza, disponibilità e aggiornamento

Continua

Amministratore per un giorno

L'amministratore di condominio questo sconosciuto....chi è ? Quali sono le sue funzioni?

Continua

La convocazione dell'assemblea condominiale

In questo articolo conosciamo alcuni fattori relativi alla convocazione di un'assemblea di condominio, ovvero: validità, limiti e rischi

Continua

Mancata partecipazione all'assemblea di condominio, quali sono i rischi?

Quali sono i rischi connessi alla mancata partecipazione all'assemblea condominiale?

Continua