Spese di custodia dei veicoli sequestrati


Opposizione al decreto di liquidazione delle spese di custodia dei veicoli oggetto di sequestro penale
Spese di custodia dei veicoli sequestrati
Nel caso di ricorso avverso il decreto di liquidazione delle spese di custodia per i beni oggetto di sequestro penale, si segnala l’intervento della Corte Costituzionale che con sentenza depositata il 12 maggio 2016 ha chiarito qual è il termine per proporre opposizione , ai sensi dell’art. 170 del d.P.R. n. 115 del 2002.

Il testo originario dell’art. 170 prevedeva, al comma 1, che «Avverso il decreto di pagamento emesso a favore dell’ausiliario del magistrato [...] il beneficiario e le parti processuali, compreso il pubblico ministero, possono proporre opposizione, entro venti giorni dall’avvenuta comunicazione, al presidente dell’ufficio giudiziario competente».

Detta disposizione è stata aggiornata con l’ art. 34, comma 17, del d.lgs. n. 150 del 2011, che ora solamente prevede che «avverso il decreto di pagamento emesso a favore dell’ausiliario del magistrato, [...] il beneficiario e le parti processuali, compreso il pubblico ministero, possono porre opposizione» e che «L’opposizione è disciplinata dall’articolo 15 del decreto legislativo 1° settembre 2011, n. 150».

A sua volta, anche il predetto art. 15 non fa, però, menzione alcuna del termine perentorio originariamente previsto per la proposizione della opposizione di che trattasi.

Sono sorte quindi diverse interpretazioni in punto di termine a ricorrere che oggi hanno trovato autorevole arresto nella pronuncia del giudice costituzionale.

La Corte infatti ha chiarito che il decreto di liquidazione del compenso all’ausiliario - emesso dal giudice che lo ha nominato ed opponibile (ex art. 15, comma 2, del predetto decreto legislativo) innanzi al capo dell’ufficio cui appartiene quel magistrato - debba considerarsi equiparato all’ordinanza del giudice monocratico, appellabile ex art. 702-quater cod. proc. civ. con la conseguenza che anche per l’atto di opposizione il termine per proporre opposizione è quello di trenta giorni.

Ricordiamo che l’iter processuale delle opposizioni alla liquidazione delle spese di custodia è regolato dal rito sommario di cognizione.

Il ricorso è proposto al capo dell’ufficio giudiziario cui appartiene il magistrato che ha emesso il provvedimento impugnato e le parti possono stare in giudizio personalmente senza necessità di assistenza di difensore.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Spese di recupero coattivo dei veicoli confiscati

Qual è l'autorità obbligata al pagamento delle spese di recupero del veicolo confiscato e precedentemente affidato al trasgressore

Continua

Alienazione straordinaria dei veicoli sequestrati

La corte di cassazione contesta la quantificazione delle spese di custodia dei veicoli nei depositi giudiziari e rimette gli atti alla Consulta

Continua

Affidamento dei veicoli sequestrati

Effetti pratici della circolare del ministero dell’interno n. 300 del 1 agosto 2014 avente ad oggetto l'affidamento dei veicoli sequestrati.

Continua

Spese di custodia dei veicoli sequestrati

Opposizione al decreto di liquidazione delle spese di custodia dei veicoli oggetto di sequestro penale.

Continua

Veicoli sequestrati: tariffe non remunerative

Commento al decreto del 2 settembre 2006 n. 265 riguardante le tariffe per l’indennità spettante al custode dei veicoli oggetto di sequestro penale

Continua

Gara per l'affidamento dei veicoli confiscati

Nuove gare per l'affidamento dei veicoli confiscati: la pubblica amministrazione non intende pagare il custode per il recupero coattivo del veicolo

Continua