Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Tasso di mora e usura


Tre orientamenti favorevoli ai clienti
Tasso di mora e usura
L’esperienza giornaliera nelle aule giudiziarie ci testimonia che spesso i contratti di mutuo risultano essere usurari in caso di morosità.
Posto che, ormai, appare pacifico (salvo qualche sporadica eccezione - vedi ad esempio qualche decisione del Tribunale di Brescia o di alcuni altri Tribunali del nord est - in senso contrario) che non è rilevante se gli interessi di mora siano stati pagati bensì se siano stati pattuiti, le banche, spesso, si difendono affermando che la morosità in quanto tale è irrilevante ai fini dell’usuraarietà del contratto mutuo.
L’affermazione non è condivisibile per le seguenti ragioni.
Appare, prima di tutto, opportuno ribadire alcuni principi di diritto, utilizzando le parole di una recentissima Ordinanza della Suprema Corte di Cassazione: "... è noto che in tema di contratto di mutuo, l'art. 1 della l. n. 108 del 1996, che prevede la fissazione di un tasso soglia al di là del quale gli interessi pattuiti debbano essere considerati usurari, riguarda sia gli interessi corrispettivi che quelli moratori. Ha errato allora il tribunale a ritenere in maniera apodittica che il tasso di soglia non fosse stato superato nella fattispecie concreta, solo perché non sarebbe consentito cumulare gli interessi corrispettivi a quelli moratori al fine di accertare il superamento del detto tasso" (Cass. Ord. 5598/2017; con principio affermato già da Cass. 14899/2000).
Alla luce di quanto scrive il Giudice di Legittimità, non dovrebbero esserci dubbi.
Anche fra coloro (ormai come si diceva sopra la maggioranza delle Corti di merito) che ritengono rilevante l’interesse di mora, ai fini del giudizio di usurarietà del contratto di mutuo, si rinvengono delle distinzioni di una certa importanza.
Ad oggi, si possono individuare tre orientamenti diversi.
Il primo, sorto ed affermatosi a seguito della notissima sentenza del Tribunale di Udine del 26.09.2017, si fonda sul principio di unitarietà del TAEG, in base al quale ai fini della verifica dell’usurarietà del contratto di mutuo è necessario calcolare il Taeg nei diversi scenari previsti dal contratto stesso (ivi incluso il caso di morosità) e raffrontarlo al tasso soglia riferito alla specifica categoria di finanziamento ed al periodo nel quale il contratto è stato stipulato. Se il predetto TAEG, in uno di questi scenari, supera il tasso soglia allora il contratto di mutuo è usurario.
Il predetto orientamento, sino ad oggi, è altresì prevalso presso molti autorevoli Tribunali fra i quali, ad esempio, Genova e Torino.
Il secondo orientamento è, invece, rappresentato dall’Ordinanza della Suprema Corte di Cassazione, sopra citata.
In base a detto orientamento, l’usurarietà e la conseguente gratuità del contratto di mutuo può conseguire anche soltanto dal raffronto del tasso soglia con il solo tasso di mora, senza che si debba ricorrere al calcolo del TAEG.
A sostegno di tale orientamento, si segnalano due sentenze: la numero 1157/2017, emessa dal Tribunale di Genova, in data 04.05.2017 e la seconda (la numero 3114/2016) emessa dal Tribunale di Bergamo, in data 25.10.2016. Quest’ultima, è molto articolata ed offre diversi spunti di riflessione, spiegando le ragioni (spesso e volentieri condivisibili in quanto ben motivate) che hanno indotto il Giudicante a ritenere di aderire a questo orientamento.
Vi è, infine, l’orientamento rappresentato dalla notissima e, più volte, commentata sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 350 del 2013 che ha statuito: "La stessa censura (sub b), invece, è fondata in relazione al tasso usurario perché dalla trascrizione dell'atto di appello risulta che parte ricorrente aveva specificamente censurato il calcolo del tasso pattuito in raffronto con il tasso soglia senza tenere conto della maggiorazione di tre punti a titolo di mora, laddove, invece, ai fini dell'applicazione dell'art. 644 c.p., e dell'art. 1815 c.c., comma 2, si intendono usurari gli interessi che superano il limite stabilito dalla legge nel momento in cui essi sono promessi o comunque convenuti, a qualunque titolo, quindi anche a titolo di interessi moratori (Corte cost. 25 febbraio 2002 n. 29: "il riferimento, contenuto nel D.L. n. 394 del 2000, art. 1, comma 1, agli interessi a qualunque titolo convenuti rende plausibile - senza necessità di specifica motivazione - l'assunto, del resto fatto proprio anche dal giudice di legittimità, secondo cui il tasso soglia riguarderebbe anche gli interessi moratori"; Cass., n. 5324/2003)".
Lo Scrivente ha trascritto gran parte della motivazione della suddetta sentenza perché, in molti hanno commentato l’hanno commentata ma, a parere di chi scrive, se si legge il testo della decisione ed il caso in cui la Corte di Cassazione ha espresso i principi sopra menzionati, si giunge alla conclusione che la Suprema Corte di Legittimità ritiene che, nel calcolo del tasso da confrontare a quello soglia, si debba considerare, sempre, anche la "maggiorazione di (...)punti a titolo di mora" (per usare le parole del relatore della suddetta decisione).
Si può scegliere (in maniera motivata) di aderire ad uno dei tre orientamenti ma ciò che appare evidente è che l’interesse di mora è rilevante ai fini del sindacato circa l’usurarietà, o meno, del contratto di mutuo.
Si evidenzia solo un aspetto che appare rilevante agli occhi di un osservatore esterno: a parità di condizioni, raffrontando i risultati dei conteggi che discendono dall’applicazione di ciascuno dei tre orientamenti, quelli sostenuti dalla Suprema Corte di Cassazione, risultano, alla prova dei fatti, più favorevoli ai clienti delle banche.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

BULLISMO E CYBERBULLISMO

IL CYBERBULLISMO: DEFINIZIONE, CONDOTTE E MEZZI DI CONTRASTO

Continua

L'inquilino nel condominio

Il conduttore di un immobile ha diritto ad essere convocato dall'Amministratore pro tempore; in caso contrario, le delibere approvate saranno viziate

Continua

Frazionamento di un bene in condominio

Il frazionamento di un bene di proprietà esclusiva di un condòmino: un caso pratico

Continua

Recesso ingiustificato del promittente compratore

Il mancato rispetto di un termine intermedio non costituisce grave inadempimento tale da giustificare il recesso del promittente compratore

Continua

Diniego illegittimo del permesso di soggiorno

Le condanne relative a reati ostativi non possono comportare automaticamente il diniego del permesso di soggiorno se intervenute prima del 2002

Continua

Illegittimità della C.M.S. e C.D.F.

Nullità di tutte le clausole comunque denominate che prevedano commissioni a favore delle banche a fronte della concessione di linee di credito

Continua

Il rapporto fra il condominio ed i suoi fornitori

Ottenuta la condanna del Condominio, il creditore può procedere all'esecuzione contro i singoli morosi in base alla quota di proprietà esclusiva

Continua

Opposizione a Decreto ingiuntivo e precetto

E' inammissibile proporre contestualmente, con lo stesso atto, l`opposizione a decreto ingiuntivo e l`opposizione all`atto di precetto

Continua

La delibera di approvazione del bilancio

Il Giudice dell’opposizione a decreto ingiuntivo non ha il potere di sindacare la validità della delibera che ha approvato il bilancio

Continua

E' esclusivo il foro del condominio consumatore

Il foro del consumatore è da considerarsi esclusivo ed inderogabile anche allorquando la qualità di consumatore è rivestita dal condominio

Continua

Efficacia della sentenza di divisione ereditaria

Il capo della sentenza di primo grado che condanni una parte a pagare all'altra una somma a titolo di conguaglio è provvisoriamente esecutiva

Continua

Quando è legittimo aprire una porta caposcala

E' invalida la delibera dell’assemblea con cui si vieta al proprietario di aprire un varco di collegamento fra il proprio immobile e l'androne.

Continua

Un contributo in tema di usura bancaria

Il dibattito sull'interpretazione dell'art. 644 c.p. in ambito bancario è aperto e attuale, proviamo a fare un po` di chiarezza

Continua

Il contributo in tema di usura: C.M.S. e C.D.S

Illegittimità delle C.M.S. e C.D.F. alla luce della più recente giurisprudenza di merito: le conseguenze pratiche

Continua

Valore delle istruzioni della Banca d'Italia

Le ragioni che inducono a ritenere che le istruzioni della Banca d'Italia non sono fonti del diritto in tema di calcolo del Teg del contratto di mutuo

Continua

Usura e differenziale di mora

Le argomentazioni giuridiche che dovrebbero indurre a considerare nel calcolo del TEG anche il differenziale di mora

Continua

Divisione immobiliare giudiziaria

Condanna alla rifusione delle spese di lite per la parte che si oppone alla divisione ingiustificatamente

Continua

Sulle linee di credito decide il giudice del conto

Linee di credito e conti anticipi non hanno autonomia rispetto al contratto di conto corrente di riferimento

Continua

Interessi di mora ed usura

Qualora le parti pattuiscano un tasso di mora superiore alla soglia il contratto di mutuo viene convertito in mutuo gratuito

Continua

Usura e costi eventuali

Tutti i costi pattuiti nel contrato di mutuo, anche se eventuali, devono essere considerati nel calcolo del Taeg da confrontare con il tasso soglia

Continua

Nullità del contratto di mutuo

Il contratto di mutuo fondiario è nullo se la banca eroga una somma superiore all'80% del valore dell'immobile compravenduto

Continua

Espropri di pubblica utilità in Liguria

Alcuni consigli pratici per chi si trovi coinvolto, proprio malgrado, in un esproprio per pubblica utilità

Continua

Nullità dei contratti bancari non sottoscritti

I contratti bancari che non siano sottoscritti da entrambe le parti sono nulli per carenza di uno dei requisiti fondamentali del contratto: la forma

Continua

Nullità del contratto di mutuo per falsità del TAEG

Se il TAEG indicato in contratto è difforme da quello pagato si deve applicare l'art. 117 T.U.B. o, in subordine, l'art. 125 bis T.U.B., vista la nullità del contratto

Continua

Cartelle esattoriali prescritte e prova della notifica

E' legittimo impugnare le cartelle esattoriali se l'agente della riscossione non è in grado di fornire la prova della notifica degli atti interruttivi

Continua