Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Affidare a terzi la redazione del DVR non esclude la responsabilità del datore di lavoro


Molte realtà decidono di affidare a terzi la redazione del DVR, strumento obbligatorio come stabilito dal D.lgs. 81/08 per la gestione della sicurezza in azienda
Affidare a terzi la redazione del DVR non esclude la responsabilità del datore di lavoro

Molte realtà decidono di affidare a terzi la redazione del DVR, il documento di valutazione dei rischi, strumento obbligatorio secondo quanto stabilito dal D.lgs. 81/2008 per la corretta gestione della sicurezza nei luoghi di lavoro.

Conferire a terzi la delega relativa alla strutturazione di questo documento, però, non esonera in alcun modo il datore di lavoro dai suoi obblighi di verifica di adeguatezza ed efficacia del documento stesso, e degli obblighi di informazione ai lavoratori dei rischi connessi al loro lavoro.

Nella sentenza che andiamo ad esaminare vediamo che la rappresentante legale di un'azienda di commercio di rottami ferrosi è stata ritenuta responsabile del reato di lesioni colpose commesse con violazione delle norme antinfortunistiche, per aver omesso di prevedere compiutamente nella redazione del Piano operativo di Sicurezza, la possibilità della movimentazione accidentale di alcuni binari accatastati nel cantiere ove si stava volgendo un appalto.

Il reato di lesioni colpose si verificò quando un lavoratore impegnato a tagliare con la fiamma ossidrica un binario veniva colpito alla gamba da un profilato d'acciaio trasportato da un caricatore gommato munito di pinza e movimentato da un collega. L'infortunio cagionava al lavoratore una frattura esposta con sub amputazione della gamba interessata.

L'imputata ricorre avversamente alla sentenza adducendo che “non possa essere ravvisata alcuna responsabilità colposa a carico della imputata per l'infortunio occorso a  [omissis], in quanto la [Società], di cui la imputata rivestiva al momento del fatto la qualità di amministratore unico, è una società di capitali di medie dimensioni dotata di una struttura complessa che opera in numerosi cantieri con un'analitica suddivisione di compiti aziendali ed uno specifico organigramma delle figure che compongono il sistema di prevenzione degli infortuni e protezione dei lavoratori. Dalla lettura di tale organigramma, prodotto nel giudizio di primo grado, si evince la esistenza di precise figure professionali a cui competevano compiti di direzione e prevenzione in ordine alla sicurezza dei lavoratori”. E, inoltre, “Richiamandosi al principio dell'effettività delle funzioni svolte, fa notare che alla imputata erano stati attribuiti soltanto compiti di rappresentanza della società e nessun compito di gestione dell'attività dell'impresa”.

La Difesa sottolinea, inoltre, che per la redazione del DVR l'azienda si è sempre affidata a tecnici terzi specializzati.

La Corte di Cassazione ritiene infondato il motivo del ricorso.

“La difesa dubita della posizione di garanzia della imputata, affermando che l'amministratore della società ha il compito precipuo di interessarsi della complessiva gestione aziendale della sicurezza, sostiene poi che nella società la [omissis] aveva solo compiti di rappresentanza. L'assunto è privo di pregio: in qualità di amministratore, la [omissis] era datore di lavoro dei dipendenti infortunati e la individuazione dei rischi dell'attività dei dipendenti era un suo compito precipuo, non trasferibile”.

La Corte ricorda che in tema di prevenzione degli infortuni colui il quale viene individuato come datore di lavoro detiene l'obbligo di analizzare e individuare con il massimo grado di specificità tutti i fattori di pericolo concretamente presenti all'interno dell'azienda. Deve, quindi, redigere e sottoporre a periodico aggiornamento il DVR ove sarà suo compito individuare nella maniera più specifica possibile tutte le misure precauzionali e i vari dispositivi di protezione individuale e collettiva adottati per tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori.

“In tema di infortuni sul lavoro, il conferimento a terzi della delega relativa alla redazione del documento di valutazione dei rischi, non esonera il datore di lavoro dall'obbligo di verificarne l'adeguatezza e l'efficacia, di informare i lavoratori dei rischi connessi ai lavori in esecuzione e di fornire loro una formazione sufficiente ed adeguata in materia di sicurezza e salute, con particolare riferimento al proprio posto di lavoro e alle proprie mansioni” (così Sez. 4, n. 22147 del 11/02/2016, Morini, Rv. 266859).

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Guida all'allestimento della postazione con videoterminale

Lavorare in ufficio può apparentemente sembrare un'attività che non comporta alcun rischio per la salute del lavoratore, in realtà è importante valutare questo rischio

Continua

Un passo avanti nella UNI ISO 45001

La UNI ISO 45001 diventa uno degli strumenti chiave per la gestione della salute e sicurezza sul lavoro

Continua

Il problema multidimensionale del mal di schiena

La lombalgia è una malattia multifattoriale e debilitante, che esercita un enorme onere socioeconomico sugli individui e sui sistemi di assistenza sanitaria

Continua

ATEX - L’importanza della gestione del rischio esplosione

Due incidenti, seppur con finali diversi, ricordano l'importanza che ricopre la valutazione del rischio esplosione (ATEX) all'interno di stabilimenti a rischio

Continua

Idoneità alla mansione: obblighi e provvedimenti del datore di lavoro

A valle del rilascio da parte del medico competente del giudizio di idoneità alla mansione, il datore di lavoro può dover gestire diverse casistiche anche delicate

Continua

Novità del Codice di Prevenzione Incendi

A breve verrà pubblicato un nuovo Decreto Ministeriale ai più noto come “Codice di prevenzione incendi”

Continua

Il comportamento abnorme del lavoratore

Nelle Sentenze relative ad infortuni sul lavoro si sente parlare spesso di “comportamento abnorme del lavoratore” come motivazione di ricorso da parte dell'imputato

Continua

PED - Uno strumento per il calcolo delle attrezzature a pressione

Si tratta di un utile strumento per verificare l'idoneità rispetto agli obblighi previsti dalla normativa delle proprie attrezzature a pressione

Continua

Documento sulle procedure di utilizzo del Transpallet Elettrico

Uno dei più comuni strumenti di lavoro all'interno delle aziende è sicuramente il Transpallet Elettrico, un'attrezzatura utilizzata per la movimentazione dei carichi

Continua

La responsabilità del datore di lavoro in tema di sicurezza

Cassazione: la formazione del dipendente non esime il datore di lavoro dal predisporre misure cautelari

Continua

Sicurezza lavoro, il ruolo di garanzia del CDA nel caso di società di capitali

Nel caso di società di capitali, gli obblighi di prevenzione degli infortuni gravano in maniera paritetica, fatto salvo il caso di delega, su tutti i membri del CDA

Continua

INAIL, proroga della scadenza delle richieste di incentivo

INAIL - Proroga della scadenza delle richieste di incentivo alle imprese virtuose

Continua

La videoconferenza è l'alternativa efficace alla formazione in aula?

Ciò che risulta importante è porsi una domanda fondamentale: la videoconferenza è davvero l'alternativa efficace alla formazione in aula?

Continua

L'infortunio sul lavoro per COVID-19 e la responsabilità del datore di lavoro

L'infortunio sul lavoro per Covid-19 non è collegato alla responsabilità penale e civile del datore di lavoro

Continua

Sicurezza sul lavoro: come è cambiata la formazione ai tempi Covid-19

Durante tutto il periodo di emergenza, uno dei settori della sicurezza nei luoghi di lavoro più colpiti è stato senza dubbio la formazione

Continua

Testo Unico: si va verso un aggiornamento?

Il Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo ha sottolineato la necessità di porre una maggior attenzione sui temi legati proprio alla salute e sicurezza sul lavoro

Continua

COVID-19: proroga dell’emergenza, D.L. 7 ottobre e D.lgs. 81/2008

Prorogato lo stato di emergenza fino al 31 gennaio 2021 e introdotte modifiche al D.lgs. 81/2008

Continua