Richiedi una consulenza in studio gratuita!

La formazione e il nesso di causalità in un infortunio sul lavoro


Sentenza che ricorda l'importanza della formazione e informazione relativamente ai nessi di causalità in un caso di infortunio ad un lavoratore
La formazione e il nesso di causalità in un infortunio sul lavoro

Una volta in più esaminiamo l’importanza che ricopre la formazione e l’informazione dei lavoratori, ma soprattutto la strategicità che ricopre l’attenzione che deve essere posta sulla sorveglianza del fatto che tali formazioni e informazioni vengano applicate.

La sentenza di cui trattiamo oggi vede il rappresentante legale e datore di lavoro condannato per il reato di negligenza, imprudenza ed imperizia per non aver preso le misure necessarie affinché l’uso del camion con cassone ribaltabile in dotazione, quale attrezzatura di lavoro per la quale era stato individuato, nel documento di valutazione dei rischi, il rischio specifico di folgorazione da contatto con linee elettriche aeree, venisse riservato a lavoratori che avessero ricevuto un’informazione, formazione ed addestramento adeguati”.

In particolare, il comportamento dell’imputato cagionava il decesso di un lavoratore successivamente alla folgorazione dello stesso per essere il cassone ribaltabile del camion venuto in contatto con una line elettrica ad alta tensione.

Avversamente a tale sentenza viene proposto in Cassazione il ricorso con la non sussistenza del nesso di causalità tra condotta dell’imputato e l’evento, richiamando la condotta abnorme del lavoratore in quanto risulterebbe che l’iniziativa di alzare il cassone sarebbe stata presa in autonomia dal lavoratore anche se non assolutamente necessaria per la funzione di carico della merce.

“Si evidenzia, poi, che il rischio di folgorazione era espressamente previsto dal manuale di uso del veicolo, pertanto la responsabilità della mancata acquisizione delle informazioni graverebbe sul lavoratore essendo le stesse rilevabili dalla documentazione in suo possesso” oltre al fatto che il lavoratore, sempre secondo quanto riportato in fase di ricorso “doveva essere a conoscenza di tutti i rischi di manovra in quanto titolare di specifica patente di guida”.

 

La sentenza della Corte di Cassazione

La Corte di Cassazione rileva che il ricorrente ripropone in buona sostanza gli stessi motivi di appello sui quali il precedente Tribunale si era già ampiamente espresso.

Scrivono gli Ermellini: “La sentenza impugnata si colloca nell’alveo del consolidato orientamento di questa corte di legittimità che individua nell’obbligo di fornire adeguata formazione ai lavoratori, uno dei principali gravanti sul datore di lavoro, ed in generale sui soggetti preposti alla sicurezza del lavoro (Sez. 4, n. 41707 del 23 settembre 2004, Bonari, Rv. 230257; Sez. 4, n. 6486 del 3 marzo 1995, Grassi, Rv. 201706).

La violazione degli obblighi inerenti la formazione" continua la sentenza della Corte “e l’informazione dei lavoratori integra un reato permanente, in quanto il pericolo per l’incolumità dei lavoratori permane nel tempo e l’obbligo in capo al datore di lavoro continua nel corso dello svolgimento del rapporto lavorativo fino al momento della concreta formazione impartita o della cessazione del rapporto”.

In questo senso è obbligo del datore di lavoro non solo la predisposizione delle idonee misure di sicurezza, ma anche e in maniera preponderante, controllarne costantemente il rispetto. È, infatti, pacifico che il datore di lavoro risponde dell’infortunio occorso al lavoratore:

  • in caso di violazione degli obblighi relativi alla valutazione dei rischi
  • della formazione dei lavoratori in ordine ai rischi connessi alle mansioni a loro affidati

Venendo, dunque, al ricorso di per sé, i giudici di merito hanno evidenziato l’inequivocabile sussistenza del nesso causale fra la mancata informazione e formazione del lavoratore e l’evento occorsogli. Si legge infatti in sentenza “ove l’attenzione del [Lavoratore] fosse stata specificatamente richiamata al riguardo, vi è infatti una probabilità logica verosimilmente prossima all’assoluta certezza, che lo stesso avrebbe bene provveduto a verificare, prima di effettuare la manovra, di non trovarsi sotto a una linea elettrica e, successivamente di entrare in contatto con le parti metalliche del proprio mezzo”.

La corte sottolinea che il comportamento si evidenza anomalo solo nel momento in cui questo sia del tutto esorbitante ed imprevedibile, estraneo al processo produttivo o alle mansioni attribuite.

Per questi motivi viene dichiarato inammissibile il ricorso e condannato il ricorrente al pagamento delle spese processuali e alla somma di euro duemila in favore della cassa delle ammende

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Guida all'allestimento della postazione con videoterminale

Lavorare in ufficio può apparentemente sembrare un'attività che non comporta alcun rischio per la salute del lavoratore, in realtà è importante valutare questo rischio

Continua

Un passo avanti nella UNI ISO 45001

La UNI ISO 45001 diventa uno degli strumenti chiave per la gestione della salute e sicurezza sul lavoro

Continua

Il problema multidimensionale del mal di schiena

La lombalgia è una malattia multifattoriale e debilitante, che esercita un enorme onere socioeconomico sugli individui e sui sistemi di assistenza sanitaria

Continua

ATEX - L’importanza della gestione del rischio esplosione

Due incidenti, seppur con finali diversi, ricordano l'importanza che ricopre la valutazione del rischio esplosione (ATEX) all'interno di stabilimenti a rischio

Continua

Idoneità alla mansione: obblighi e provvedimenti del datore di lavoro

A valle del rilascio da parte del medico competente del giudizio di idoneità alla mansione, il datore di lavoro può dover gestire diverse casistiche anche delicate

Continua

Novità del Codice di Prevenzione Incendi

A breve verrà pubblicato un nuovo Decreto Ministeriale ai più noto come “Codice di prevenzione incendi”

Continua

Il comportamento abnorme del lavoratore

Nelle Sentenze relative ad infortuni sul lavoro si sente parlare spesso di “comportamento abnorme del lavoratore” come motivazione di ricorso da parte dell'imputato

Continua

PED - Uno strumento per il calcolo delle attrezzature a pressione

Si tratta di un utile strumento per verificare l'idoneità rispetto agli obblighi previsti dalla normativa delle proprie attrezzature a pressione

Continua

Documento sulle procedure di utilizzo del Transpallet Elettrico

Uno dei più comuni strumenti di lavoro all'interno delle aziende è sicuramente il Transpallet Elettrico, un'attrezzatura utilizzata per la movimentazione dei carichi

Continua

La responsabilità del datore di lavoro in tema di sicurezza

Cassazione: la formazione del dipendente non esime il datore di lavoro dal predisporre misure cautelari

Continua

Sicurezza lavoro, il ruolo di garanzia del CDA nel caso di società di capitali

Nel caso di società di capitali, gli obblighi di prevenzione degli infortuni gravano in maniera paritetica, fatto salvo il caso di delega, su tutti i membri del CDA

Continua

INAIL, proroga della scadenza delle richieste di incentivo

INAIL - Proroga della scadenza delle richieste di incentivo alle imprese virtuose

Continua

Affidare a terzi la redazione del DVR non esclude la responsabilità del datore di lavoro

Molte realtà decidono di affidare a terzi la redazione del DVR, strumento obbligatorio come stabilito dal D.lgs. 81/08 per la gestione della sicurezza in azienda

Continua

La videoconferenza è l'alternativa efficace alla formazione in aula?

Ciò che risulta importante è porsi una domanda fondamentale: la videoconferenza è davvero l'alternativa efficace alla formazione in aula?

Continua

L'infortunio sul lavoro per COVID-19 e la responsabilità del datore di lavoro

L'infortunio sul lavoro per Covid-19 non è collegato alla responsabilità penale e civile del datore di lavoro

Continua

Sicurezza sul lavoro: come è cambiata la formazione ai tempi Covid-19

Durante tutto il periodo di emergenza, uno dei settori della sicurezza nei luoghi di lavoro più colpiti è stato senza dubbio la formazione

Continua

Testo Unico: si va verso un aggiornamento?

Il Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo ha sottolineato la necessità di porre una maggior attenzione sui temi legati proprio alla salute e sicurezza sul lavoro

Continua

COVID-19: proroga dell’emergenza, D.L. 7 ottobre e D.lgs. 81/2008

Prorogato lo stato di emergenza fino al 31 gennaio 2021 e introdotte modifiche al D.lgs. 81/2008

Continua

COVID19 - Sappiamo davvero la differenza tra isolamento e quarantena?

E' importante declinare questa distinzione anche all'interno delle aziende, per permettere ai datori di lavoro di gestire al meglio eventuali casi di contatto.

Continua

Risparmiare sulla sicurezza può essere pericoloso in molti sensi

Sentenza che analizza come la mancata messa in sicurezza di una macchina possa essere vista come vantaggio economico per l'azienda nell'ambito del D.Lgs. 231/01

Continua

Sistemi di gestione, proroga migrazione UNI ISO 45001

Confermato il rinvio per la data termine della migrazione da OHSAS 18001 a UNI ISO 45001 al 30/09/2021

Continua

Sentenza: importante adeguare in sicurezza macchine e attrezzature

Fare in modo che le attrezzature presenti all’interno dei siti produttivi siano adeguate a tutti gli standard di sicurezza è uno dei compiti del datore di lavoro

Continua

Modifiche ad un macchinario e conseguente adeguamento

Quando le modifiche ad una macchina portano ad un diverso approccio al lavoro sulla stessa è necessario che i presidi di sicurezza vengano rivisti ed adeguati

Continua

Covid-19, nuovo protocollo condiviso

È stato sottoscritto il nuovo protocollo condiviso delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus SARS-CoV-2 nei luoghi lavoro

Continua

Il protocollo per la vaccinazione nei luoghi di lavoro

Siamo di fronte a una svolta per favorire l’applicazione e l’efficacia delle misure di contrasto e di contenimento della diffusione del virus negli ambienti di lavoro

Continua

Riammissione dei lavoratori dopo l'assenza causa Covid

Il 12 aprile il Ministero della Salute ha pubblicato una Circolare su “Indicazioni per la riammissione in servizio dei lavoratori dopo assenza per malattia COVID-19"

Continua