Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Superbonus 110%: l'Agenzia Entrate ammette i compensi dei professionisti


L'Agenzia delle Entrate chiarisce la detrazione dei compensi dei professionisti
Superbonus 110%: l'Agenzia Entrate ammette i compensi dei professionisti

Con la risposta n. 254 del 15 aprile 2021 resa dall'Agenzia delle Entrate in seguito a specifico interpello si pone fine ai dubbi.

L’Agenzia Entrate quindi precisa: i compensi che i professionisti sono chiamati a redigere come le asseverazioni, l’ A.P.E. ecc sono costi direttamente riferibili alla pratica del superbonus e come tali, specificamente indicati nella fattura del general contractor che gli ha corrisposto il compenso e quindi possono essere a loro volta oggetto di sconto in fattura da parte del contraente generale in favore del committente.

Il contribuente scrive di aver dato mandato senza rappresentanza al fornitore unico che agisce come contraente generale, cioè il così detto general contractor allo scopo di pagare le fatture ai professionisti coinvolti nelle opere "con addebito del relativo importo a suo carico il quale, a sua volta, in virtù del predetto mandato potrà pagare ai soggetti coinvolti le fatture relative ai servizi professionali e, successivamente, potrà fatturare all'Istante il medesimo importo, senza alcun ricarico, applicando lo sconto in fattura ed indicando esplicitamente in fattura la dicitura " compenso per servizi professionali svolti dal professionista" in maniera ben distinta dall'importo fatturato per i lavori".

L'Istante ha altresì specificato che i servizi professionali necessari per lo svolgimento dei lavori erano:

  • redazione A.P.E.,

  • responsabile dei lavori,

  • asseverazione,

  • visto di conformità,

  • direzione dei lavori,

  • responsabile della sicurezza,

  • l'effettuazione delle pratiche amministrative e fiscali inerenti all'agevolazione.

La riposta dell’Agenzia delle Entrate: “essendo necessario, ai fini del Superbonus e dell'esercizio dell'opzione, che siano documentate le spese sostenute e rimaste effettivamente a carico del committente/beneficiario dell'agevolazione, nella fattura emessa dal " contraente generale" per riaddebitare all'Istante le spese relative ai servizi professionali, o in altra idonea documentazione, deve essere descritto in maniera puntuale il servizio ed indicato il soggetto che lo ha reso”.

Resta fermo che il riconoscimento dello sconto in fattura da parte del fornitore unico anche per servizi professionali necessari per lo svolgimento dei lavori e per l'effettuazione delle pratiche amministrative e fiscali inerenti l'agevolazione è consentita, a condizione che gli effetti complessivi siano i medesimi di quelli configurabili nell'ipotesi in cui i professionisti che rendono i servizi in questione avessero effettuato direttamente lo sconto in fattura al committente, beneficiario dell'agevolazione".

L'Agenzia delle Entrate è chiara, allo stesso modo, nell'escludere una spesa da quelle detraibili: i così detti costi di "mero" coordinamento.

Quindi sia i costi del general contractor che fa da mandatario senza rappresentanza del committente, così come quello dell'amministratore di condominio non sono detraibili.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Super Ecobonus 110 e le assemblee condominiali in emergenza Covid-19

Come si può conciliare la possibilità per il condominio di ottenere il bonus 110% e l'impossibilità oggettiva di tenere una assemblea condominiale immune da rischi

Continua

Condominio: è davvero scaduto il termine dei 180 giorni per il rendiconto in epoca Covid-19?

I provvedimenti anti Covid-19 si configurano come impossibilità sopravvenuta in merito all'obbligo di tenere le assemblee entro 180 giorni dalla chiusura dell'esercizio

Continua

Perchè è meglio evitare l'uso del contante in condominio?

Il contante in condominio e i suoi rischi, sia negli incassi delle quote condominiali sia nel pagamento dei fornitori

Continua

D.P.C.M. 3 novembre 2020: faq e assemblee in presenza

Il Dpcm 3 novembre 2020 impone delle restrizioni, ma le Faq governative risultano essere contraddittorie con i divieti imposti

Continua

Condominio: il diritto di visione della documentazione condominiale

I condomini possono prendere visione dei documenti giustificativi di spesa in ogni tempo ed estrarne copia a proprie spese

Continua

L'avviso di convocazione dell'assemblea condominiale

Dal 2014 la giurisprudenza afferma la sussistenza della tassatività delle forme dell'avviso di convocazione. Ecco quali sono

Continua

L’assemblea indica come impiegare gli attivi di gestione per compensa

L'assemblea indica come impiegare gli attivi di gestione derivanti da rendite

Continua

E' legittimo convocare l'assemblea alle due di notte?

Si può convocare l'assemblea in orari notturni per favorire la partecipazione alla seconda assemblea?

Continua

La prorogatio imperii e le attività dell'amministratore

Focus sulle attività che l'amministratore può svolgere in prorogatio imperii

Continua

Nomina giudiziale dell'amministratore di condominio se il precedente è in prorogatio

La nomina di un amministratore giudiziale quando l'amministratore attuale è in prorogatio imperii

Continua

Avviso di convocazione e registro di contabilità

Quali documenti allegare insieme all'avviso di convocazione per l'approvazione dei bilanci?

Continua

Il condominio parziale e le sue delibere

Le delibere, i partecipanti delle delibere e la divisione delle spese nel condominio parziale

Continua

La messa in mora è indispensabile nel recupero crediti

L'utilità della messa in mora del condomino moroso ai fini del recupero del credito condominiale

Continua

Condominio, il recupero giudiziario del credito

Il codice civile impone all’amministratore di condominio il preciso obbligo di attivarsi per il recupero forzoso delle somme dovute dai condomini morosi

Continua

Nei condomini residenziali è prevista l’IVA al 10% per l’elettricità

Iva agevolata al 10% per l'energia elettrica nei condomini residenziali

Continua

Cause di nullità e di annullabilità delle delibere condominiali

Nuova sentenza delle Sezioni Unite sull'annullabilità o la nullità delle delibere condominiali

Continua