Startup, 6 consigli per reperire fondi


Startup e risorse finanziarie: l’annosa questione del reperimento dei fondi. Sei utili consigli per la tua impresa nascente
Startup, 6 consigli per reperire fondi
Per fornire ai nostri lettori, alle startup che ci seguono e alle imprese in cerca di smart solution, abbiamo deciso di pubblicare dei consigli utili e delle risorse edute qualche giorno fa su starupworld.com il sito internet più popolare dedicato al mondo delle nuove imprese e dei nuovi approcci al mercato e all’innovazione.
Iniziare con le proprie forze: considerando che ogni "centesimo risparmiato è un centesimo guadagnato". Una delle soluzioni per farlo è mantenere propria la gestione del business, senza allargare la base decisionale dell’azienda ed evitando così di suddividere troppo le quote tra i soci.
Ricercare finanziamenti pubblici (o anche di enti privati): nell’articolo originale parla di seed funding poco diffusi in Europa ma non mancano anche qui in maniera ridotta e secondo specifiche deroghe al diritto comunitario (ad esempio consentendo ai pubblici poteri di finanziare le imprese per un ammontare non superiore a 200 mila euro). Università, premi dedicati, Mise e altri simili soggetti da anni si fanno promotori di finanziamenti a fondo perduto o a tasso agevolato per sostenere le imprese nascenti e negli ultimi anni s’è registrato un incremento considerevole nel settore delle startup.
Come nel caso del fondo rotativo della Camera di Commercio di Pisa per un periodo limitato l’ente subentra ai titolari nella direzione, ne semplifica l’ingresso nel mercato e ne garantisce risultati ottimali per poi lasciarla, già avviata nelle mani di chi comunque l’ha fondata. Questo budget iniziale se viene dall’esterno rappresenta una grande mano d’aiuto per l’acquisto di materiale, per gli stipendi, per l’affitto di attrezzature o edifici, infrastrutture, forniture e via discorrendo. Si tratta in sostanza di offrire una copertura, selezionando l’idea migliore da finanziare, per tutte quelle spese che per un impresa nascente rappresenterebbero degli oneri gravosi.
Ordinare le priorità: è fondamentale per capire i costi e le spese possedere e organizzare un piano d’azione puntuale e preciso, il business plan non può non tenere conto degli obiettivi che si desiderano raggiungere poiché è in base a questi che si definirà il quantum dovuto e il finanziamento da ottenere per ognuna delle voci selezionate. Ad esempio ci sarà un tot da destinare a ricerche di mercato, un altro per promuovere l’attività con azioni di marketing (utili anche queste per attivare investitori), altre ancora per partecipare a fiere e convegni, quelle per l’acquisto di questa o quell’attrezzatura. Ogni punto poi deve essere definito temporalmente e secondo ordini di priorità per realizzare con coerenza un piano di finanziamento ottimale, senza sprechi, scongiurando ogni pericolo di fallimento.
Scegliere accuratamente gli investitori: le liste sono infinite, gli investirori sono di ogni tipo, Angel funder, venture capitalist, consorzi, grandi colossi commerciali di settore ed è opportuno che si selezioni quello che (prescindendo dalle quote) potrà garantire una crescita esperenziale più formativa rispetto alle altre. Si può addirittura studiare (ove possibile) un incrocio tra più investitori, preferendo magari quelli che si trovano concettualmente e professionalmente più vicini all’idea di business e alle caratteristiche che la startup porta con sé.
Affidarsi ai professionisti (sempre): quando avrai ottenuto i fondi consulta o assumi specialisti per il settore legale e finanziario per una corrette ed efficiente gestione interna. I "copia e incolla" dei contratti sono da evitare Dotati di una strategia legale inattaccabile e di modelli fiscali che non siano solo fonte di problemi a causa di un sovrastimato "fai da te".
Pianificate le vostre finanze: pur in assenza temporanea di competenze e strumenti consolidati per la loro gestione, elenca tutte le spese sostenute, quelle da sostenere, le fonti dalle quali provengono e i destinatari. Avere un quadro essenziale del percorso da affrontare, soprattutto in fase di apertura è la condizione basilare per valutare con cura le esigenze dell’impresa e la pianificazione delle azioni future. Esser consapevoli di quanto "giace in cassa" e del potenziale di crescita del business potrà servire anche in fase di incontro con possibili investitori che sapranno direttamente dalla fonte quanto la partecipazione potrà fruttare loro.

Articolo del:


di Studio Rubino

Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse