Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Smart Working: pregi e difetti del lavoro agile


Smart Working e telelavoro: le differenze sono molte. Pregi e difetti del lavoro agile, per un utilizzo consapevole di un nuovo paradigma lavorativo.
Smart Working: pregi e difetti del lavoro agile

 

Smart Working: il lavoro intelligente ci salverà?

Durante il periodo emergenziale e ancora adesso, lo Smart Working ha consentito quindi la normale continuazione dell’attività aziendale. Una scelta virtuosa da parte di aziende e lavoratori che tuttavia, ad occhio più attento, si avvicina più alla definizione di telelavoro che a quella di di Smart Working.

 

Differenze tra Smart Working e telelavoro

Smart Working e telelavoro possono apparire simili, ma si tratta in realtà di due modelli lavorativi molto differenti, con caratteristiche operative distanti tra loro sia a livello contrattuale, che per quel che concerne i processi aziendali. Anzitutto: il telelavoro è regolato da un contratto collettivo, mentre lo Smart Working nasce da un accordo siglato tra lavoratore e datore. Nel telelavoro gli orari di lavoro restano in genere invariati, mentre lo spazio lavorativo subisce un cambiamento. Con lo Smart Working, invece, non cambia solamente il luogo di lavoro fisico, ma l’intera gestione dello spazio e del tempo, che diviene più flessibile e autonoma. Tempo e spazio non sono più l’unico criterio per il calcolo retributivo, al contrario di quanto accade per il telelavoro, poiché non determinanti e subordinati al raggiungimento di un obiettivo.

 

Quali sono le tutele?

Ai lavoratori agili viene garantita la parità di trattamento – economico e normativo – rispetto ai loro colleghi che eseguono la prestazione con modalità ordinarie. Il decreto attuativo n.6 del 23 febbraio 2020, emanato in piena emergenza Covid19, ha favorito l’utilizzo dello Smart Working anche senza accordo preventivo tra le parti.

Il DPCM 8 marzo 2020 ha incentivato ulteriormente il ricorso a tale strumento di lavoro:

<<la modalità di lavoro agile disciplinata dagli articoli da 18 a 23 della legge 22 maggio 2017, n. 81, può’ essere applicata, per la durata dello stato di emergenza di cui alla deliberazione del Consiglio dei ministri 31 gennaio 2020, dai datori di lavoro a ogni rapporto di lavoro subordinato, nel rispetto dei principi dettati dalle menzionate disposizioni, anche in assenza degli accordi individuali ivi previsti; gli obblighi di informativa di cui all’art. 22 della legge 22 maggio 2017, n. 81, sono assolti in via telematica anche ricorrendo alla documentazione resa disponibile sul sito dell’Istituto nazionale assicurazione infortuni sul lavoro>>. (art.2, comma1)

>> Il lavoro agile promuove la produttività, al di là della presenza in azienda.

È chiaro che un rapporto di lavoro di questo genere prevede che tra lavoratore e datore vi sia una notevole dose di libertà e fiducia reciproca, nonché la consapevolezza di far parte di una nuova cultura del lavoro. Se ben sfruttato, infatti, il lavoro smart diventa il primo tassello di un percorso di riorganizzazione dei processi aziendali molto più complesso, che affonda le radici in una cultura aziendale flessibile e pronta al cambiamento.

 

I vantaggi del lavoro intelligente

  • la possibilità di continuità lavorativa;
  • l’occasione di conciliare vita lavorativa e famiglia;
  • l’assunzione di autonomia lavorativa;
  • la scoperta di nuovi strumenti digitali;
  • l’aumento (in molti casi) della produttività.

Lo Smart Working può nascondere però anche qualche insidia. Per scovarle tutte, meglio non perdersi il nostro prossimo aggiornamento!

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Consulenza aziendale, chi ha paura del DSCR?

Come adeguarsi alla nuova normativa sulla Crisi d’Impresa? Il CNDCEC ha individuato un indice dal nome inquietante: il DSCR. Vediamo insieme di cosa si tratta

Continua

Consulenza aziendale: come si calcola il DSCR? (Parte 1)

DSCR: un indice dal nome minaccioso, ma in grado di dirci velocemente se la nostra azienda disponga di sufficiente liquidità. Vediamo come calcolarlo in pochi step!

Continua

Consulenza aziendale: come si calcola il DSCR? (Parte 2)

Una volta capito come calcolare il DSCR, facciamo un ultimo passo in avanti costruendo il Rendiconto Finanziario previsionale

Continua

Come costruire il Rendiconto Finanziario previsionale?

Il Rendiconto Finanziario previsionale si può calcolare in due modi: diretto o indiretto. Vediamo come fare

Continua

Finalmente, ecco pronto il DSCR!

Dopo aver analizzato i due metodi per calcolare il Rendiconto Finanziario Previsionale nello specifico siamo pronti per calcolare correttamente il DSCR

Continua

Crisi ed equity al tempo del Covid-19

La crisi economica, generata dall’emergenza sanitaria Covid-19, penalizza le scelte guidate dalla filosofia del "just in time"

Continua

4.0 in azienda: una scelta lungimirante e vincente

L'universo 4.0 è ancora oggi poco conosciuto e sfruttato dalle aziende. I consulenti Acanto vi spiegano perché puntare sull'innovazione è la scelta vincente

Continua

Invoice trading o anticipo fatture: uno dei 4 grandi strumenti di fina

Affidarsi solo alle banche può essere un limite. L'Invoice trading o anticipo fatture è uno dei 4 grandi strumenti di finanza alternativa da analizzare

Continua

Dopo l'Invoice Trading, altri tre strumenti di finanziamento alternativo alle banche

Pro e contro di tre strumenti di finanziamento alternativo: Equity crowfunding, Minibond e Basket Bond. Prima di scegliere, meglio affidarsi a consulenti competenti

Continua

Smart Working: pregi e difetti del lavoro agile (parte 2)

Smart working: tanti i vantaggi del nuovo sistema di lavoro. Le insidie? Sotto controllo, grazie alle dritte dei nostri consulenti

Continua