Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Sulla natura giuridica dell'acquisizione dell'immobile abusivo da parte del Comune


Che cos'è l'acquisizione gratuita dell'immobile abusivo al patrimonio comunale? E' una sanzione?
Sulla natura giuridica dell'acquisizione dell'immobile abusivo da parte del Comune

E’ possibile raggruppare in quattro grandi momenti l’evoluzione del sistema normativo di repressione dell’abuso edilizio nel periodo che va dal 1942  ad oggi.

Il primo testo legislativo che ha offerto una disciplina organica in materia di sanzioni urbanistiche è rinvenibile nella legge 17 agosto  1942 n. 1150. Con tale normativa il legislatore introdusse un sistema binario di sanzioni amministrative e penali finalizzate alla repressione dell’abuso edilizio. Le due autorità preposte alla vigilanza edilizia furono individuate da quel momento nel Sindaco, per la parte amministrativa e, nel Giudice penale, per quella propriamente giudiziaria. L’autorità comunale era titolare di un potere di ordinanza di sospensione dei lavori di costruzione abusiva, con riserva dei provvedimenti necessari per la modifica delle costruzioni o per la rimessa in pristino (art. 32 , secondo comma). Il Sindaco aveva anche il potere di ordinare, previa diffida e sentito il parere della sezione urbanistica compartimentale, la demolizione a spese del contravventore senza pregiudizio  delle sanzioni penali (art. 32, terzo comma), nonché, di applicare una sanzione amministrativa pari al valore venale delle opere di cui non  fosse possibile la demolizione (art. 41, terzo comma). Il fatto che nella disciplina della legge n. 1150 del 1942 le sole sanzioni previste fossero quelle di carattere reale della demolizione e della riduzione in pristino, finì per porre  difficili problemi in quei casi -relativi soprattutto alle difformità parziali dal titolo - nei quali  sussistesse un’inseparabile connessione tra la parte  dell’opera secundum legem e la parte realizzata in difformità dal titolo.

Per superare detti inconvenienti, fu introdotta - con la legge 6.8.1967 n. 765 - una nuova disposizione  che contemplava, quando l’adozione della sanzione reale non fosse risultata possibile (id est, in fatto non eseguibile), una sanzione patrimoniale pari al valore dell’intervento abusivo.

Tuttavia, una vera e propria svolta nel sistema sanzionatorio degli abusi edilizi venne introdotta solo con  la Legge 1. 28.1.1977 n, 10, concernente la disciplina per l’edificabilità dei suoli. Le novità apportate dalla legge cosiddetta “Bucalossi” furono molteplici, in particolare, nell’ambito del sistema sanzionatorio ove, per la prima volta, compare l’istituto dell’acquisizione gratuita. L’introduzione, all’art. 15 della legge n.10/1977, del provvedimento di acquisizione apparve come una clamorosa iniziativa del legislatore e fu vista come una vera e propria  svolta nella lotta all’abusivismo edilizio da parte dei pubblici poteri.  L’istituto suscitò subito particolare interesse sia per la singolarità e la portata innovativa della sanzione, che per l’intenzione di porre un serio deterrente all’abusivismo. La norma diede luogo a differenti interpretazioni per quanto riguarda taluni aspetti più controversi, come, per citarne uno, i limiti di estensione dell’area che il Comune poteva  confiscare: se essa fosse, cioè, quella su cui l’opera materialmente insisteva, oppure anche le relative pertinenze, o quanto  meno, la parte  necessaria a garantire il rispetto  delle distanze dai confini e l’accesso dalla via pubblica.

Questi ed altri aspetti furono chiariti dalla legge 28.21985 n. 47 (cd. legge sul condono edilizio) che approntò la disciplina  dell’istituto in esame, all’art. 7, introducendo non trascurabili elementi innovativi, afferenti profili sostanziali e formali del procedimento sanzionatorio degli illeciti edilizi. Tra i primi veniva previsto che il Comune acquisisse non solo le opere eseguite e l’area di sedime, ma anche l’area necessaria, secondo  le prescrizioni  urbanistiche in vigore, alla realizzazione di opere analoghe, fino al limite massimo del decuplo  dell’area utilizzata  per la realizzazione dell’opera abusiva. La normativa  ha precisato che per area di sedime acquisibile al patrimonio pubblico s’intende l’intero lotto edificabile nonché le cosiddette pertinenze  urbanistiche. Inoltre, a differenza della 1. Bucalossi, che prevedeva l’acquisizione a favore del “patrimonio indisponibile del comune”, l’art. 7 della legge sul condono edilizio parla, più genericamente, di “patrimonio del comune”, senza ulteriori specificazioni.

Ed ancora, la legge n. 47 del l985 modifica ed estende l’ambito di individuazione dell’illecito edilizio sanzionato con acquisizione gratuita, comprendendovi, oltre alle opere realizzare in assenza di concessione o in totale difformità, anche  quelle eseguite con variazioni essenziali rispetto al progetto originario. Sicché la confisca non riguarda solo le attività urbanistico-edilizie illegittime ab origine, ma tutti gli interventi modificativi posti in essere in mancanza dei necessari provvedimenti concessori.

L’istituto dell’acquisizione delineate dall’art. 7 della  l. n. 47/85 è rimasto sostanzialmente immutato nella previsione dell’art. 31 del D.P.R. 6.6.2001 n. 380. La coincidenza testuale, quasi assoluta, delle disposizioni del T.U. sull’edilizia, nella parte riguardante il regime sanzionatorio, rispetto alla disciplina precedente trova una propria puntuale giustificazione sul piano giuridico. Ed, infatti, le norme in esame per la loro incontestabile natura sanzionatoria devono essere introdotte solo da fonte di rango primario, non potendo essere modificate, attraverso il sistema della delegificazione di cui all’art. 20. della 1. 59/97 e della 1. 24.11.00 n. 340.

A ciò aggiungasi che il Testo Unico ha natura meramente compilativa, fondandosi sulla delega prevista dall’art. 7 della 1. 8.3.99 n. 50 e, pertanto, risulta inidoneo a modificare in sede di compilazione, la portata e gli effetti  di una norma sanzionatoria. Diversamente opinando, presterebbe il fianco a censure di illegittimità costituzionale per violazione dei limiti di cui all’art. 77 Cost., ovvero, per eccesso di delega.

Ciò premesso, sono, comunque, rinvenibili - nel raffronto tra l’art. 7 della 1.47/85 e la nuova formulazione dell’art. 31 del T.U. sull’edilizia - delle novità, per lo più di ordine formale. Innanzitutto differenze  si registrano sotto il profilo dei soggetti legittimati all’esercizio dei poteri sanzionatori.

Il testo unico in materia edilizia recepisce il primario ruolo della dirigenza nella gestione dell’ente locale, riconosciuto dal d.lgs. n. 267/00  ed adegua a tali principi le proprie prescrizioni normative, sostituendo alla competenza del Sindaco quella “del dirigente o del responsabile del competente ufficio comunale”.

Un ulteriore cambiamento è quello che riflette la nuova distinzione dell’attività edificatoria correlata, a seconda dei casi, al permesso di costruire o alla denuncia di inizio attività.

E’ evidente, che anche in questo caso trattasi di un mutamento meramente formale o di carattere terminologico, derivante dalla predisposizione di un regime edificatorio innovativo e dalla nuova denominazione degli strumenti abilitativi ivi contemplati.

Una novità di carattere sostanziale è, invece, quella riguardante l’individuazione dell’area oggetto di confisca. In particolare, la nuova disciplina consente di superare alcune obiezioni, con particolare riferimento alla preventiva e specifica individuazione delle opere da demolire e da acquisire in  caso di inottemperanza.

Infatti, ai sensi del comma 2 dell’art. 31 del testo unico in materia edilizia, che modifica il comma 2 dell’art. 7 della 1. 47/85  “il dirigente o il responsabile del competente ufficio comunale ingiunge al proprietario e al responsabile dell’abuso la rimozione o la demolizione, indicando nel provvedimento l’area che viene acquisita di diritto, ai sensi dci comma 3”.

A tal proposito e utile segnare l’indirizzo giurisprudenziale, secondo cui - ai fini della legittimità  del provvedimento  di acquisizione - mentre per l’area di sedime l’automatismo dell’effetto acquisitivo rende superflua ogni motivazione sul punto, l’individuazione di un’area ulteriore da acquisire deve essere, invece, giustificata dalla ricorrenza di una esplicitazione delle opere necessarie  ai fini urbanistico-edilizi che siano destinate ad occupare l’intera zona di terreno che il Comune intende acquisire (TAR Campania, Napoli, sez. VII, n. 9524/08, in cui si richiamano precedenti conformi del medesimo Collegio, n. 2780/07 e n. 4336/05; TAR Piemonte, Torino, sez. I, 22.1.08 n. 65; TAR Campania, Napoli, sez. III,10.4.07 n. 3198).

Alla luce del segnalato orientamento, potrebbero prestare il fianco a censure quei provveddimenti in cui viene indistintamente disposta l’acquisizione “dell’area necessaria secondo le vigenti prescrizioni urbanistiche” senza una delimitazione quantitativa motivata in rapporto ai parametri normativi di cui al citato comma  3 dell’art. 31 del D.P.R. n. 380/01. 

Nell’ambito del vigente procedimento di acquisizione è possibile individuare diversi momenti. Una prima fase preparatoria scaturisce dall’accertamento dell’abuso edilizio effettuato dagli uffici tecnici comunali ed e diretta a descrivere  e qualificare esattamente le opere realizzate in assenza  e o difformità dai titoli abilitativi . Nell’ambito di questa fase s’inserisce Ia verifica della difformità delle opere dalle norme o dalle disposizioni di piano regolatore o degli strumenti urbanistici vigenti.

La fase preparatoria non è autonomamente impugnabile, mentre, sul piano delle garanzie partecipative costituisce il primo momento in cui il responsabile dell’abuso può partecipare al procedimento sanzionatorio, rendendo eventuali dichiarazioni e osservazioni in sede di verbale di accertamento. A seguito dell’accertamento delle irregolarità edilizie, il dirigente o il responsabile dell’ufficio tecnico è obbligato ad adottare l’ordinanza di demolizione.

Quest’ultimo provvedimento, sostanzialmente assimilabile alla diffida a demolire già prevista dall’art. 32 della L.1150/1042,  reca l’intimazione a demolire, entro 90 giorni dalla notifica, l’opera abusiva e a ripristinare il preesistente stato dei luoghi. Il provvedimento deve necessariamente identificare il soggetto passivo e l’oggetto dell’acquisizione; in particolare, deve contenere quelle indicazioni formali (descrizione delle  opere abusive, specificazione dei confini e dei dati catastali dell’area) che, in caso di inottemperanza, sono necessarie per trascrivere nei registri immobiliari l’acquisizione dell’immobile e della  relativa area di sedime.

Destinatario del provvedimento demolitorio non è solo il responsabile dell’abuso, dovendo l’ingiunzione essere notificata anche al proprietario dell’immobile abusivo e del suolo, affinché lo stesso pur se non responsabile dell’abuso, possa attivarsi ai fini della demolizione. 

Fin d’ora si anticipa, che l’omessa notifica al proprietario potrebbe precludere l’acquisizione dell’immobile abusivo al patrimonio comunale. Se il responsabile dell’abuso non provvede alla demolizione e al ripristino dello stato dci luoghi nel termine di novanta giorni dall’ingiunzione si verifica ope legis l’acquisizione gratuita al patrimonio comunale dell’opera abusiva, della relativa area di sedime, nonché dell’ulteriore superficie astrattamente necessaria secondo le disposizioni urbanistiche vigenti ed in base all’indice di fabbricabilità della zona per la realizzazione di opere analoghe a quella abusiva.

L’acquisizione avviene a titolo originario e di diritto, ossia per la mera decorrenza del termine intimato sicché, il successivo atto di accertamento dell’inottemperanza all’ingiunzione disciplinato dal 4° comma dell’art 31 notificato all’interessato, verificata l’esistenza dci due presupposti legali, acclara un effetto già realizzato e precostituisce un titolo per l’immissione nel possesso e per Ia trascrizione nei registri immobiliari, eseguita gratuitamente.

Nelle intenzioni del legislatore, l’acquisizione al  patrimonio comunale si atteggia, quindi, ad atto dovuto senza alcun contenuto discrezionale, subordinato unicamente all’accertamento dell’inottemperanza ed al decorso del termine di legge.

In merito al primo presupposto, la stessa dizione legislativa, non richiede che il soggetto sia “soggettivamente” (cioè dolosamente o colposamente) responsabile dell’omessa demolizione, sembra, infatti.  che non rilevi l’imputabilità dell’inottemperanza.

In senso contrario si è, invece, obiettato che Ia natura sostanzialmente sanzionatoria della misura richiede, quale ulteriore indefettibile presupposto, l’addebitabilità giuridica dell’inottemperanza, intesa come volontarietà dell’inosservanza da parte del responsabile dell’abuso.

Proprio la rilevanza  o meno dell’imputabilità dell’inottemperanza ha costituito il crinale sul quale si sono scontrati i due opposti filoni sulla natura costitutiva o dichiarativa dell’atto di accertamento.

Ed è quindi doveroso far riferimento in tal sede alla sua natura giuridica, per cosi dire controversa.  La giurisprudenza che si e venuta a formare quest’ultima non è affatto univoca. Varietà e divergenze di posizioni si registrano anche in dottrina, ove l’acquisizione risulta diversamente configurata. In sintesi, si sono delineati due criteri interpretativi principali tra i quali hanno trovato spazio diversificazioni intermedie con conseguenze sia sul piano sostanziale e processuale, evidentemente diverse.

Una prima impostazione ritiene l’acquisizione gratuita atto vincolato ed automatico, operante sul presupposto dell’inerzia del privato all’ordinanza demolitoria nel termine intimato per il ripristino.

L’altra corrente di pensiero considera, invece, demolizione e acquisizione alternative, sicché l’acquisizione può avere attuazione esclusivamente una volta compiuta la verifica del presupposti legislativamente statuiti dall’art. 31 D.P.R n. 380 del 2001.

Le posizioni, a parer mio, meritano un approfondimento.

Il primo filone giurisprudenziale, che appare più aderente alla lettera della legge, ravvisa il titolo per il trasferimento coattivo del bene in due elementi  tra loro stretta­ mente collegati: un fatto naturale, come il decorso del tempo e l’omissione da parte del responsabile dell’abuso dell’attività demolitoria intimata dall’ordinanza di ripristino. Il successivo atto di cui al. quarto comma dell’art. 31 sarebbe, sempre secondo i sostenitori di questo indirizzo,  destinato ad acclarare un effetto già realizzatosi, verificando l’esistenza dei due requisiti legali e precostituirebbe titolo per l’immissione nel possesso e Ia trascrizione nei registri immobiliari.

L’acquisizione, essendo strettamente connessa all’inerzia del privato a fronte dell’ingiunzione di demolizione, dovrebbe ritenersi conseguenza di un accertamento, di una circostanza (quale appunto l’inottemperanza), e non potrebbe essere considerata una fase procedimentale autonoma ed avulsa dalle precedenti fasi. 

Da detta configurazione dell’istituto, discendono una serie di implicazioni, sia sul versante del procedimento , che della tutela giurisdizionale. Sotto il primo profilo, quello della vincolatività degli atti si fa scaturire l’esonero dall’osservanza delle garanzie partecipative.

Dal punto di vista processuale, si afferma. invece, l’inammissibilità, per carenza di interesse, dell’autonoma impugnazione dell’atto di accertamento dell’inottemperanza, argomentandosi che, in mancanza di tempestiva impugnazione dell’ingiunzione di demolizione, l’effetto acquisitivo di diritto, si sarebbe già realizzato con lo scadere del termine assegnato per Ia demolizione, sicché nessun interesse porrebbe più essere riconosciuto al proprietario del bene una volta che detta proprietà viene trasferita di diritto al Comune.

Incertezze e dubbi già paventati da autorevole dottrina in merito alla natura meramente dichiarativa dell’acquisizione, non hanno, tuttavia; tardato ad insinuarsi anche nelle decisioni dei giudici  amministrativi, cosi da far apparire l’automaticità dell’acquisto sempre meno scontata, sempre meno automatica.

Senza pretendere qui di affrontare in maniera approfondita l’esame della natura dell’atto di accertamento di cui al quarto comma dell’articolo in esame, ciò che preme sottolineare è la difficolta di conciliare la pretesa automaticità dell’acquisizione gratuita, che sembrerebbe derivare dalla lettera della legge, con la necessità, emergente .dalla realtà pratica, di un atto concreto di accertamento che stabilisca, caso per caso, quando l’ingiunzione possa ritenersi adempiuta o meno.

Le premesse e le conclusioni di quel filone giurisprudenziale favorevole all’automaticità degli effetti ablatori sono state smentite e confutate da una nota sentenza della Corte costituzionale in tema di acquisizione gratuita.

La questione di legittimità costituzionale relativamente all’art. 7 della l. n.47/85 era stata prospettata dal giudice a quo (TAR Lazio ordinanza di rimessione dell’ 11.6.90).  Era stata seguita, quale presupposto dell’ordinanza de quo, l’interpretazione secondo cui la norma, nel caso di inottemperanza all’ingiunzione a demolire, prevedesse l’acquisizione gratuita dell’immobile, dell’area di sedime e di quella circostante urbanisticamente necessaria, anche qualora il responsabile dell’abuso fosse un soggetto diverso dal proprietario e questi non avesse potuto impedire la perpetrazione dell’illecito.

La Consulta con Sentenza n. 345 del 1991, ha dichiarato non fondata la questione, basandosi sull’automatismo acquisizione/inottemperanza all’ingiunzione a demolire e sulla natura prevalentemente afflittiva di data  sanzione, ricollegabile alla sua funzione dissuasiva circa la non ottemperanza all’ordine di demolizione, rilevando che la cosiddetta confisca punisce non l’abuso edilizio, bensì detta inottemperanza.

Onde, ammetteva la Corte Costituzionale, questa non può riferirsi al proprietario estraneo all’abuso, poiché ciò contrasterebbe con Ia ratio dell’acquisizione, “in quanto la perdita dell’area di sedime e di quella di pertinenza non potrebbe esercitare un’azione sul responsabile dell’abuso per costringerlo ad eseguire Ia demolizione essendo egli indifferente la sorte di tali beni. In queste ipotesi, non opererebbe Ia confisca, ma il potere di autotutela esecutiva”.

Si evidenzia, infatti, che,  l’ingiunzione a demolire è, come tutti  i provvedimenti amministrativi , dotata del carattere dell’esecutorietà, differita alla scadenza del termine assegnato al contravventore, sicché Ia P.A. dispone del materiale potere di esecuzione d’ufficio.

La Consulta ha inequivocabilmente chiarito che, l’acquisizione dell’area di sedime e di quella necessaria, secondo le disposizioni urbanistiche, alla realizzazione di opere analoghe a quelle abusive prevista dall’art. 7 della legge n. 47/85  non é una misura  strumentale, per consentire al Comune di eseguire Ia demolizione, né una sanzione accessoria di questa, ma costituisce una sanzione autonoma che consegue all’inottemperanza all’ingiunzione di demolizione, abilitando il Sindaco ad una scelta fra Ia demolizione di ufficio e la conservazione  del bene, definitivamente già acquisito.

Dunque, secondo Ia Corte essendo l’acquisizione gratuita una sanzione prevista per l’inottemperanza all’ingiunzione di demolizione ed assolvendo ad una funzione di prevenzione speciale, essa, come risulta dalla stessa formulazione del terzo comma dell’art. 7 della 1. 47/85,  si riferisce esclusivamente al responsabile dell’abuso e non opera, come avviene talvolta per la confisca, quando questa costituisce una misura accessoria di altra sanzione o misura strumentale diretta ad impedire l’ulteriore produzione dell’illecito o l’utilizzazione dei proventi di questo,  nella sfera di altri soggetti, ed in particolare, del proprietario  dell’area, quando risulti inequivocabilmente la sua completa estraneità al compimento dell’opera abusiva o qualora egli, essendone venuto a conoscenza, si sia adoperato per impedirlo con tutti gil strumenti offertigli dall’ordinamento. 

La pronuncia della Corte costituzionale ha, dunque, scisso le due sanzioni della demolizione, che consegue sempre alla commissione dell’abuso edilizio-urbanistico, e dell’acquisizione, correlata, invece, all’inottemperanza dell’ingiunzione a demolire con carattere afflittivo e dissuasivo e quindi applicabile nelle ipotesi in cui svolga detta funzione.

Poiché, dalla ricostruzione della pronuncia n. 345 del 1991 della Corte Costituzionale si desume inequivocabilmente l’illegittimità del provvedimento che disponga l’acquisizione allorché il proprietario dell’area risulti estraneo all’illecito edilizio, l’amministrazione comunale non può fare a meno di accertare Ia condotta di quest’ultimo successiva alla  notifica dell’ingiunzione consentendo al proprietario, in sede istruttoria, di dimostrare eventualmente la sua estraneità all’abuso. Il provvedimento di acquisizione, pertanto, non ha affatto natura meramente ricognitiva di un evento già compiutamente verificatosi ipso iure,  ma è il risultato di una complessa attività di accertamento, articolata secondo precise scansioni procedimentali il cui esito ne condiziona l’efficacia.

La natura costitutiva del provvedimento di acquisizione deriva dal fatto che, con esso, non solo si verifica che non è stato ottemperato, nel termine stabilito, l’ingiunzione, ma che tale comportamento inadempiente è volontario nel senso anzidetto ovvero non dovuto ad obiettiva impossibilita di adempiere.

Consegue che il provvedimento di acquisizione non può considerarsi un atto meramente esecutivo o necessariamente consequenziale alla diffida (o all’inottemperanza ad essa), ma va inteso come un atto contenente la manifestazione di un autonomo potere dell’Amministrazione.

Ragion per cui, restando l’unicità del potere esercitato nel reprimere un abuso edilizio, l’ingiunzione a demolire e l’acquisizione costituiscono due distinte manifestazioni di volontà e pertanto possono formare oggetto di sindacato giurisdizionale anche separatamente.

Le conseguenze derivanti dalla pronuncia della Corte Costituzionale e segnatamente dal superamento dell’automatismo tra inottemperanza all’ingiunzione e acquisizione, si sono spinte sino alla prospettazione della possibilità di sanzionare gli illeciti edilizi di cui all’art. 31 del D.P.R. 380/01 addirittura prescindendo dall’acquisizione gratuita al patrimonio comunale dell’immobile  abusivo

Partendo, infatti,  dal principio affermato dal Giudice delle Leggi, secondo cui “l’operatività dell’ingiunzione a demolire non presuppone  sempre necessariamente la preventiva acquisizione dell’immobile al patrimonio comunale perché l’ingiunzione è un  procedimento amministrativo di natura autoritativa assistita dal carattere della esecutorietà che consiste nel potere dovere degli organi amministrativi di dare esecuzione ai provvedimenti da essi stessi emanati” si è  addivenuti, in sede giurisprudenziale, ad un’originale interpretazione dell’art. 31 nel senso di ritenere che esso consenta al Comune, nell’ambito dei propri  poteri di vigilanza sull’attività edilizia, di esercitare sempre, anche d’ufficio e sui beni in proprietà di privati, poteri sanzionatori e funzioni ripristinatorie, individuando quindi i singoli casi, con ragionevolezza quale sia l’interesse pubblico da tutelare e quale sia la più idonea modalità di esercizio di tale tutela.

Alla stregua di tale orientamento, il Comune potrebbe prescindere dall’acquisizione dell’area nel caso in cui l’attribuzione al patrimonio pubblico non sia conveniente ed opportuna quanto ai costi di acquisizione dell’area e a utilità di occupazione dell’area immediatamente limitrofa al manufatto abusivo.

Si tratta, beninteso di una  valutazione, di volta in volta,  demandata  all’Amministrazione.

Non v’è dubbio che anche in questi casi il Comune è tenuto  a provvedere d’ufficio alla demolizione, attivando una procedura che oltre a prevedere l’esatta individuazione di ciò che dovrà essere demolito e ad attestare l’inottemperanza del responsabile dell’abuso, prevederà, in luogo dell’acquisizione, un provvedimento che dispone  e, quindi, autorizza  l’immissione temporanea nel possesso dell’area necessaria alla realizzazione dell’intervento demolitorio.

In detto titolo autorizzante l’occupazione  temporanea saranno  indicate le modalità  e la tempistica di esecuzione  della demolizione  e le ragioni pubblicistiche poste alla base del provvedimento (realizzazione di un abuso edilizio, inottemperanza all’ordine di  demolizione, inopportunità dell’acquisizione dell’area al patrimonio pubblico, esigenze ripristinatorie dello stato dei luoghi,  ecc.).

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Immobili abusivi su aree vincolate: la sanzione pecuniaria

La sanzione pecuniaria ex art. 31 comma 4 bis T.U.E si applica anche a quelli edificati prima dell’entrata in vigore della norma (Cfr. Tar Campania Salerno 380/2018)

Continua

Immobile costruito in virtù del permesso di costruire annullato

L'immobile costruito su PDC poi annullato può essere sanato con la fiscalizzazione ex art. 38 solo se compatibile con le norme urbanistiche

Continua

I consorzi e gli appalti: principi e patti parasociali

I consorzi e la partecipazione alle procedure di evidenza pubblica (I Parte)

Continua

I consorzi e gli appalti: la disciplina nel nuovo codice degli appalti

Ecco come il Decreto legislativo 50/2016 disciplina i consorzi

Continua

I consorzi e gli appalti: requisiti, qualifiche e avvalimento

Quali sono i requisiti perchè il consorzio possa partecipare a una procedura di evidenza pubblica. Si può fare ricorso all'avvalimento

Continua

Autorizzazione paesaggistica, cos'è e quando serve?

Ecco quali sono i casi in cui occorre l'autorizzazione paesaggistica e quelli in cui è esclusa

Continua

Non si può sostituire la demolizione con la sanzione pecuniaria

Con sentenza n. 223 la Corte costituzionale ha dichiarato incostituzionale l'art. 47 della legge regionale della Basilicata n.11  del 29 giugno 2018

Continua

Tettoia o pergotenda? Gli elementi per distinguerle

Il CdS e il Tar Campania spiegano quando la struttura rientra tra le opere di edilizia libera e quando è necessario il permesso di costruire

Continua

L’abrogazione del rito appalti super accelerato

L'abrogazione si applica alle procedure di gara già avviate e ancora in corso. E' quanto affermato dalla Sentenza Cons. Stato, sez. V, 5 agosto 2020, n. 4927

Continua

L’Adunanza plenaria pronuncia sulla nullità delle clausole del bando

Con Sentenza n. 22 del 16 ottobre 2020, n. 22 l'adunanza Plenaria si è anche pronunciata sulla nullità della subordinazione dell’avvalimento

Continua

Immobile abusivo: acquisizione al patrimonio comunale e utilizzo a fini sociali

Non sempre l'immobile, abusivo dopo la sua acquisizione al patrimonio comunale, deve essere demolito. Può essere utilizzabile per fini sociali

Continua

L'accertamento di conformità. Una sanatoria postuma dell'abuso?

L’accertamento di conformità dell’abuso dalla legge 47/1985 in poi. Un atto presupposto. La conformità agli strumenti urbanistici al fine di ottenere la sanatoria

Continua

Condono e sanatoria: cosa prevedono e quali sono le differenze

Le principali distinzioni tra la sanatoria edilizia e il condono generalizzato

Continua

La sanatoria paesaggistica nel nuovo Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio

Il problema della percettibilità visiva nell'ambito della sanatoria paesaggistica

Continua

La pergotenda può essere realizzata senza permesso a costruire?

Il Consiglio di Stato n.840/2021 chiarisce quando per la realizzazione della pergotenda non v'è la necessità del permesso di costruire

Continua

I limiti al sub-appalto nei contratti sottosoglia

Le limitazioni al sub appalto nei contratti sottosoglia e soprasoglia secondo il T.a.r, Lazio con Sentenza n. 1575/2021

Continua

Accertamento di conformità e termine per pagare l'oblazione

Con una propria sentenza, il Consiglio di Stato chiarisce che il termine per il versamento dell'oblazione ex art. 36 d.p.r. 380/2001 è ordinatorio

Continua

Fiscalizzazione degli abusi, no in area vincolata

La Corte di Cassazione con Sentenza n. 3579 del 28 gennaio 2021 esclude che per gli abusi in area vincolata possa essere applicata la fiscalizzazione

Continua

I requisiti per l'accesso al condono ed alla doppia conformità

Il Consiglio di Stato con sentenza 1403 del 2021 chiarisce ancora una volta il carattere dirimente dei profili per l'accesso al condono e alla doppia conformità

Continua

Il condono parziale non blocca l'ingiunzione demolitoria penale

Il rilascio della sanatoria edilizia non determina in automatico la sospensione o la revoca dell'ordine di demolizione impartito dal giudice penale

Continua

L'anonimato nei pubblici concorsi, una controversa figura sintomatica

Le prove concorsuali del pubblico concorso e il diritto all'anonimato di chi vi concorre

Continua

L'anonimato nei pubblici concorsi, secondo la Costituzione

Il diritto all'anonimato nei pubblici concorsi secondo la carta costituzionale del 1948

Continua

L'anonimato nei pubblici concorsi e l'A.P. del Consiglio di Stato

Commento integrale alla Sentenza dell'Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato n. 26 del 2013

Continua

Il Governo del territorio e la carta costituzionale riformata

Come la riforma del titolo V ha inciso sulla potestà pianificatoria degli enti locali. Che cosa si intende per governo del territorio?

Continua

Il “controverso” Governo del Territorio

L’autorevole contributo della Corte Costituzionale alla problematica interpretativa. Verso un nuovo Governo del Territorio, quale sintesi di urbanistica ed edilizia

Continua

Con la C.i.l.a. si può sanare un abuso edilizio?

Con la Sentenza del T.a.r. Campania Napoli n. 1273 del 25 febbraio 2021 si individuano i limiti al ricorso allo strumento semplificato previsto dal D.P.R. 380/2001

Continua

No alla C.i.l.a. per realizzare manufatti temporanei in zona vincolata

La Corte di Cassazione con Ordinanza n. 29104 del 18.12.2020 chiarisce che, in area vincolata, le opere temporanee possono essere realizzate solo con s.c.i.a o p.d.c.

Continua

Condono e sanatoria edilizia, quali sono le differenze?

Le principali differenze tra il condono edilizio e la sanatoria, un rapporto da ricostruire tra un provvedimento di carattere generale e l'atto amministrativo speciale

Continua

No all'accertamento di conformità nelle zone vincolate

Lo chiarisce in una sentenza il Consiglio di Stato con la quale si riflette ancora sul concetto di pertinenza urbanistica

Continua

Costruzione su parti comuni, occorre il consenso del condominio

Anche che nel caso di interventi in sanatoria occorre un nuovo deposito sismico ai sensi della normativa vigente al tempo di presentazione dell'istanza

Continua

Illegittima la proroga delle concessioni demaniali marittime

Il T.a.r. Toscana chiarisce che è illegittimo prorogare le concessioni demaniali marittime senza esperire procedure di evidenza pubblica

Continua

Il diritto di accesso agli atti amministrativi

Il giudizio ex art. 116 c.p.a, i presupposti, il potere sostitutivo del giudice amministrativo e l'accesso finalizzato alle indagini difensive

Continua

Veranda abusiva non demolita, ok all'ingiunzione al nuovo proprietario

Il Consiglio di Stato, legittima l'ingiunzione al nuovo proprietario in quanto è soggetto in grado di rimuovere concretamente l'abuso

Continua

No al principio della rotazione nelle procedure aperte

Il Consiglio di Stato statuisce che se una concorrente si è aggiudicata una procedura negoziata può anche partecipare a una successiva procedura aperta

Continua

Inammissibile la domanda di condono nel caso di frazionamento

La Corte di Cassazione sostiene l'inammissibilità della domanda di condono nel caso in cui vi sia stato il frazionamento dell'immobile per aggirare i limiti volumetrici

Continua

Strutture temporanee, alla scadenza dell'autorizzazione vanno rimosse

Legittimità l'ordinanza di rimozione della struttura anche in pendenza del nuovo iter. Legittimo il diniego alla nuova autorizzazione in assenza della demolizione

Continua

Vizi dell'immobile, no alla responsabilità solidale ex art. 2055

La Corte di Cassazione stabilisce che il vincolo non sussiste se all'inadempimento dell'appaltatore è estraneo il direttore dei lavori ed il progettista

Continua

Pagare l'oblazione non equivale a presentare domanda di condono

Il Consiglio di Stato con propria sentenza ha chiarito che pagare l'oblazione e non presentare la domanda entro il termine, comporta che la domanda è inammissibile

Continua

Opere vicino al confine, quando vige l'esenzione ex art. 874 c.c.

La Corte di Cassazione con propria sentenza n. 5335 del 2021 chiarisce i limiti applicativi dell'esenzione prevista dal codice civile all'art. 874

Continua

Imu su immobili condonati, sì alle pretese retroattive

La Corte di Cassazione afferma che è legittima la pretesta fiscale con decorrenza dall'accatastamento, se l'opera era stata ultimata e quindi utilizzata come residenza

Continua

Condono, spetta al privato dimostrare la proprietà dell'area

Il Consiglio di Stato stabilisce che è onere del privato dimostrare la piena proprietà dell'area dove sono stati realizzati gli abusi edilizi

Continua

Lottizzazione abusiva, da quando decorre la prescrizione?

La Corte di Cassazione con sentenza n. 12459 del 1 aprile 2021 chiarisce quando la lottizzazione abusiva debba dirsi consumata e da quando decorre la prescrizione

Continua

Scioglimento dei Comuni per mafia, l'interesse a impugnare

Il Consiglio di Stato si interroga su quale sia l'interesse a impugnare il decreto presidenziale con il quale l'ente locale viene sciolto per infiltrazioni malavitose

Continua

Ordine di demolizione irrevocabile, fiscalizzazione e prescrizione

La Corte di Cassazione chiarisce quando l'ordine di demolizione in sede penale può essere revocato in virtù dell'istaurato procedimento di sanatoria edilizia

Continua

Opere amovibili, la modifica del suolo necessita del permesso

Secondo una recentissima sentenza della Corte di Cassazione, se le opere amovibili comportano una modifica dello stato dei luoghi è necessario il rilascio dei titoli

Continua

La motivazione postuma e la convalida dell'atto amministrativo viziato

Con la Sentenza n3385 del 27 aprile del 2021 il Consiglio di Stato ha enucleato principi relativi alla conservazione degli effetti di un atto amministrativo illegittimo

Continua

Annullamento del permesso a costruire in sanatoria e vincoli

Il Consiglio di Stato con sentenza 2852 del 2021 bacchetta un Comune che aveva annullato un p.d.c. in sanatoria per la presenza della fascia di rispetto cimiteriale

Continua

Permesso a costruire in sanatoria, chi ha legittimazione a richiederlo

Il Consiglio di Stato si occupa anche di chiarire che cosa si intende per "salvo i diritti dei terzi" nonchè si pronuncia sull'annullamento d'ufficio del titolo

Continua

Mutamento urbanisticamente rilevante, interviene la Corte di Cassazione

Con la Sentenza n. 13491 del 2021 la Corte spiega che cosa debba intendersi per mutamento e in che modo debba avvenire la valutazione di incidenza del carico urbano

Continua

La pergotenda: occorre il titolo oppure si tratta di edilizia libera?

Il Consiglio di Stato interviene nuovamente sulla questione. Non occorre il titolo se la pergotenda non altera la sagoma o il prospetto dell'edificio.

Continua

Silenzio assenso e terzo condono edilizio: limiti

Secondo una recentissima sentenza del Consiglio di Stato, il silenzio assenso sull'istanza di sanatoria si configura solo se la domanda presentata è completa

Continua

Abuso, la data di realizzazione va dimostrata dal proprietario

Secondo il Consiglio di Stato, la p.a. esercita un potere vincolato e la scelta della sanzione pecuniaria in luogo di quella demolitoria rientra nella fase esecutiva

Continua

Quando è possibile la revoca dell'ingiunzione a demolire?

La Corte di Cassazione con una recente sentenza individua le condizioni a cui potrà essere subordinata la revoca dell'ingiunzione a demolire in sede penale

Continua

Il silenzio inadempimento della p.a. nei procedimenti edilizi

Con un interessante sentenza, il Consiglio di Stato chiarisce la portata e i limiti del silenzio inadempimento nei procedimenti tesi alla regolarizzazione dell'abuso

Continua

Condono edilizio, il limite di ampliamento della costruzione origine

Con la sentenza del Consiglio di Stato si chiarisce che il limite imposto dalla legge va parametrato rispetto alla singola unità immobiliare

Continua

Concorsi, l'utilizzo della matita personale non è causa di esclusione

Il T.a.r. del Lazio annulla un provvedimento di esclusione dal concorso di un candidato che aveva introdotto e utilizzato una matita personale

Continua

Agibilità, abitabilità e conformità urbanistico-edilizia

Nella Sentenza in esame il Consiglio di Stato spiega quale rapporto ci sia tra le terminologie soventemente utilizzate quali sinonimi ma dal significato diverso

Continua

Canna fumaria, legittima se non altera il valore architettonico

La Corte di Cassazione con Ordinanza stabilisce quando deve ritenersi lecita l'istallazione di una canna fumaria a ridosso di un muro perimetrale di proprietà comune

Continua

Sanatoria edilizia e vincoli derivanti dal piano paesaggistico

Con una recente sentenza il Consiglio di Stato si sofferma sulla compatibilità degli aumenti volumetrici in area vincolata e la loro sanabilità ex post

Continua

Appalto: rapporto tra ricorso principale e ricorso incidentale

In questo articolo approfindiamo il rapporto tra ricorso principale e ricorso incidentale

Continua

Diritto Ambientale: che cosa si intende per scarico?

In estrema sintesi vengono riportati i principi statuiti dalla giurisprudenza in materia di scarico all'interno dei corpi idrici superficiali

Continua

Controllo tardivo SCIA edilizia: il potere della pubblica amministrazione

Il Consiglio di Stato si esprime sul silenzio serbato da un’amministrazione su una segnalazione di un possibile abuso e sul controllo tardivo di una SCIA edilizia

Continua