Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Smart working, lavorare ai tempi del Coronavirus


Lo smart - working, oggi largamente imposto a tutela della salute pubblica, se usato in modo intelligente, può inaugurare un nuovo rapporto tra lavoratori e datori
Smart working, lavorare ai tempi del Coronavirus

 

Nel corso di questi ultimi mesi, l’evoluzione dell’epidemia da COVID-19 ha richiesto vari interventi d’emergenza anche in ambito giuslavoristico, al fine di contrastarne la diffusione e permettere la continuità delle attività lavorative interessate dai provvedimenti di lockdown.

Anche l’ultimo DPCM del 20/04/2020, all’art. 1 - rubricato “misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale” - lettera gg) - prevede per i datori di lavoro privati la possibilità di applicare a ogni rapporto di lavoro subordinato la modalità di lavoro agile disciplinata dagli articoli da 18 a 23 della Legge 22 maggio 2017, n. 81 [1].

Con il presente contributo, intendiamo illustrare le principali caratteristiche di questa particolare modalità di lavoro, nota come smart working, finora poco conosciuta ed utilizzata (se non per una ristretta fetta del mercato di cui fanno parte aziende più strutturate, già dotate di apparati appositamente predisposti, con applicativi per la fruizione remota e dispositivi adeguati).

Abbiamo, infatti, notato il diffuso dubbio che una simile prestazione lavorativa non sia parificabile all’attività lavorativa classica, per il fatto che la medesima venga espletata per lo più a casa.

Orbene, la Legge n. 81 del 2017, recante “Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure volte a favorire l’articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato”, ha messo nero su bianco gli ambiti di applicazione del cd. lavoro agile e le garanzie che lo caratterizzano, come stesso stipendio (art. 20), parità contrattuale, tutela per infortuni e malattie (art. 23).

Al lavoratore è riconosciuto il medesimo trattamento retributivo stabilito dal contratto collettivo applicabile anche se la retribuzione non viene più modulata sulla base dell’orario ma dell’obiettivo prefissato dal datore di lavoro.

L’istituto in questione è nato allo scopo di incrementare la competitività ed agevolare la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro (usufruendo anche di diversi incentivi fiscali). Ovviamente, questi originari scopi pratici, nel nostro presente, sono stati superati dalla fondamentale necessità di contemperare, da un lato, la prosecuzione delle attività lavorativa e, dall’altro, il rispetto delle misure di contenimento della diffusione del virus (quali, il lavorare separati gli uni dagli altri, l’evitare gli ambienti affollati e gli spostamenti da una città all’altra).

È il datore di lavoro (quale responsabile della salute e della sicurezza dei lavoratori) a rispondere del buon funzionamento degli strumenti tecnologici utilizzati dal lavoratore (art. 18 comma 2 Legge 81/2017). Il datore di lavoro, quindi, dovrà ad esempio assicurarsi che il software di sicurezza utilizzato sia aggiornato e che la rete aziendale sia in grado di sostenere un elevato numero di collegamenti simultanei, per poter operare in videoconferenza sia con i clienti che con i colleghi. I canali dovranno essere cifrati e accessibili solo con password e sistemi di autentica, per garantire la privacy dei dati scambiati in rete. I computer utilizzati dai lavoratori per l’accesso da remoto dovranno, di preferenza, essere usati solamente per lo smart working, con applicativi antivirus e antimalware sempre aggiornati e la connessione alla rete domestica dovrà essere sicura.

Inoltre, è opportuno che la prestazione lavorativa rispetti, in ogni caso, i principi giuslavoristici. In particolare, è vivamente consigliabile l’adozione di un piano condiviso che consenta al lavoratore la pianificazione del proprio lavoro, così da evitare il rischio che lo smart worker diventi “schiavo” della connessione permanente (per questo, diverse grosse aziende stanno discutendo sull’introduzione del cd. diritto alla disconnessione). Parimenti, è raccomandabile una modalità concordata per la rendicontazione dell’attività svolta, anche nel rispetto dei principi che vietano il controllo a distanza del lavoratore.

Il sopra menzionato DPCM del 20/04/2020, visto l’attuale stato di emergenza, ha invitato il ricorso allo smart working anche in assenza di accordi individuali (prescritti dalla Legge), richiedendo esclusivamente che sia predisposta una autocertificazione.

Stante quanto sopra illustrato, è possibile affermare che lo smart working altro non è che una modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato. Conseguentemente, il soggetto in smart working è a tutti gli effetti un lavoratore con tutto ciò che ne deriva.

Ciò posto, vogliamo condividere con tutti Voi criticità e positività dell’istituto de quo.

Un dato è certo: lo smart working non è attualmente l’oggetto di una libera scelta, ma frutto di una imposizione dettata da esigenze di salute pubblica. Per molti, pertanto, il passaggio a tale modalità lavorativa è avvenuto senza che vi fosse una preparazione sia dal punto di vista tecnologico, sia in punto di forma mentis. Sotto quest’ultimo profilo, raccolte diverse testimonianze, ci siamo accorte come il principale problema riscontrato sia la difficoltà per i lavoratori di organizzare il proprio tempo, separando quello dedicato al lavoro da quello extra lavorativo; si generano, quindi, giornate confuse ed interminabili, ove il lavoro si mischia con le faccende domestiche e la cura dei figli, rischiando di fare il tutto con scarsa concentrazione, lucidità e profitto.

Depurato da tali inevitabili criticità, superabili a nostro avviso con un tempo di rodaggio e impegno, è innegabile che lo smart working, se utilizzato in modo davvero intelligente, possa sin da ora rendere più moderno ed efficace il rapporto tra aziende e lavoratori. Riteniamo infatti che una tale modalità lavorativa incentivi la fiducia nei rapporti orizzontali tra colleghi e, soprattutto, nei rapporti verticali tra superiori e lavoratori dipendenti, complice l’assegnazione di obiettivi da raggiungere.

Grazie allo smart working, finalmente, potranno venir meno quelle davvero fastidiose forme di ostinato presenzialismo: il tempo ha un grosso valore… impariamo a gestirlo bene a tutto vantaggio della nostra salute e, conseguentemente, della prestazione lavorativa stessa!


Lo Studio DM è a Vostra disposizione sull'istituto e sulle tutele connesse, mediante il ricorso a modalità di comunicazione telematica.

____________________________________________________________________
[1] I provvedimenti adottati in materia di emergenza sanitaria da Covid-19 hanno, dapprima, raccomandato e, poi, imposto ad aziende e studi professionali l’attuazione di modalità di lavoro agile per tutte le attività che possono essere svolte presso il proprio domicilio o a distanza (art. 1 n. 7 lett. a) DPCM 11 marzo 2020 e art. 1 comma 1 lett. c) DPCM 22 marzo 2020).

[2] Si rinvia, al riguardo, al nostro contributo dal titolo “Congedo Covid e bonus baby-sitting a tutela dei genitori” del 26/03/2020.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Separazione di fatto e separazione legale: quale differenza?

Solo la separazione legale - consensuale o giudiziale - ha efficacia giuridica e ciò la distingue dalla separazione di fatto

Continua

I vantaggi di una separazione e di un divorzio congiunto

Procedura più snella, spese contenute, mantenimento dei rapporti interfamiliari: ecco le ragioni per preferire un accordo di separazione e di divorzio

Continua

Come quantificare il mantenimento pro (ex) coniuge e figli?

Tra gli elementi che influiscono sulla misura del mantenimento v'è l'assegnazione della casa familiare. Esempi pratici per comprendere meglio l'istituto

Continua

Convivenza e unione civile, differenze e tutele

Accanto alla famiglia tradizionale fondata sul matrimonio, si affermano sempre più le convivenze e le unioni civili. Il ruolo fondamentale del legale in questo ambito

Continua

Ai diritti dei bambini corrispondono i doveri dei genitori

Tutelare il superiore interesse del minore significa anche non esporlo ai conflitti tra genitori

Continua

Il fondo patrimoniale: cassaforte del patrimonio della famiglia

Il fondo patrimoniale, se usato propriamente, può assicurare risorse ai bisogni della famiglia

Continua

Tutti possono guardare al futuro con più ottimismo!

La legge sul dopo di noi, mediante la regolamentazione del trust, ha introdotto tutele a favore dei disabili

Continua

Il testamento: tutela dell’individuo e della sua volontà

Il testamento è l’atto che contiene le disposizioni di ultima volontà. Per questo va redatto come prescrive la legge

Continua

Infortuni sul lavoro e inosservanza delle misure di sicurezza

La mancata attuazione delle misure di sicurezza e il conseguente infortunio sul lavoro espongono il datore di lavoro inadempiente a una responsabilità civile e penale

Continua

Fondo di Garanzia Inps, recupero dei crediti nei rapporti di lavoro

Tra gli istituti a tutela del lavoratore, il Fondo di Garanzia Inps ha un ruolo decisivo in caso di fallimento del datore di lavoro

Continua

Licenziamento, conoscere l'istituto per una maggiore tutela

Il licenziamento per giusta causa e il licenziamento per giustificato motivo oggettivo. Quali tutele per il datore di lavoro e per il lavoratore

Continua

Il mobbing: caratteristiche, risvolti procedurali e risarcitori

Il mobbing, nelle sue varie accezioni (verticale/orizzontale, straining), implica un comportamento, reiterato, che incide sulla salute psichica del lavoratore

Continua

Il procedimento disciplinare per lavoratore e datore di lavoro

Il procedimento disciplinare: dalla contestazione all'(eventuale) irrogazione della sanzione

Continua

Il Coronavirus e gli effetti sui contratti già stipulati

Le limitazioni imposte dal Governo per fronteggiare l’emergenza sanitaria da Covit-19 quali causa di risoluzione dei contratti per impossibilità sopravvenuta

Continua

Covid-19: tutela del diritto di visita di genitori separati/divorziati

Resta inalterato il diritto di visita dei figli, trattandosi di spostamento necessario rientrante tra le situazioni di necessità

Continua

Gli effetti del Coronavirus sui contratti di locazione

Sospensione/riduzione dei canoni di locazione per immobili sia ad uso abitativo sia ad uso commerciale. Cenni agli studenti universitari, lavoratori emigrati e negozi.

Continua

Coronavirus, asili e scuole private: sono dovute le rette?

Scuole e asili chiusi a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19: linee guida se le scuole private chiedono il pagamento delle rette

Continua

No al licenziamento per il lavoratore assente che assiste il disabile

Con la chiusura dei centri residenziali per i provvedimenti restrittivi da Covid-19, molti lavoratori si trovano licenziati per aver assistito il familiare disabile

Continua

Apertura e gestione del conto o del libretto pupillare: serve il giudice tutelare?

Trattasi di operazioni rientranti negli atti di ordinaria amministrazione, ragion per cui è superflua l'autorizzazione del Giudice Tutelare

Continua

Minori in conflitto di interesse con i genitori. Il curatore speciale

Tra i casi in cui è opportuna la nomina del Curatore Speciale v'è la sussistenza di un conflitto di interessi tra figlio e genitori: ruolo e funzioni

Continua

Coronavirus: mantenimento dei figli nelle separazioni e nei divorzi

La crisi economica da Coronavirus ha inevitabilmente effetti nelle famiglie di genitori separati e divorziati con riguardo al quantum del mantenimento pro figli

Continua

Family Act in arrivo: ecco cosa prevede

Il Family Act prevede una serie di misure per il sostegno economico delle famiglie con figli a carico. Illustriamone il contenuto

Continua

L'amministrazione di sostegno: funzioni e ruolo

L'amministrazione di sostegno è quell'istituto flessibile che ha il nobile obiettivo di valorizzare l'autodeterminazione del singolo, affiancandolo nel quotidiano

Continua