Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Scontrino elettronico pronto al via dal 1° gennaio 2020


A distanza di un anno dall’avvio obbligatorio della fatturazione elettronica, ci si prepara allo scontrino elettronico
Scontrino elettronico pronto al via dal 1° gennaio 2020

 

A distanza di un anno esatto dall’avvio obbligatorio della fatturazione elettronica, senza considerare l’anticipazione dallo scorso 1° luglio 2019 per i contribuenti che avessero dichiarato un volume d’affari Iva per il periodo di imposta 2018 superiore a 400.000 euro, i commercianti al minuto si trovano nella generalità dei casi ad affrontare una nuova “rivoluzione” nelle metodologie di documentazione e certificazione delle operazioni realizzate.

In luogo di scontrino fiscale, ricevuta fiscale e bollettario madre/figlia dovrà, infatti, essere rilasciato, a partire dal 1° gennaio 2020, al cliente il corrispettivo telematico, ovvero un documento commerciale rispondendo al duplice obbligo di memorizzare elettronicamente i dati dei corrispettivi giornalieri per poi procedere alla loro trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate all’atto della chiusura giornaliera dell’esercizio, ovvero sino a un massimo di 12 giorni successivi all’effettuazione della stessa operazione.

Ovviamente resta fermo l’obbligo di emissione della fattura qualora richiesta dal cliente.

Tra i soggetti interessati, oltre ai commercianti, rientrano quelli che attualmente emettono ricevute fiscali (artigiani, alberghi, ristoranti, ecc…) salvo gli esoneri previsti, almeno inizialmente, per determinate operazioni tra cui tutte quelle per le quali, anche in precedenza, non vi era obbligo di emettere scontrino o ricevuta quali taxi, vendite di giornali, prestazioni di trasporto pubblico collettivo di persone e di veicoli e bagagli al seguito, operazioni effettuate a bordo di una nave, di un aereo o di un treno nel corso di un trasporto internazionale.

Per il consumatore, invece, come precisato dall’Amministrazione finanziaria, cambia in realtà poco: non riceverà, infatti, più uno scontrino o una ricevuta, ma un documento commerciale. Il consumatore potrà, invece, partecipare alla c.d. lotteria degli scontrini, richiedendo all’esercente l’indicazione sul documento commerciale del proprio “codice lotteria”, un codice da generarsi sul “portale della lotteria” in alternativa al proprio codice fiscale così da rispettare le prescrizioni del Garante della privacy.

I soggetti interessati dall’obbligo di memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri possono adempiere a tale obbligo acquistando un nuovo Registratore Telematico, ovvero adeguando il vecchio registratore di cassa.

L’esercente che acquista o adatta il Registratore Telematico può beneficiare di un credito d’imposta da utilizzare in compensazione con Modello F24.

Si ricorda, inoltre, che il c.d. “Decreto crescita” ha previsto una moratoria sulle sanzioni: nel primo semestre di vigenza dell’obbligo le sanzioni non si applicano se la trasmissione telematica dei corrispettivi avviene entro il mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione, fermi restando i termini di liquidazione dell’IVA.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Internet delle cose: a disposizione 100 milioni

Può contare su un budget di 100 milioni di euro il nuovo invito a presentare progetti su larga scala, nell’ambito di Horizon 2020

Continua

La rivalutazione dei beni d'impresa

Sono previste le due aliquote del 16% o del 12% dell'imposta sostitutiva a seconda che i beni siano ammortizzabili o meno

Continua

Utilizzo del contante: aumentate le soglie

La legge di Stabilità 2016 ha variato, a far data dal 1.01.2016, il limite per l'utilizzo del contante innalzando la soglia a 3.000 euro

Continua

IRAP: la Cassazione prende posizione

Importante sentenza della Cassazione in merito al dibattuto tema IRAP in caso di assenza di struttura organizzata

Continua

Addio scontrini digitali dal 2017

I commercianti potranno scegliere di abolire dal 2017 lo scontrino cartaceo: ecco come funziona il nuovo sistema di trasmissione telematica.

Continua

Fatturazione elettronica tra privati al via

Il DLgs 127/2015 introduce un regime opzionale di fatturazione elettronica tra privati. <br />A seguito del D.L. 193/2016 vediamo cosa cambia.

Continua

Super ed Iper ammortamenti : differenze

Il DDL di Bilancio 2017 introduce una nuova tipologia di maggiorazione degli ammortamenti, i cosiddetti iper- ammortamenti del 250%.

Continua

Contabilità semplificata, al via il principio di cassa

Ecco quali sono i risvolti, le problematiche e le soluzioni collegate alla novità contabile

Continua

Legge di Bilancio 2017, le norme fiscali

Ecco un breve elenco delle norme di carattere fiscale contenute nella Legge di Bilancio 2017

Continua

Iper-ammortamenti del 250%

Introdotta una nuova tipologia di maggiorazione degli ammortamenti

Continua

Pignoramenti del conto corrente con minor vincoli

Dal 1° luglio sarà possibile il pignoramento del proprio conto corrente senza procedimento giudiziario

Continua

Al via la rottamazione del contenzioso

Al via la rottamazione dei contenziosi in essere al 31.12.2016: pro e contro

Continua

Regione Basilicata: finanziamenti per il turismo

E' stata pubblicata sul BUR n. 29 del 1 agosto 2017 la Deliberazione di Giunta Regionale n. 740 " DGR n.517 del 17/05/2016

Continua

Credito d'imposta per campagne pubblicitarie

Con il DL 50/17 vengono introdotte condizioni favorevoli per chi effettua investimenti in campagna pubblicitarie. <br />La manovra operazioni già dal 2017

Continua

Super ed Iper ammortamento: le novità dal 2018

Recentemente è approdato al Senato, ed ora inizia l’iter parlamentare, il ddl della “Legge di bilancio 2018”, contenente varie novità fiscali

Continua

Tari, illegittima la quota variabile

La Tari calcolata sulle pertinenze, in alcuni comuni è viziata, ecco le procedura per verificare se e come chiedere il rimborso

Continua

Digitalizzazione delle PMI: 50% di contributo

Approvato il modello di domanda. Richieste a partire dal 30 gennaio

Continua

F24 le regole per un pagamento corretto

Il giorno 30 è stato un ulteriore TAX DAY. Molti contribuenti hanno versato tramite il modello F24 le imposte. Quali le regole per il pagamento?

Continua

Regole certe per le cartelle di pagamento via pec

Le cartelle notificate tramite PEC sono illegittime e devono essere annullate se contengono, come allegato, un file conformato .pdf e non .m7p.

Continua

Bonus lavori e legge di stabilità 2018

Cosa cambia per i "bonus lavori" con la legge di stabilità 2018. Conferme e novità in vista di ristrutturazioni edilizie

Continua

Crowdfunding: numeri e speranze del sistema

Il settore bancario, in aperta crisi, potrebbe essere sorpassato dalla ricerca del credito "dal basso"

Continua

La questione dei sacchetti di plastica a pagamento

La questione dei “sacchetti bio” a pagamento in seguito al recepimento di una direttiva europea (dir. 2015/720) pone la questione di come comportarsi

Continua

La problematica della mancata consegna della PEC

Cosa succede se si procede con l'invio di un atto a mezzo Posta elettronica certificata, ma la casella del destinatario è piena?

Continua

La responsabilità del committente

Nelle commesse è ormai obbligatorio la verifica del DURC e della procedura ASSECO: il committente è responsabile anche della subfornitura

Continua

Bonus pubblicità ai nastri di partenza

Tutto pronto per il credito d’imposta sugli investimenti in pubblicità: è in dirittura d’arrivo il regolamento attuativo

Continua

Crediti svalutati per non perdere il cliente

La Cassazione ammette la possibilità di svalutare il credito per non perdere il cliente

Continua

E-Fattura: a piccoli passi verso il 2019

Dal 2019 la maggior parte delle imprese sarà investita da questo adempimento

Continua

Alle casse per il secondo acconto con riduzione

In scadenza a fine novembre i secondi acconti delle imposte. La legge permette una rimodulazione, ma occorre valutare le previsioni reddituali

Continua