Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Consulenza aziendale: se il piano di cassa non funziona...


Se il Piano di cassa non funziona l’azienda può incorrere in problemi di liquidità. Ecco come dovrebbe comportarsi un’azienda in caso di crisi di liquidità
Consulenza aziendale: se il piano di cassa non funziona...

Il Piano di cassa, come ogni strumento di pianificazione, può non funzionare, cioè una o più delle assumptions positive su cui si fondava possono non realizzarsi pienamente o alcune di quelle negative possono manifestarsi in maniera più onerosa rispetto alla nostra peggiore previsione.

Qualora ciò dovesse avvenire, l’azienda può incorrere in problemi di liquidità, che possono coinvolgerla in una spirale negativa da cui può risultare difficile uscire.

Un classico errore, che spesso viene commesso dalle aziende in questi casi, è quello di cercare ulteriore liquidità, che potrebbe, a primo avviso, risultare un comportamento razionale.

Il condizionale è d’obbligo perché agire in questo modo sottintende, implicitamente, la nostra convinzione che la mancanza liquidità sia la causa del momento di difficoltà aziendale ma, nella maggior parte dei casi, non è così.

È sempre rischioso e arduo generalizzare ma, per l’esperienza finora maturata, non ho timore ad affermare che la mancanza di liquidità non è mai la causa di un momento di difficoltà ma ne è, semmai, un effetto.

Se si concorda sulle premesse di cui sopra risulta necessario, qualora ci si trovasse davanti a problemi di liquidità, porsi alcune domande:

1. Qual è la causa della mancanza di liquidità?

2. Quali avvisaglie era possibile cogliere dalla gestione per anticipare il problema?

3. E, solo da ultimo, come risolvere il contingente problema di liquidità?

L’azienda che, presa dalla frenesia, cercasse di rispondere subito alla terza domanda, è un’impresa che, qualora riuscisse a risolvere la crisi in atto, è destinata a subirne altre in futuro, in quanto non avrà agito su ciò che effettivamente sono le sue cause generatrici.

Il rapporto esistente tra le domande 1 e 2 la domanda 3 è, se volessimo usare una metafora medica, lo stesso che c’è tra un antibiotico e un analgesico.

Ma veniamo, quindi, a ipotizzare come dovrebbe comportarsi un’azienda in caso di crisi di liquidità, derivante da una mancata corrispondenza tra la pianificazione finanziaria e gli effettivi risultati conseguiti, procedendo secondo l’ordine citato sopra.

 

Indice:

  • Qual è la causa della mancanza di liquidità?

  • Quali avvisaglie era possibile cogliere dalla gestione per anticipare il problema?

  • Come risolvere il contingente problema di liquidità?

 

 

 

Qual è la causa della mancanza di liquidità?

Come detto, il primo passo è capire qual è la causa della mancanza di liquidità, che potrà dipendere, volendo semplificare al massimo, da:

• inefficienze produttive;

• cattiva gestione del capitale circolante netto.

In merito alle inefficienze produttive, si vuole fare riferimento in primo luogo a casi di margine di contribuzione negativo, che denoterebbe l’incapacità dell’azienda di coprire i costi variabili.

 

 

 

Quali avvisaglie era possibile cogliere dalla gestione per anticipare il problema?

In seconda battuta sarà necessario capire quali avvisaglie era possibile cogliere dalla gestione per anticipare il problema.

Tra i prodromi di una potenziale crisi di liquidità, solo per citarne alcuni, possiamo annoverare:

• rinvio di spese “rimandabili”, come le manutenzioni;

• necessità di rinviare le spese d’investimento, come ad esempio le spese pubblicitarie o R&S;

• un anomalo aumento delle giacenze di magazzino;

• un incremento del ciclo del capitale circolante.

 

 

 

Come risolvere il contingente problema di liquidità?

A questi fini, è fondamentale per le PMI monitorare con continuità i flussi di cassa, per avere una visione sempre aggiornata dei movimenti di liquidità e poter cogliere i segnali appena si manifestano.

Il cash flow è il principale indicatore della liquidità e quindi dello stato di salute di un’impresa ed è determinante, più del dato del fatturato e dell’utile, per la continuità aziendale.

Con un controllo di gestione efficace e tempestivo, l’azienda non sarà colta impreparata e potrà prevedere e gestire tempestivamente le crisi di liquidità.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Check-Up aziendale: sai davvero come stanno i conti della tua azienda?

Sai davvero come stanno i conti della tua azienda? Abbiamo formulato uno strumento che ti aiuta a capirlo. Scopri come funziona la nostra prima analisi gratuita.

Continua

Benefit per l’uso promiscuo della vettura

Auto in uso promiscuo al dipendente: nuove misure dei benefit solo per le immatricolazioni avvenute dal 1° luglio 2020

Continua

Bonus 110% al via: pubblicati i provvedimenti attuativi

Definite le modalità attuative per l’applicazione del superbonus del 110% per interventi di efficienza energetica e antisismici

Continua

Credito di imposta per spese di pubblicità su mezzi di informazione

Credito di imposta per spese di pubblicità su mezzi di informazione incrementato per il 2020 nella misura del 50% dei costi sostenuti

Continua

La contabilizzazione dei fabbricati e lo scorporo dei terreni

La corretta gestione contabile dei fabbricati richiede attenzione per le ricadute fiscali relative all'individuazione del valore teorico del terreno su cui sono ubicati

Continua

Principali scadenze dal 16 settembre al 15 ottobre 2020

Ecco i principali adempimenti da effettuare dal 16 settembre al 15 ottobre 2020, con il commento dei termini di prossima scadenza

Continua

Rafforzamento patrimoniale delle imprese: decreto attuativo

Pubblicato il decreto attuativo relativo al rafforzamento patrimoniale delle imprese dei soggetti di medie dimensioni

Continua

Rese note le agevolazioni agli autotrasportatori per il 2020

Ecco quali sono le misure delle deduzioni forfettarie a favore degli autotrasportatori per il periodo d’imposta 2019

Continua

Trasmissione dei corrispettivi per i distributori di medie dimensioni

Salvo ulteriori proroghe, scade il 30 settembre il primo obbligo di trasmissione dei corrispettivi per i distributori di medie dimensioni

Continua

Termine per il rimborso dell’Iva assolta in altri paesi europei

Scade il prossimo 30 settembre il termine per chiedere il rimborso dell’iva assolta in altri paesi europei

Continua

La nuova detrazione del Superbonus 110% e gli interventi agevolabili

Ecco quali sono gli interventi per i quali è possibile fruire della nuova detrazione del Superbonus 110% differenziando tra interventi “trainanti” e “trainati”

Continua

Auto aziendale in uso promiscuo: novità 2020

La Legge di Bilancio 2020 ha introdotto delle modifiche in tema di fringe benefit per le auto aziendali concesse ad uso promiscuo ai dipendenti e agli amministratori

Continua

Nuovo credito d'imposta per investimenti in beni "Industria 4.0"

Il super e iper ammortamento sono stati sostituiti dal nuovo credito d’imposta dedicato a chi effettua investimenti in beni strumentali nuovi, generici o Industria 4.0

Continua

Dal 1° ottobre: nuovo tracciato di fattura elettronica facoltativo

Al via dal 1° ottobre l'utilizzo facoltativo del nuovo tracciato di fattura elettronica

Continua

Scadenze: versamento dell'imposta di bollo sulle fatture elettroniche

In scadenza il 20 ottobre il versamento dell'imposta di bollo sulle fatture elettroniche

Continua

Gli adeguamenti statutari degli Enti del Terzo settore

Ecco quali sono i dati e le regole che occorre inserire negli atti costitutivi e/o negli statuti degli ETS

Continua

Superbonus 110%: come funziona lo sconto in fattura

La nuova misura fiscale del Superbonus 110% offre la possibilità al contribuente di optare per un contributo sotto forma di "sconto fattura"

Continua

Superbonus 110%: la cessione del credito

La nuova misura fiscale del Superbonus 110% offre la possibilità al contribuente di optare per la "cessione del credito"

Continua

Le novità del “Decreto Agosto” dopo la conversione in legge

Alcune novità contenute nel Decreto Agosto: dalla sospensione degli ammortamenti alla proroga dei finanziamenti alle PMI, del versamento acconti 2020 e dei soggetti Isa

Continua

E-fattura: imposta di bollo virtuale

Con la fatturazione elettronica, l’imposta di bollo di 2 euro deve essere assolta virtualmente. Ecco a chi spetta e a chi non spetta

Continua

Breve guida sui bonus canoni di locazione immobili

Ecco cosa prevedono il “Decreto Rilancio” e il “Decreto Agosto” in merito al credito di imposta relativo ai canoni di locazione di immobili

Continua

Cartelle esattoriali: ampliata la sospensione fino al 31 dicembre 2020

Per tutto il 2020 si estende la sospensione del pagamento delle cartelle esattoriali.

Continua

Dpcm 25 ottobre 2020: cosa cambia per le nostre attività

Ecco cosa cambia dopo l'ultimo Dpcm del 25 ottobre

Continua

DURF: chiarimenti sul calcolo del 10% del conto fiscale

Ecco alcuni chiarimenti sul calcolo del 10% del conto fiscale

Continua