Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Tassi usurari e prestiti bancari


Sono ricorrenti le notizie su banche che applicano degli interessi non dovuti sui mutui o prestiti di varia natura.
Tassi usurari e prestiti bancari
Sono ricorrenti le notizie su banche che applicano degli interessi non dovuti sui mutui o prestiti di varia natura. In materia deve essere in primo luogo chiarita la definizione di usura bancaria, considerata come reato e regolato principalmente dalla Legge n. 108 del 7 marzo 1996. La normativa, in pratica, prevede dei tassi soglia che vengono pubblicati ogni tre mesi sulla Gazzetta Ufficiale dal MEF in base alla rilevazione della Banca d’Italia del TEGM, per tipi omogenei di finanziamenti e basato sulle segnalazioni delle banche. Quando gli interessi applicati superano tali soglie predefinite, si va incontro al c.d. tasso usurario. La difficoltà di calcolo e di conseguenza anche di valutazione giuridica è legata al criterio di calcolo riferito al tasso medio ma, anche agli oneri ricompresi nel calcolo: vanno considerati solo gli interessi o anche le penali, ad es. quella di estinzione anticipata, e gli interessi di mora per ritardato pagamento? La normativa e la prassi giuridica prevalente valutano che rientrano nel conteggio tutti i costi correlati alla concessione del credito al cliente ad esclusione di imposte e tasse con conseguenza la richiesta di restituzione, in sede giudiziaria, dell’importo degli interessi maturati oltre i tassi soglia e corrisposti all’Azienda di credito.

Nota è la recente Sentenza del Tribunale di Busto Arsizio, III Sezione Civile che tratta la fattispecie in questione.

Gli attori, soggetti convenuti e fideiussori, in relazione ad un contratto di mutuo bancario di 125 mila euro, sostengono l’irregolarità del contratto di mutuo giudicandolo illecito per il suo contenuto, non allineato alla normativa anti-usura.

La Banca convenuta, ha eccepito in giudizio la mancata e immediata costituzione da parte degli attori che, per molto tempo, hanno continuato ad adempiere all’obbligazione di pagamento a carico loro, riconoscendone in tal modo la sua legittimità.

In udienza è accolta la domanda degli attori, verificatane la fondatezza. La CTU ha infatti accertato il superamento del tasso soglia con il calcolo della penale prevista per l’estinzione anticipata.

La sentenza specifica che per la configurazione di un contratto viziato ab origine per usura basta la promessa di pagamento degli interessi usurari senza la previsione dell’effettivo pagamento.

La penale rientra nel conteggio del TAEG, tasso annuo effettivo globale, che è un tasso effettivo che considera i periodi effettivi di rimborso più gli altri costi oltre agli interessi quali spese di istruttoria, spese di gestione, ecc.

In tal modo è indicato il costo reale del finanziamento che tiene in debito conto tutti gli oneri e che pareggia l’importo concesso in prestito, dedotte le spese iniziali, e il totale delle rate versate attualizzata. Il contratto è ritenuto usurario ab origine ed in quanto tale la domanda dell’attore è accolta e le istanze della banca respinte e la stessa condannata al risarcimento ai ricorrenti delle somme eccedenti il capitale con esclusione del solo importo del capitale. effettuati i rimborsi (e quindi il tasso effettivo) e co, inoltre, le altre spese che il debitore deve sostenere obbligatoriamente oltre agli interessi (ad esempio, spese di istruttoria della pratica, spese di gestione ed incasso, imposta di bollo e così via), fornendo un dato sul reale costo del finanziamento, onnicomprensivo di tutti gli oneri. In particolare, il TAEG è il tasso che rende uguale l’importo concesso in prestito (decurtato dalle spese iniziali) e la somma dei versamenti rateizzati attualizzati.

Il TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale) tiene conto con esattezza dei periodi in cui vengono effettuati i rimborsi (e quindi il tasso effettivo) e considera, inoltre, le altre spese che il debitore deve sostenere obbligatoriamente oltre agli interessi (ad esempio, spese di istruttoria della pratica, spese di gestione ed incasso, imposta di bollo e così via), fornendo un dato sul reale costo del finanziamento, onnicomprensivo di tutti gli oneri. In particolare, il TAEG è il tasso che rende uguale l’importo concesso in prestito (decurtato dalle spese iniziali) e la somma dei versamenti rateizzati attualizzati.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Leasing, fallimento dell'utilizzatore

La Cassazione detta i criteri per la determinazione del credito del concedente. Cassazione civile sez. I, 13 settembre 2017, n. 21213

Continua

Circolazione Stradale

Cassazione civile, sez. VI, 11 Dicembre 2017, n. 29604.

Continua

Nullità contratti bancari, violazione della trasparenza

Violazione della normativa sulla trasparenza bancaria e nullità dei contratti di mutuo e leasing

Continua

Leasing finanziario, regime dei vizi della cosa

Regime dei vizi della cosa oggetto del contratto di fornitura. Vizi anteriori e successivi alla consegna

Continua

Illegittima segnalazione in CRIF

Risarcimento dei danni non patrimoniali per illegittima segnalazione in CRIF (Sentenza Tribunale di Brindisi 23 aprile 2018 - Dott. Natali)

Continua

Blockchain: i campi di applicazione

Con l’affermarsi delle cripto-valute, tra le più conosciute il Bitcoin, si affermano piattaforme tecnologiche come la tecnologia Blockchain

Continua

PSD2: payment legislative package

L’Italia, con l’approvazione del D.lgs. n. 218/2017, ha recepito la PSD2 e dato attuazione al regolamento sulle Interchange Fee

Continua

Contrattazione nell`epoca del lavoro digitale

Anche per il Lavoro gestito con piattaforme digitali nell’era della gig economy è giunto il momento della svolta nella regolamentazione

Continua

Mark to market oggetto del contratto derivato

La prevalente giurisprudenza attribuiva determinante evidenza alla causa del negozio per l’esercizio dell’azione di nullità contrattuale

Continua

Polizze vita

Senza garanzia di restituzione del capitale è solo un investimento senza contenuto assicurativo

Continua

Non Performing Loans

Il 2016 è l’anno della svolta con cui il sistema bancario italiano ha fatto nascere uno dei primi mercati mondiali di crediti deteriorati

Continua

Italia paese di inventori?

Qual è l’effettiva motivazione di un livello così basso di presentazione di domande di brevetto depositate in Italia?

Continua

Ordine di investimento: è necessaria la forma scritta?

Cassazione Civile, sez. I, sentenza 08/02/2018 n° 3087

Continua

Cliente insolvente, la concessione del credito risulta abusiva

Quando la concessione del credito risulta abusiva?

Continua

Sentenza storica dilaziona un debito a trent’anni per sovra-indebitamento

Importante Sentenza del Tribunale di Parma in merito alla sovra esposizione debitoria

Continua

Quando l’investimento è rischioso? Banca e onere d’informazione

Cassazione civile, sez. I, sentenza 23/09/2016 n° 18702

Continua