Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Smart working e Coronavirus


Lo smart working può agevolare le aziende, consentendo di poter organizzare il lavoro da casa ai dipendenti, anzichè fermarsi a causa dell’emergenza del Coronavirus
Smart working e Coronavirus

Lo smart working si configura come un nuovo approccio all’organizzazione aziendale, in cui le esigenze individuali del lavoratore e quelle dell’impresa si incontrano.


Che cos’è lo smart working?

La Legge n. 81/2017 fornisce una definizione del lavoro agile nell’ambito del lavoro subordinato, che comprende tutte le forme di svolgimento della prestazione flessibili rispetto all’orario e al luogo. Parte integrante del lavoro agile sono gli strumenti tecnologici che vengono forniti dal datore di lavoro, il quale ne garantisce anche il buon funzionamento.

Accordo individuale tra azienda e lavoratore: requisiti

Per l’adozione dello smart working è necessario un accordo scritto tra datore di lavoro e dipendente, il quale dovrà essere inviato telematicamente.

La Legge n. 81/2017 conferma, quindi, l’elemento della volontarietà tra le parti e stabilisce i suoi contenuti minimi:

•    Durata. L’accordo può essere a tempo indeterminato o determinato.

•    Preavviso. Il recesso è possibile con un preavviso di almeno 30 giorni (90 per i lavoratori disabili) per gli accordi a tempo indeterminato o in presenza di un giustificato motivo.

•    Come e quando. L’accordo deve contenere la disciplina dell’esecuzione della prestazione lavorativa al di fuori dei locali aziendali, con particolare riguardo agli strumenti tecnologici utilizzati e al rispetto del diritto alla disconnessione per il lavoratore.

•    Potere di controllo e disciplinare. Nell’accordo devono essere illustrate le modalità di controllo della prestazione lavorativa all’esterno dei locali aziendali, tenendo conto dell’articolo 4 dello Statuto dei Lavoratori.

 

Trattamento retributivo e diritti per i lavoratori agili

Un elemento essenziale della norma è la parità di trattamento degli smart workers rispetto ai loro colleghi. Il trattamento normativo e retributivo deve essere il medesimo, come l’adozione delle adeguate norme di sicurezza. In particolare, per quanto riguardo l’orario di lavoro, di fianco al riconoscimento del diritto alla disconnessione, la norma riconosce come inviolabili i limiti di orario previsti dalla normativa vigente e dalla contrattazione collettiva.

I lavoratori “agili” hanno, inoltre, diritto alla tutela prevista in caso di infortuni e malattie professionali anche per quelle prestazioni rese all’esterno dei locali aziendali e nel tragitto tra l’abitazione ed il luogo prescelto per svolgere la propria attività. Su questi aspetti, l'INAIL ha fornito le prime istruzioni operative nella circolare n.48/2017.

 

Smart working e lavoratrici madri

Dopo la Legge di Bilancio 2019, è riconosciuta una priorità alle richieste di lavoro agile formulate dalle lavoratrici nei tre anni successivi alla conclusione del periodo di congedo di maternità e dai lavoratori con figli in condizioni di disabilità.

 

Lavoro agile e Coronavirus

Lo smart working può agevolare le aziende, consentendo di poter organizzare il lavoro da casa ai propri dipendenti, anziché fermarsi a causa dell’emergenza del Coronavirus.

Con la pubblicazione, in Gazzetta Ufficiale, del D.P.C.M. 1° marzo 2020, viene estesa a tutte le imprese, presenti sul territorio nazionale, la possibilità di attivare automaticamente la modalità di lavoro agile ai propri dipendenti, anche in assenza di un accordo individuale.

In questi casi, l’accordo individuale è sostituito da un’autocertificazione che il lavoro agile si riferisce ad un soggetto appartenente a una delle aree a rischio. Nella procedura telematica devono essere indicate la data di sottoscrizione – coincidente alla data di inizio del periodo in smart-working; l’autodichiarazione dell’azienda nella quale sia presente un riferimento al D.P.C.M. 1° marzo 2020 e le informazioni anagrafiche del lavoratore coinvolto nella comunicazione; le indicazioni sul tipo di lavoro da svolgere e tutte le altre informazioni utili per la gestione del lavoro agile.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Autoliquidazione INAIL 2020: cos’è, come funziona, scadenze previste

L’autoliquidazione INAIL è uno degli argomenti più interessanti per tutti coloro i quali siano amministratori di un’impresa con lavoratori dipendenti a carico

Continua

Enti bilaterali, tra obbligo e diritti

Iscrizione e contribuzione agli enti bilaterali, tra obbligo e corresponsione di emolumenti sostituivi della retribuzione

Continua

Sintesi sulle disposizioni legislative per l'emergenza Coronavirus

Ripercorriamo sinteticamente le disposizioni che si sono succedute a decorrere dallo scorso 1° Marzo 2020 per l’emergenza sanitaria del Coronavirus

Continua

Sicurezza sul lavoro da COVID-19: nuovo protocollo sindacale

È stato firmato dalle parti sociali il 14 marzo il protocollo per la tutela dei lavoratori da Coronavirus. Ecco alcuni dei principali contenuti per datori di lavoro

Continua

DECRETO CURA ITALIA: Le principali misure per imprese e cittadini

Ecco le principali misure previste dal decreto legge “cura-Italia”, il primo provvedimento legislativo per affrontare l’emergenza per il coronavirus

Continua

Nuovo decreto del DPCM: chiusura di tutte le attività non essenziali

E’ pubblicato il testo del nuovo decreto del Presidente del Consiglio con il quale vengono introdotte ulteriori misure restrittive per arginare il contagio del Covid-19

Continua

Decreto Rilancio: le principali misure adottate

Il testo del nuovo decreto è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale ed è ora in vigore. Ecco una rapida guida a bonus, misure e novità per lavoratori, famiglie, imprese

Continua