Sovraffollamento carcerario


La Suprema Corte di Cassazione interpreta in maniera favorevole al detenuto il modo per calcolare lo spazio minimo vitale
Sovraffollamento carcerario
Il caso
Tizio proponeva ricorso per cassazione avverso il provvedimento del Tribunale di Sorveglianza che aveva rigettato il reclamo con cui il Magistrato di Sorveglianza aveva ritenuto che nessuna violazione dei diritti del detenuto si fosse verificata.

In particolare, Tizio era risultato ristretto in una cella di 3,75 mq e di 4, 64 mq.

La Suprema Corte di Cassazione, in accoglimento del gravame di Tizio, ha ritenuto violato il suo diritto ad uno spazio minimo, perché la magistratura di sorveglianza aveva mal calcolato la superficie calpestabile.

La Suprema Corte, infatti, dopo aver ricordato gli approdi della giurisprudenza comunitaria (Torreggiani contro Italia, Mursic contro Croazia, etc.), ha affermato il principio di diritto secondo il quale nel computo della spazio vitale non vanno calcolati i servizi igienici, il letto e gli arredi fissi.

Se lo spazio residuo è inferiore ai tre metri, allora si sarà verificata la violazione dell’art. 3 Corte EDU; se, viceversa, come nel caso deciso dalla Suprema Corte, è compreso tra i tre ed i quattro metri, allora ci sarà il sospetto di trattamento inumano e degradante, che ricorrerà soltanto qualora la valutazione congiunta di altri elementi riguardanti lo stato detentivo indicherà che, in concreto, vi sia stato un trattamento non rispettoso del precetto della norma comunitaria.

Conclusioni
La sentenza si apprezza perché consolida quell’indirizzo giurisprudenziale che assicura al detenuto dello Stato italiano una tutela più ampia rispetto a quella riconosciuta in sede comunitaria.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Traffico di droga: nessuna confisca

No alla confisca “allargata” se l’associazione è dedita a traffici di sostanza stupefacente di lieve entità, possibile quella ex art. 240 c.p.p.

Continua

Mafiosi e misure di prevenzione: no ad automatismi

Devono essere accertati elementi sintomatici dell'attualità della pericolosità per l'applicazione di misure di prevenzione a condannati per mafia

Continua

Stalking: bastano due condotte?

Mano dura della Cassazione: sussiste il concorso tra il reato di stalking e quello di esercizio arbitrario delle proprie ragioni

Continua

Revoca patente guida e art. 7 Corte EDU

Sospetta illegittimità costituzionale della revoca della patente di guida al condannato per reati di stupefacenti

Continua

Revoca patente guida e art. 7 Corte EDU

Sospetta illegittimità costituzionale della revoca della patente di guida al condannato per reati di stupefacenti

Continua

416 bis c.p.: quando è reato?

Le condotte di mera contiguità, come la vicinanza o disponibilità nei riguardi di singoli mafiosi, anche di spicco, non integrano il reato

Continua

Interposizione fittizia e locazione di immobile

Nessun reato commette chi, pur con l’intento di occultare la propria presenza dentro un’attività commerciale, non l’acquista ma ne diventa locatario

Continua

Omicidio e concorso anomalo nel reato

Non sempre l’aiuto dato all’autore di un omicidio configura un’ipotesi di concorso in quel reato

Continua